HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Marcio Santos: fra gaffes e autoreti, sognando Sharon Stone

21.01.2013 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 28965 volte
© foto di Federico De Luca

I mondiali del 1994 verranno ricordati per la vittoria del Brasile 24 anni dopo e sempre con la stessa avversaria: l'Italia. L'immagine collettiva della finalissima di Pasadena, che ebbe il suo epilogo ai calci di rigore, fu il rigore alle stelle di Roberto Baggio, che consegnò la coppa a Carlos Dunga e compagni. Un rigore che mise in secondo piano gli errori altrettanto decisivi di Franco Baresi e Daniele Massaro, annullando invece del tutto quello di Marcio Santos, che si fece parare il tiro da Gianluca Pagliuca. Campione del mondo anche lui, roccioso difensore brasiliano che fu protagonista di una buona rassegna iridata e segnò pure un gol, contro il Camerun, nel girone eliminatorio. L'Europa l'aveva già scoperto, infatti Marcio Santos all'epoca era già da un paio di stagioni un giocatore del Bordeaux, dove aveva fatto piuttosto bene.

La rassegna iridata fa alzare il costo del suo cartellino e fra le squadre interessate la spunta la Fiorentina, appena promossa in Serie A. Vittorio Cecchi Gori vuole recuperare il terreno perduto cercando di allestire una formazione in grado di raggiungere la zona Uefa. Ceduto Effenberg al Bayern, gli altri due posti per gli stranieri al fianco di Batistuta sono presi dal portoghese Rui Costa, preso dal Benfica e proprio da Marcio Santos, strappato ai girondini per 5 miliardi e mezzo di lire. Da buon amante del gentil sesso e venendo a sapere il mestiere di Cecchi Gori nasce una scommessa alla stipula del contratto: una cena con Sharon Stone al raggiungimento delle 7 reti in campionato. Il compito non è facile, visto che parliamo di un difensore centrale. A Firenze però c'era l'incoraggiante precedente di Daniel Passarella, che arrivò addirittura ad 11 gol. Certo, il caudillo si aiutò con 5 rigori mentre dagli undici metri il buon Marcio si distinse per un errore in una finale di mondiale, non proprio un gran biglietto da visita...

Si parte e di Santos nemmeno l'ombra di un gol. Ma per quelli ci pensa, per fortuna della Fiorentina, Batistuta. Il problema è che invece i gol subiti sono tanti, la viola è una delle peggiori difese del torneo. La stagione si trascina via deludente sia per il giocatore che per la squadra, che è lontana dal treno Uefa. Ad aprile e ancora a quota zero gol Marcio Santos decide di rompere il ghiaccio, peccato che lo fa nella porta sbagliata: si gioca a Bari e a un certo punto della partita il centrocampista dei pugliesi Pedone cerca con un lancio in profondità Tovalieri, Santos anticipa l'attaccante al limite dell'area con un colpo di testa che supera in pallonetto Toldo. Il giocatore si riscatterà la settimana successiva, al Franchi contro il Napoli: calcio d'angolo battuto da Rui Costa e il difensore svetta più in alto di tutti e segna. Sharon Stone è a soli 6 gol e ci sono ancora 7 partite da giocare. Invece Marcio Santos ritorna nella mediocrità, la Fiorentina incassa mediamente due reti a partita e può dire addio all'Europa. Alla terzultima giornata va in scena la partita contro il Torino e qui Marcio Santos fa e disfa nella vittoria 6-3: prima un autorete, poi un gol. 2 reti fatte, Sharon Stone è a 5 reti. Mancano due partite e le speranze sono ormai andate. Saranno due ko, cinque reti subite e prove incolori per il brasiliano, la cui stagione è piuttosto deludente. La Fiorentina chiude con la terzultima difesa della Serie A. Per la stagione successiva i viola preferiscono puntare sui neo-acquisti Lorenzo Amoruso e Pasquale Padalino, Marcio Santos nonostante tutto ha estimatori di un certo livello e infatti passa all'Ajax campione d'Europa in carica. Giocherà poco in due stagioni, raccogliendo pure troppo. Dopo l'esperienza olandese farà ritorno in patria, con un paio di puntate in Cina e Bolivia, prima di appendere le scarpe al chiodo nel 2006 con un palmares di tutto rispetto ma probabilmente senza poter più vedere un film di Sharon Stone, onde evitare brutti ricordi in maglia viola...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.