HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Le meteore

Zavarov, il precursore sovietico che guadagnava 2 milioni di lire al mese

18.07.2013 06.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:   articolo letto 63223 volte

Definirlo "mateora" è riduttivo, considerata la sua permanenza di due stagioni. Meglio forse definirlo "bidone" o "genio incompreso". Certamente le tracce che ha lasciato sono pochissime. Parliamo di Alexandr "Sasha" Zavarov, transitato in Italia tra il 1988 e il 1990.
All'epoca era uno dei giocatori più interessanti del panorama europeo, interprete dell'incredibile "calcio laboratorio" o "calcio del 2000" della Dinamo Kiev allenata da Valeri Lobanovskyi. Ci era arrivato a 22 anni, alla Dinamo, dopo essersi fatto le ossa allo Zorya Lugansk e al Rostov. In cinque anni vince 2 campionati e 2 coppe sovietiche, viene eletto giocatore sovietico e ucraino nel 1986 ma soprattutto, sempre nel 1986, vince la Coppa delle Coppe, di cui ne è capocannoniere. Zavarov va in rete anche nella finalissima contro l'Atletico Madrid, vinta 3-0, in quella che fu una vera e propria vetrina agli occhi del mondo. Ancora nell'anno di grazia 1986 ci sono i mondiali in Messico e Zavarov fa un'ottima impressione con l'Unione Sovietica, segnando anche un gol. A fine anno è in lizza per vincere il pallone d'oro e si piazza al sesto posto.

La chiusura delle frontiere in Unione Sovietica non permette al suo talento di esprimersi in un campionato di primissimo livello. Nel1 1988 in Germania Ovest si giocano gli Europei e Zavarov con l'URSS arriva in finale alle spese dell'Italia, superata 2-0. Nel frattempo dall'URSS arrivano i primi segnali di apertura.

Trattare con un club sovietico, però, non era per niente facile e i giocatori, essendo di fatto stipendiati dallo Stato, dipendevano da esso. La Juventus, orfana di Platini e dopo il flop con Marino Magrin prima e Ian Rush poi, decise di puntare tutto sul talentuoso biondino dell'est. È l'estate del 1988 e i bianconeri si ritrovarono a negoziare non solo con la Dinamo Kiev ma anche con il Ministero dello Sport. Non solo, trovato l'accordo per Zavarov l'arrivo in Italia significa tutto fuorché vita da super miliardario. L'ingaggio pattuito va al governo sovietico che a sua volta poi passa a Zavarov uno stipendio inferiore ai due milioni di lire al mese. "Per fortuna che c'è la Juventus a non farmi mancare nulla" avrà da dire il buon Zavarov.

Il suo acquisto è considerato un vero e proprio evento perché mai nessun giocatore dell'Unione Sovietica era arrivato nel nostro campionato. La curiosità è enorme, così come le aspettative. E Zavarov non parte neanche male, anzi. Si presenta con una doppietta vincente al Brescia in Coppa Italia, poi inizia il campionato e alla prima a Torino va in gol contro il Cesena. Si ripete un mese dopo contro il Napoli, nell'affascinante incrocio con Diego Armando Maradona. Stop. Zavarov inizia a eclissarsi, ma non mancano le attenuanti. Il giocatore arriva da un campionato che si gioca nell'arco dell'anno solare ritrovandosi a giocare senza sosta per oltre un anno. A questo va aggiunto il mancato adattamento allo stile di vita italiano, cosa preventivabile visto il contesto storico.

Tutto questo la Juve avrebbe dovuto metterlo in preventivo. E invece a fine stagione la destinazione del giocatore sembra altrove: ci sono il Bologna e il Verona ma non se ne fa nulla. La Juventus, più che altro perché costretta, dà una seconda chance al giocatore, cercando anche di aiutarlo. I bianconeri decidono di prendere un altro giocatore dall'URSS per aiutarlo ad ambientarsi. Così, dopo aver inizialmente cercato Mikhailichenko i bianconeri opteranno per Alejnikov. Siamo alla stagione 1989/90 e Zavarov, per la verità, qualcosa in più la combina: tra campionato e coppe saranno 9 le reti segnate in 41 partite. La Vecchia Signora in quell'anno vede l'esplosione del giovane Casiraghi e di Totò Schillaci. Entrambi si rivelano più prolifici e utili alla causa, mettendo Zavarov nelle condizioni di andar via.
L'attaccante avrebbe la possibilità di rimanere in Italia, col neopromosso Parma pronto a penderlo. Alla fine la sua destinazione sarà la Francia, al Nancy, altra squadra che fu di Platini, colui che Zavarov avrebbe dovuto esserne degno erede in maglia bianconera. Oltralpe le cose andranno meglio, anche se Zavarov non riuscirà più a mantenere le promesse dei tempi della Dinamo Kiev.

Alexandr Zavarov
ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e  business man . Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.