HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Renato Portaluppi, el... pube de oro

25.09.2012 07.40 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 29992 volte
Renato Portaluppi, el...  pube  de oro

Nell'estate del 1988 arriva la terza riforma sugli stranieri dall'apertura delle frontiere arrivata nel 1980. Dopo essere partiti da un giocatore d'oltreconfine, a due nel 1982, dal 1988 si decide di allargare a 3 il numero di forestieri. Una scelta che a suo tempo farà tanto discutere all'epoca quanto sorridere oggi, pensando a come le squadre diano delle vere e proprie multinazionali. La Roma che nel campionato 1987/88 ha Rudi Voeller e Zibì Boniek saluta il polacco e arruola due brasiliani: Andrade e Renato. Entrambi meritano di entrare di diritto nella categoria "bidoni", ma in questo numero ci occuperemo solamente di Renato Portaluppi, detto Renato Gaucho o più semplicemente Renato.
Lui è già una star internazionale, che a 21 anni decide una Coppa Intercontinentale segnando con la maglia del Gremio una doppietta all'Amburgo. La Roma lo prenderà per 3 miliardi dal Flamengo, dove nel frattempo era andato a giocare. Ala destra potente e guizzante, Renato è fra le star straniere più attese di quel campionato, lui dal canto suo ci mette poco a farsi notare, creando interesse su di sé più che altro per le sue abilità amatorie, tanto da rivelare di aver fatto sesso in aereo proprio nel volo che lo avrebbe portato a Roma. Insomma, più che i terzini, come lo stesso Renato aveva intimato, erano le mogli stesse a dovere stare attente a lui (verrà ribattezzato anche "Pube de oro"). Tuttavia le referenze nei suoi confronti sono ottime: il presidente giallorosso Dino Viola dice che tecnicamente è ai livelli di Maradona, il tecnico Nils Liedholm lo definisce addirittura il "Gullit bianco" per la prestanza fisica e la tecnica. La Roma, insomma, con lui, Voeller e Rizzitelli in avanti fa paura e può puntare allo scudetto. Renato parte bene in coppa Italia e segna contro Prato, Empoli e Piacenza nel girone eliminatorio, poi colpisce in coppa Uefa regalando la qualificazione alla Roma a Norimberga, segnando il 3-1 definitivo che ribalta il ko all'Olimpico per 1-2. Un inizio incoraggiante che non avrà seguito, specie in campionato dove la porta non la vede proprio. I compagni si lamentano del suo egoismo in campo, il rapporto in breve tempo peggiora fino agli scontri con Giuseppe Giannini e Daniele Massaro. Con quest'ultimo si dice siano volate botte da orbi. Nel frattempo la Roma scende sempre più nella mediocrità e gli stessi tifosi dopo un po' perdono le speranze nei suoi confronti. Liedholm inizia a schierarlo sempre meno, facendolo partire spesso dalla panchina, senza comunque riuscire a smuoverlo, inconsistente e perso nei suoi dribbling. Eloquente lo striscione esposto a fine stagione dai supporters: "A Renato ridacce Cochi". La Roma non si qualificherà nemmeno per le coppe europee, venendo battuta nello spareggio Uefa dalla Fiorentina. Renato a fine stagione collezionerà 23 presenze in Serie A senza l'ombra di un gol e al momento di andar via si toglie alcuni sassolini, vuota il sacco e senza mandarle a dire accusa Giannini e Massaro di averlo boicottato e Viola di non averlo difeso. Viene immediatamente rispedito in Brasile e di lui avremo altre tracce ai mondiali di Italia '90, quando verrà inserito nei 22 di Sebastiao Lazaroni per la rassegna iridata. Del resto la sua carriera da calciatore continua cambiando mediamente quasi una squadra all'anno, fino all'ultima stagione del 1999 al Bangu, prima di intraprendere la carriera d'allenatore. Si dice che ora sia un sergente di ferro, incredibile a ripensare ai tempi in cui da calciatore Renato faceva la "bella vita".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.