HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Luis Silvio, il capostipite delle meteore

05.10.2012 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 19395 volte
© foto di Francesco Scopece/TuttoLegaPro.com

Le categorie meteore o bidoni, che spesso coincidono, nel calcio italiano, almeno dalla riapertura delle frontiere, hanno un padre, un capostipite: Luis Silvio Danuello. Un giocatore il cui flop è stato tale da passare paradossalmente da meteora a leggenda. E a proposito di leggende, infinite se ne sono raccontate sul suo conto. Ma andiamo con ordine: estate 1980, le frontiere finalmente sono riaperte e le società di Serie A, solo loro, possono tesserare un solo straniero (all'epoca dicasi straniero persona nata e cresciuta su suolo non italiano, a prescindere da vere o presunte radici italiane come vediamo oggi). In Serie A in quell'anno ci va a sorpresa la Pistoiese e per non essere da meno con le grandi che nel frattempo prendevano Brady, Krol. Prohaska e Falcão, mandano l'allora tecnico in seconda Giuseppe Malavasi in Brasile col compito di tornare con un pezzo da '90 per l'attacco. All'epoca non c'erano i mezzi che ci sono oggi per vedere il calcio da tutto il mondo: niente Internet, calcio tv dall'estero men che meno e dalla carta stampata pochissime informazioni. In questo momento nascono una serie di leggende metropolitane: Malavasi, recatosi a Sao Paulo per visionare Palinho del Palmeiras assistendo a un'amichevole del Ponte Preta nota un giocatore agile, guizzante e incisivo che segnerà due reti: Luis Silvio Danuello, per l'appunto. Il viceallenatore toscano se ne innamora e conclude l'affare per 170 milioni di lire. La Pistoiese trova l'attaccante che cercava, una punta brasiliana che può far sognare la tifoseria e strappare qualche abbonamento in più. Peccato che Luis Silvio punta non sia. E l'equivoco continua al suo sbarco in Italia, quando alla domanda "sei una punta?" il brasiliano risponde: "sì, sono una ponta". Peccato che ponta in portoghese significhi "ala". Insomma, il suo mestiere è crossare e non segnare. A Pistoia si accorgono dell'abbaglio troppo tardi, Luis Silvio viene schierato 6 volte prima che ci si renda conto di aver preso un granchio e il povero giocatore, vittima dell'equivoco, viene presto accantonato. Finito nell'oblio Luis Silvio è tornato alla ribalta negli ultimi anni ogni qual volta si sia ripresentata una meteora o un bidone nel calcio italiano. Nessuno però al suo livello, nessuno che abbia portato a scatenare leggende metropolitane di ogni genere: dal semplice passaparola ai siti internet attuali si legge di un Luis Silvio rimasto a Pistoia a vendere gelati al bar dello stadio della Pistoiese, di un Luis Silvio pizzaiolo o addirittura attore di film hard. La verità la racconterà lui nel 2007, rintracciato da "La Gazzetta dello Sport": ha lasciato l'Italia dopo l'esperienza alla Pistoiese per non tornarci più, continuando a giocare in Brasile fino a fine anni '80. I guadagni nel calcio sono stati investiti nella rivendita di ricambi per macchine industriali, non ha mai venduto gelati allo stadio di Pistoia e nemmeno girato film porno. A distanza di qualche anno lo stesso Luis Silvio ha ispirato Sergio Martino e Lino Banfi nel film cult "L'allenatore nel pallone" quando lo stesso Banfi, nei panni dell'allenatore della Longobarda Oronzo Canà, fu spedito in Brasile per portare a casa un novello Pelé, poi trovato nei campi spelacchiati adiacenti al Maracanã tramite due mediatori imbroglioni. Al contrario di Malavasi, però, a Canà andò bene visto che il brasiliano del fil, Aristoteles, condusse la squadra alla salvezza...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.