HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Sammer, il pallone d'oro allergico all'Italia

02.04.2013 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 28661 volte

È uno dei palloni d'oro più discussi della storia e anche un simbolo di mancato adattamento alla Serie A. Un vero peccato perché per quei pochi mesi in Italia, Matthias Sammer aveva fatto vedere di saperci fare col pallone, eccome. Peccato che il nostro paese non gli piaceva proprio e fin dal primo momento in cui ha messo piede nel Belpaese l'idea è stata quella di tornare al più presto nella sua Germania. A rendere l'idea, la testimonianza di chi andando a casa sua sul lago di Como vide che dopo mesi di permanenza i suoi armadi erano ancora vuoti, le valigie mai sfatte. Ma andiamo con ordine:

Matthias Sammer nasce a Dresda, allora DDR. Si mette in evidenza nella squadra della sua città, la Dinamo, con la quale conquistò due titoli della Germania Est e si fece onore in Coppa Uefa nell'88/89, dove si arrese solo in semifinale, dopo aver eliminato la Roma. Con la caduta del muro di Berlino per Sammer si aprono le porte della ricca Germania occidentale e firma un contratto con lo Stoccarda. Nel frattempo il paese si riunifica e il giocatore diventa perno della nazionale tedesca unita.

Gioca a centrocampo, Sammer. Ha buona visione di gioco, leadership ed è bravissimo nelle incursioni nell'area avversaria, tanto da trovare spesso e volentieri la via del gol. L'Eldorado del calcio in quel periodo è l'Italia e la squadra più tedesca della Serie A è l'Inter di Matthaus, Brehme e Klinsmann. Con un blitz il giocatore viene acquistato per la cifra di 9 miliardi di lire nel 1991, ma il trasferimento effettivo sarebbe arrivato solo un anno dopo poiché il limite degli stranieri consentiva di tesserarne solo 3 per squadra e l'Inter era piena. Il giocatore firma un contratto triennale e prima di atterrare a Milano dichiara: "Sono molto felice di poter giocare nell' Inter. Ho fatto bene ad aspettare un anno a trasferirmi in Italia. Per chi come me viene dall' Est, un doppio salto sarebbe stato eccessivo. Sono certo che Matthaus mi aiuterà a conoscere la nuova realtà italiana". Sarà, ma il primo segnale che preoccupa è che Sammer, pur avendo un anno a disposizione per imparare l'italiano non prende minimamente in considerazione questa ipotesi. Arriva quindi senza pronunciare mezza parola nella nostra lingua e subito si trova di fronte a una sorpresa: il tanto stimato Matthaus ha fatto le valigie ed è andato al Bayern Monaco. E con lui sono andati via anche gli altri due tedeschi Brehme, al Saragoza, e Klinsmann, al Monaco. Insomma, il buon Sammer non ha nessun compagno che possa agevolargli l'inserimento. Gli altri stranieri che arrivano sono il russo Shalimov, l'uruguayano Sosa e il macedone Pancev. Già dopo un mese Sammer sbuffa, ne ha abbastanza dell'Italia. Il tecnico di allora Osvaldo Bagnoli gli confeziona il ruolo di regista, vista la finezza di piede e di cervello. Lui però vuole giocare trequartista e sin dalle prime partite fa infuriare il tecnico, proiettandosi in avanti più del dovuto e lasciando scoperta la mediana. Però riesce a distinguersi come uno dei migliori stranieri appena arrivati, giocando con sicurezza e riuscendo a segnare addirittura 4 reti in 11 partite. Ma il suo destino è segnato e all'Inter lo sanno. Bagnoli stesso dichiara di arrendersi: "Cominciò subito a manifestare il desiderio di tornare a casa ed era impossibile fargli cambiare idea. Oltretutto non diceva una parola di italiano". Si racconta che la vita milanese di Sammer consisteva in: viaggio fino ad Appiano Gentile, allenamento, doccia e via a casa. Senza dire una parola. E con la moglie ad attenderlo e a chiedere di tornare in Germania. Così il buon Matthias si reca dal presidente Ernesto Pellegrini e chiede esplicitamente: ""Io qui non voglio più stare. Mi lasci tornare in Germania, il Borussia Dortmund mi vuole". A gennaio la cessione per 9 miliardi e mezzo. A Dortmund ritrova il sorriso mai visto da noi, si ricicla nel ruolo di libero con eccellenti risultati e gioca alla grande l'Europeo del 1996 in Inghilterra, laureandosi campione e sbaragliando la concorrenza a dicembre per il Pallone d'Oro. Oggi Sammer vive a Monaco di Baviera e lavora per il Bayern, prossimo avversario della Juve. Chissà se avrà voglia il 10 aprile di fare un salto in Italia...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.