HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Petković, il serbo innamorato del pallone e del Brasile

07.12.2012 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 21668 volte
© foto di Federico De Luca

Il Venezia 1998-99 dopo un avvio disastroso che lo vede già spacciato a metà campionato, da gennaio in o riesce a compiere una rimonta di quelle clamorose per il nostro calcio. Gran merito va alle reti di Pippo Maniero e soprattutto ai colpi di genio di Alvaro Recoba, giovane promessa presa dall'Inter un anno prima e approdato in laguna nel gennaio 1998 per giocare con continuità. L'operazione non poteva essere più azzeccata, Recoba trova la stagione della vita, segna 11 reti in 19 partite e sforna assist a ripetizione. A fine stagione i veneti chiuderanno in decima posizione, quattro punti sopra la zona retrocessione.
A fine torneo l'uruguayano raggiunge lo scopo, tornando all'inter in pompa magna. Il Venezia si ritrova così alla ricerca di un giocatore all'altezza per una nuova lotta alla salvezza. Si punta a prendere un giocatore che abbia lo stesso estro, la stessa bravura a illuminare la scena e così i dirigenti lagunari vanno in Brasile e tornano con un serbo. Ebbene sì, non è un errore: caso più unico che raro il Brasileirão, poco avvezzo ad avere giocatori non sudamericani, ha da due stagioni Dejan Petković, trequartista nativo di Majdanpek, paesino della Sebia centrale. Il giocatore incanta nel Vitoria di Bahia, arrivatovi nel 1997 dopo alcune esperienze poco felici in Spagna dove riesce a vestire persino la maglia del Real Madrid. Le merengues lo notano nel 1995 quando 23enne ha già alle spalle un centinaio di presenze con lo Stella Rossa, col quale vince un campionato e due coppe nazionali. A Madrid non si impone, trova pochissimo spazio e viene prestato prima al Siviglia e poi al Racing Santander dove raccoglie poche presenza. L'esperienza brasiliana al Vitoria lo rilancia e accolto con curiosità riesce a incantare la Torçida segnando 16 reti in 29 partite e vincendo il campionato bahiano.

È l'estate 1999 e a Venezia ci si prepara per la seconda stagione di fila in A. Non c'è più in panchina Walter Alfredo Novellino, al suo posto l'emergente Luciano Spalletti, che punta subito su Petković, in coppia con Maniero. In campo i numeri si vedono: Petković da buon slavo ama i dribbling, la giocata individuale. Pure troppo. E se in Serbia e in Brasile questo stile può funzionare in Italia sei mangiato dai difensori avversari. Lui gioca benino all'esordio con l'Udinese, poi va in gol alla terza partita contro la Roma. Il pubblico si illude ma lo spettacolo dura poco. In breve tempo gli avversari capiscono il giochetto, lui dal canto suo gioca per sé facendo arrabbiare i compagni di reparto e l'allenatore.
Innamorato della palla, anche in allenamento dà sfoggio alla sua natura egoistica, cercando prima di tutto la giocata personale e in seconda battuta il gioco di squadra. Ma il Venezia non può permettersi tanto lusso, deve salvarsi e ha bisogno di gente più concreta. A farne le spese all'inizio è proprio Spalletti, ma considerato che il presidente dell'epoca è Zamparini non è una novità. A gennaio la squadra è con l'acqua alla gola e capisce che bisogna cambiare rotta: Petković inizia per giunta a soffrire come un brasiliano vero di Saudade: non c'è pretesto migliore per sbarazzarsene a gennaio. E così è: il giocatore fa le valigie a gennaio e va al Flamengo. Per lui 13 presenze in campionato, venendo sostituito a partita in corso per 7 volte. Al suo posto il Venezia prende Maurizio Ganz, uno che bada al sodo facendo ciò che gli viene chiesto: il gol. Non basterà ai lagunari per salvarsi, al contrario Petković torna a brillare nel Paese che lo ha adottato: vince due campionati di Rio de Janeiro, prima di finire al Vasco da Gama prima e nei campionati asiatici poi, prima in Cina allo Shanghai, poi in Arabia Saudita all'Al-Ittihad. Parentesi che serve a guadagnare qualche dollaro in più, prima di rientrare ancora una volta in Brasile, dove giocherà fino a 39 anni, chiudendo la carriera al Flamengo, dove viene ricordato come un idolo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.