HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

La parabola di Dhorasoo: calciatore, regista, attore e giocatore di poker

01.10.2015 10.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 50648 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Il Milan dei primi anni 2000 ha uno dei centrocampi più forti al mondo: Pirlo in cabina di regia, Gattuso in mediana, Seedorf interno e Kakà trequartista. E in panchina Massimo Ambrosini e Cristian Brocchi. Intorno a loro una lunga serie di giocatori, anche con un importante curriculum alle spalle, ridotti a comprimari per non dire meteore vere e proprie: Redondo, Emerson, Vogel, Dhorasoo per fare alcuni nomi. Ci soffermiamo proprio su quest'ultimo.

Nato in Alta Normandia, ma di origini indo-mauriziane, Vikash Dhorasoo cresce calcisticamente nel Le Havre, dove esordisce in Ligue 1 mettendosi in mostra come uno dei centrocampisti più interessanti del panorama transalpino, tanto da vincere a 25 anni il premio di miglior giocatore del campionato. E' il momento per fare il grande salto e infatti lo acquista il Lione e in poco tempo viene convocato in Nazionale.

In Italia arriva già maturo, nell'estate del 2004. Ha passato i trent'anni, svincolato di lusso. Dovrebbe far tirare il fiato a Seedorf viste le sue qualità tecniche e il grande senso tattico. La sensazione è che il meglio l'abbia già dato, tanto da vivere la stagione da calciatore nel completo anonimato: 12 presenze, di cui solo 5 giocate per intero, in Serie A; 4 presenze in Champions League (una solo da titolare) e tre partite di Coppa Italia. Tutto quanto senza segnare alcun gol. Anzi, uno l'avrebbe anche realizzato e tra l'altro spettacolare a San Siro contro il Bologna: una girata da fuori area finita all'incrocio. Gol annullato misteriosamente dall'arbitro Massimo De Santis.

Dhorasoo assiste alla cavalcata del Milan in Champions League prevalentemente dalla panchina ed è spettatore anche nella maledetta notte di Istanbul. A fine stagione decide di lasciare l'Italia per conquistarsi i Mondiali 2006. Va al Paris Saint-Germain per 3 milioni di euro, consentendo al Milan di ottenere un'insperata plusvalenza. Tutti felici, anche perché il buon Vikash conquista la chiamata di Domenech ma ancora una volta assisterà dalla panchina a una bruciante sconfitta della sua squadra in finale. Le infinite panchine gli fanno maturare un'idea: perché non filmare la vita del ritiro della Nazionale francese dal punto di vista di una riserva, nella fattispecie lui stesso? Nasce il film-documentario: "Sobstitute" che finisce addirittura al Festival del Cinema di Berlino. Peccato che ciò non venga apprezzato né dai compagni di squadra né da Domenech. Nessuno ha tollerato la violazione della privacy, il risultato è l'esclusione dalla Nazionale francese.

Ritenterà la fortuna in Italia nel 2007 al Livorno. Piazza ideologicamente perfetta per un giocatore dichiaratosi apertamente di sinistra. A tal proposito racconterà a La Gazzetta dello Sport: "Dopo il corso d'italiano, Costacurta si mise a conversare in francese e mi fece notare che leggevo Libération che come Repubblica non era giornale gradito a Milanello. Era una battuta, ma il fisioterapista mi consigliò di nasconderli sotto la giacca".

Tuttavia l'esperienza livornese andrà persino peggio che col Milan: zero presenze: "Non scattò mai la scintilla, né con la città né con i dirigenti che non mi pagavano. Erano organizzati male. Alla fine scappai dall'aeroporto di Firenze perché temevo di essere bloccato dagli ultrà a Pisa" dichiarerà facendo anche un mea culpa: "Era anche colpa mia, ero un giocatore a fine carriera". Il presidente dei labronici, Aldo Spinelli, commentò così il suo addio: "Era stato preso nonostante non fosse in condizioni ottimali. Il nostro allenatore non lo considerava ancora pronto per la Prima squadra e il fatto di giocare con la Primavera sarebbe stata un'ottima verifica; il giocatore però non ha accettato le decisioni della società ed a me non è rimasta possibilità di scelta".

Dopo il ritiro ha iniziato la carriera da giocatore di poker che prosegue tuttora: i guadagni ammontano a quasi mezzo milione di dollari. Circa il cinema ha preso parte a due pellicole ed è molto attivo nel sociale.

E il calcio? Ha provato a entrarci prima come possibile capo di una cordata pronta a rilevare il suo vecchio club, il Le Havre, fallendo il tentativo (2009); poi diventando nello stesso presidente dell'Entente, salvo poi tirarsi indietro dopo qualche mese.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.