HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Le meteore

Kovacic, la tragica parabola del calciatore divenuto contadino

25.04.2014 20.00 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 73620 volte
© foto di Marco Murani/TuttoLegaPro.com

Sono in molti gli stranieri a non aver lasciato il segno nel campionato italiano. E se le limitazioni fino a metà anni '90 avevano centellinato il numero di bidoni e meteore con la sentenza Bosman si è praticamente perso il conto dei giocatori transitati senza lasciar traccia in Italia. Qualcuno di essi ha con sé delle storie curiose, come nel caso di Miljenko Kovacic, un uomo che ha avuto il coraggio di lasciare il mondo del calcio professionistico optando per la religione e per la campagna.

È il 1996 e il Brescia pesca il giocatore, allora 23enne, dal Croatia Zagabria. In patria ha raccolto un buon numero di presenze e qualche gol. È un'ala che ha come caratteristica principale la velocità. Il soprannome "Figlio del vento" rende bene l'idea.

Il tecnico Edi Reja dopo un paio di mesi di naftalina lo lancia a gennaio e da lì fino a fine stagione raccoglie 16 presenze, trovando anche 2 reti. Il Brescia va a vele spiegate verso la Serie A, anche se non si può dire che il croato sia protagonista di questa cavalcata. Per lui sempre spezzoni più o meno lunghi di gara dove si mostra sì un'ottima velocità, ma per lo più fine a sé stessa, senza spunti alternativi: semplicemente un percorrere la corsia destra. Il giocatore evidentemente è da sgrezzare, tuttavia le cose per la squadra vanno bene e alcune magagne non si notano più di tanto.

La squadra vince il campionato di B e nonostante i limiti mostrati a Kovacic viene data la seconda chance, chissà che magari non si ambienta e prende le misure col calcio italiano. Il nuovo allenatore per il massimo campionato è Giuseppe Materazzi, che non vede proprio il croato. Gli basta solo vederlo in allenamento, poi in campo ce lo manda in appena 2 occasioni. Il Brescia a fine anno retrocede, la dirigenza non riesce a trovargli una sistemazione adeguata, Kovacic rimane in rosa ma nemmeno il nuovo tecnico, Silvio Baldini, lo vede. Se con Materazzi il giocatore può vantare 2 gettoni di presenza stavolta ciò che raccoglie è solamente una convocazione.

A fine 1998 il colpo di scena: stufo della situazione Kovacic rescinde il contratto e abbandona il mondo del calcio a soli 25 anni. La sua scelta in un mondo come quello del pallone è davvero singolare: decide di dedicarsi alla preghiera e a coltivare i campi. Kovacic torna in Croazia a fare il contadino e segue la religione di Krishna. "La grinta e l'aggressività dell'attaccante non mi appartengono più o forse non mi sono mai appartenute" dirà.

La vita tra campi, mucche e preghiera dura 2 anni. La voglia di giocare a calcio ritorna e Kovacic si rimette gli scarpini e aiuta il Vrbovec, squadra del paese dove si era stabilito. Poi torna allo Slaven Belupo, club che l'ha lanciato come calciatore. Kovacic ci prende gusto, gioca e segna con frequenza, tanto da farsi notare ancora una volta oltreconfine: nel 2003 è l'Hapoel Petah Tiqwa che lo chiama e lui prende il volo per Israele. Una stagione da titolare, poi il ritorno a casa, dapprima per rivestire la maglia dello Slaven Belupo, poi il dietrofront e il ritiro, questa volta definitivo, in campagna.

Una vita tranquilla che viene improvvisamente spezzata in un giorno di agosto del 2005: in sella alla sua moto Kovacic si schianta a tutta velocità in autostrada, mentre viaggiava verso Zagabria. Kovacic muore a 32 anni. Il "figlio del vento" se ne va per la troppa velocità: un segno beffardo del destino.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori)...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.