HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Lehmann, fra l'incubo Batistuta e l'ombra di Rossi

13.11.2012 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 25145 volte

Il Milan da fine anni '80 in poi ha costruito i suoi grandi successi grazie a una difesa insuperabile: Tassotti, Costacurta, Baresi e Maldini la cerniera che ha regalato campionato, coppe e record d'imbattibilità. Eppure per quanto abbiano contribuito, i portieri sono sempre stati considerati l'anello debole del reparto. Lo stesso Sebastiano Rossi nonostante i 929 minuti di porta inviolata spesso e volentieri si è dovuto giocare il posto: nel 1997 fu preso Taibi, per poi venire superato nelle gerarchie dallo storico Sebastiano, nel 1998 il Milan acquista Jens Lehmann, ammirato nella Coppa Uefa di un anno prima quando difendendo i pali dello Schalke 04 arrivò a vincere a sorpresa il torneo, superando l'Inter. La Germania ha come portiere titolare il mostro sacro Oliver Kahn, lui però è il primo che tenta di insidiargli il posto e la cosa non è da poco. Nel febbraio 1998 fa il suo esordio, a 28 anni. E qui il primo dubbio: come mai un'esplosione così tardiva? Ma si sa, i portieri maturano dopo e non a caso hanno una carriera più longeva. E poi in caso di difficoltà a sbloccare il risultato la butta anche dentro: è lui il primo portiere tedesco a segnare, pareggiando l'incandescente derby col Borussia Dortmund. Il Milan finito per il secondo anno con le ossa rotte si convince: per la rifondazione si decide di affidare la porta al teutonico, d'altronde Germania è sinonimo di sicurezza. Parte la stagione: Milan-Bologna 3-0, Bierhoff fa due gol, Leonardo chiude. Per Lehmann serata tranquilla. Seconda giornata, si va all'Arechi contro la Salernitana: ancora Bierhoff e Leonardo in gol, poi Breda a due minuti dalla fine su punizione: parabola imparabile, nessuna colpa sul gol subito. Arriviamo al fatidico sabato 26 settembre 1998, ossia l'inizio della fine di Jens Lehmann al Milan. A San Siro scende in campo la Fiorentina di Trapattoni. E soprattutto di Batistuta. L'argentino è scatenato ma più che altro è Lehmann a esaltarlo: siamo al sesto minuto e Costacurta serve un assist involontario al bomber viola che dal limite dell'area fa partire un rasoterra secco ma non irresistibile. Lehmann si fa passare dalle mani il tiro ed è 0-1. Secondo tempo, primo minuto: Rui Costa lancia in profondità Batistuta che è defilato ma prova il diagonale di destro, ancora una volta non irresistibile ma Lehmann si fa passare il pallone in mezzo alle gambe: 0-2. Minuto 53': Costacurta nel tentativo di anticipare Rui Costa passa indietro a Lehmann, il portiere incredibilmente raccoglie con le mani regalando una punizione in area di rigore ai viola che Batistuta trasforma in rete con un tiro violentissimo. Il Milan perderà 1-3 e tutte le certezze su Lehmann crollano. Il tedesco si riscatta a Venezia giocando alla grande e contribuendo al successo rossonero per 2-0. Poi alla quinta giornata altro pasticcio: si gioca a Cagliari e Lehmann è protagonista di un'uscita a dir poco intempestiva e a vuoto che permette a De Patre di insaccare facilmente. Passano i minuti e al 27' Lehmann stende Muzzi lanciato a rete: è rigore e infortunio per il portiere, costretto al cambio. Al suo posto Seba Rossi che tanto per cominciare para il rigore dagli undici metri. Proprio questo intervento sancisce il sorpasso del portierone romagnolo e l'accantonamento di Lehmann, che non metterà più piede in campo fino a gennaio, quando verrà ceduto a titolo definitivo al Borussia Dortmund. Fine dell'avventura, inizio di una nuova carriera dove l'estremo difensore riuscirà a rilanciarsi alla grande, tanto dal passare dopo 5 stagioni in Westaflia all'Arsenal e a diventare portiere titolare dei mondiali del 2006. Per il Milan poco male, per la cronaca il campionato 1998/99 lo andrà a vincere, anche se non con Sebastiano Rossi in porta. Ironia della sorte gli saranno fatali undici metri, dove per un raptus colpisce Christian Bucchi rimediando un cartellino rosso. A sostituirlo uno sconosciuto Christian Abbiati. Era il 17 gennaio 1999 e quasi quattordici anni dopo è ancora lui a difendere i pali dei rossoneri.

Jens Lehmann ; 01.03.2006; Firenze; Amichevole Germania 2006 ITALIA-GERMANIA 4-1
© foto di Federico De Luca
ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.