HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

van der Meyde, un talento sciolto nell'alcool e nella droga

02.06.2013 06.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 64777 volte
© foto di Federico De Luca

Nella stagione 2002-2003 tornava prepotentemente in Europa l'Ajax, vincitore della Champions nel 1995 e finalista l'anno successivo. Il club di Amsterdam, che da sempre ha affidato le sue fortune alla floridità del settore giovanile, dopo qualche anno di vacche magre aveva tirato su un gruppo di giovanotti formidabili, capaci di far tremare tutte le big del Vecchio Continente. Ne sa qualcosa il Milan, la cui Champions del 2003 è passata da un soffertissimo quarto di finale vinto nei minuti di recupero. Per i tifosi rossoneri quel Milan-Ajax rimane uno degli incontri più emozionanti di sempre. Quel gruppo di giovani, con l'approdo nelle migliori otto d'Europa, portarono alle casse del club un fiume di soldi necessario per coprire i debiti. Quella squadra guidata da Ronald Koeman aveva stelle come Zlatan Ibrahimovic, ma anche Chivu, Maxwell, van der Vaart, Sneijder, Heitinga, Mido, de Jong, Litmanen, Pienaar. Ed Andy van der Meyde. Quest'ultimo si mise in luce nella sera di San Siro del 23 aprile 2003 quando servì l'assist del provvisorio 1-1 di Litmanen e diede il la al 2-2 di Pienaar. Dario Simic, il suo marcatore all'epoca, visse una notte da incubo.

Classe 1979, van der Meyde si stava rivelando in quel periodo come una delle migliori ali europee, segnando a raffica in Olanda e sfornando assist a grappoli. Dick Advocaat lo fece esordire nel frattempo anche con la maglia della nazionale. Su di lui ci sono diversi club ma l'Inter è la più lesta di tutti e nell'estate 2003 per 8 milioni di euro lo acquista. Il club nerazzurro non conosce, o forse non prende in considerazione, il carattere irrequieto del giocatore che nelle notti di Amsterdam insieme a Ibrahimovic e Mido si sfidava in gare di velocità al volante di Mercedes, BMW e Ferrari. E in barba ai doveri di un bravo sportivo è anche fumatore.

L'approdo a Milano per van der Meyde, all'epoca 23 anni, è scioccante. Ed è lo stesso giocatore ad ammetterlo nella sua autobiografia, raccontando il suo passaggio dall'Ajax all'Inter come quello da un negozio di paese per una multinazionale. Dopo una settimana la nostalgia di casa è talmente forte che telefona al team manager implorandolo di riportarlo all'Ajax. Tuttavia la partenza è molto buona, Cuper gli da fiducia da subito e il 17 settembre 2003 in Champions League contro l'Arsenal trova un gol favoloso, un tiro al volo di destro che gonfia la rete e contribuisce allo storico 3-0 a Londra. I tifosi si fregano le mani, ma la stagione non va come sperato: la squadra tentenna, Cuper viene esonerato e al suo posto arriva Alberto Zaccheroni. Il nuovo allenatore dà fiducia subito all'olandese, ideale nel suo 3-4-3 e sprazzi di genio di van der Meyde si vedono, soprattutto nella partita contro la Reggina, dove domina la scena e segna un gran gol in una partita vinta 6-0. Sarà un altro fuoco di paglia, perché l'olandese inizierà a giocare meno, fino a quasi scomparire dalla scena. Un altro lampo lo si avrà in una sera di gennaio in coppa Italia contro l'Udinese, dove segnerà il terzo gol stagionale direttamente su punizione. Del resto il cammino è piuttosto deludente e a fine anno saranno 25 presenze complessive tra campionato e coppe, con tre reti. Nonostante il ruolino di marcia non irresistibile il ct olandese lo porterà agli Europei in Portogallo.

L'Inter decide di dargli una seconda chance: nel frattempo in panchina si è seduto Roberto Mancini. Ma il nuovo tecnico non lo vede molto e lo schiera appena in 18 occasioni in campionato, più altre 11 nelle coppe dove segnerà un solo golletto, in Champions contro il Valencia in un altro storico successo: 5-1 al Mestalla. Troppo poco per meritare un'altra conferma e nell'estate del 2005 il club decide di dare il benservito al giocatore. Che però non riesce a trovare nessun acquirente fino all'ultimo giorno di mercato. Potrebbe finire al Monaco, ma a stoppare il trasferimento è la moglie del giocatore. Il motivo? Malata di animali, la signora van der Meyde aveva reso la casa praticamente uno zoo, con cani, cavalli, tartarughe, zebre e persino un cammello. E considerato che a Montecarlo c'erano solo appartamenti non era possibile trasferire tutto lo zoo. Il 31 agosto arriva però l'offerta dell'Everton, 37mila euro a settimana, il doppio di quanto prende all'Inter. E il giocatore accetta al volo.

A Liverpool va pure peggio che a Milano. Gli infortuni ne condizionano la prima stagione e il giocatore inizia a farsi notare per le notti brave nei locali della città, dove passa da sbronze colossali (arriverà a presentarsi agli allenamenti dopo essersi scolato una bottiglia di rhum) all'assunzione di droghe. Passando da una donna all'altra, incurante della fede nuziale. Tanto che la moglie si accorgerà delle numerose tresche e lo farà seguire da un detective, incastrandolo e negandogli di vedere i figli. La situazione precipita sempre più, van der Meyde cade in un vortice depressivo, accentuato anche dai pessimi rapporti con David Moyes, tecnico dell'Everton. Dopo due anni da incubo, entrato nel tunnel della droga e dell'alcool, decide di lasciare Liverpool: "Altimenti sarei morto" afferma lo stesso van der Meyde.

Gli anni nel frattempo sono passati, il suo talento annacquato da litri di rhum e non c'è nessuno disposto a dargli una chance. Alla fine arriva il PSV Eindhoven, ma si capisce che il giocatore ormai è inadeguato per certi livelli. E infatti non scenderà mai in campo. In compenso si inimicherà sia i tifosi de PSV, che non lo vogliono per via di un tatuaggio con scritto "Ajax" in gotico, sia quelli dell'Ajax proprio per averlo cancellato pur di giocare nel PSV. Una vera e propria frittata. Alla fine dell'infruttuosa esperienza a Eindhoven Andy van der Meyde si ritrova disoccupato e si dedica a scrivere la sua autobiografia. Il suo obiettivo è ora quello di allenare i ragazzi, insegnandogli a non cadere negli errori in cui è caduto lui, un talento bruciato troppo in fretta.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.