VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Le meteore

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze

04.09.2015 08.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 66295 volte
© foto di Stefano Borgi

Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro.

Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo, si mette in mostra in patria con le maglie di Central Espanol, River Plate Montevideo e Defensor Sporting, tanto da guadagnarsi l'appellativo di el Tanque, il carrarmato, per la sua forza fisica in grado di scardinare le difese avversarie. Segna molto in patria e lo nota Giovanni Sartori, direttore sportivo del Chievo Verona al primo anno in Serie A.

Arriva a gennaio con la squadra che sta sorprendendo l'Italia. Data da tutti per retrocessa, la matricola si ritrova in piena zona Champions League grazie anche all'affiatata coppia Corradi-Marazzina. Logico quindi che il tecnico Gigi Delneri decida di non toccare una macchina perfetta. E in caso di bisogno c'era l'affidabile Cossato. Morale della favola, il buon Santiago non scende mai in campo e vede appena una volta la panchina. Se ne va da oggetto misterioso e ricomincia da capo, sperimentando nuovi campionati: Brasile, ancora Uruguay, Germania, Portogallo. Ma è in Argentina che arriva l'esplosione: 14 reti col Gimnasia La Plata, 48 in tre stagioni al Velez, 23 al Banfield. A 30 anni è al top della carriera, pronto per tentare di nuovo da noi.

La Fiorentina con 2,5 milioni si assicura il giocatore, come alternativa ad Alberto Gilardino. Viene accolto fra l'entusiasmo generale, lui dice di ispirarsi niente meno che a Batistuta, promette di segnare tanti gol e come se non bastasse, per dimostrare di avere le spalle larghe sceglie di indossare la maglia numero 10. Scelta che si rivelerà un boomerang: 12 presenze, un solo gol. Su rigore. Il soprannome Tanque regge solo per la legnosità dei movimenti. Del resto è un corpo estraneo alla squadra. Se ne accorge il giocatore e se ne accorge la dirigenza, che decide che sei mesi possono bastare:a gennaio è già rispedito in Argentina. Lo accoglie il Boca Juniors, dove spara ancora qualche cartuccia. Oggi a 35 anni, Santiago gioca ancora. Da marzo è la punta dell'Arsenal de Sarandì e segna con una certa regolarità.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
La parabola di Dhorasoo: calciatore, regista, attore e giocatore di poker 01.10 - Il Milan dei primi anni 2000 ha uno dei centrocampi più forti al mondo: Pirlo in cabina di regia, Gattuso in mediana, Seedorf interno e Kakà trequartista. E in panchina Massimo Ambrosini e Cristian Brocchi. Intorno a loro una lunga...
Telegram

Le meteore

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta....

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.