HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Le meteore

Ziege, quando si dice cognomen omen

19.02.2013 07.30 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 30413 volte

L'Europeo del 1996 a livello tecnico è uno dei più poveri visti, una manna per una Germania come al solito ben poco spettacolare ma molto solida. Sarà l'edizione che passerà alla storia per il golden gol di Oliver Bierhoff nella finale contro la Repubblica Ceca e della demenziale decisione di dare il pallone d'oro a Mathias Sammer, capitano della Nationalmannschaft. In quella squadra esce fuori un terzino sinistro che si rivela il migliore della manifestazione: Christian Ziege. Il giocatore si mette in mostra sin dalla prima partita, contro la Repubblica Ceca, antipasto di quella che sarà la finalissima. Una splendida iniziativa conclusa con un rasoterra che gonfia la rete lo porta all'attenzione del continente. Il giocatore all'epoca è al Bayern Monaco, che se lo tiene ben stretto.
D'altronde difensori con una licenza simile a segnare non ce n'è. A parlare le statistiche: 48 reti in 241 partite, uno score notevole per un terzino sinistro.

La Juventus all'epoca gli mette gli occhi addosso, ma a spuntarla è il Milan, nell'estate del 1997. I rossoneri devono rifondare dopo l'imbarazzante undicesimo posto della stagione prima, perciò in via Turati non si bada a spese ed ecco che con un assegno da 10 miliardi di lire Ziege approda in rossonero. Due i dubbi amletici che accompagnano l'arrivo del giocatore, nonostante l'entusiasmo generale. Il primo di natura tecnica, perché il Milan in realtà avrebbe già il terzino sinistro più forte al mondo, ossia Paolo Maldini. Il secondo è di natura decisamente più frivola. In Germania si dice che Ziege sia un vero sciupafemmine, cosa che sembrerebbe inspiegabile visto l'aspetto non proprio da modello. De gustibus...

Si inizia a fare sul serio, il Milan è tra le superfavorite per la vittoria del campionato e scende in campo all'esordio a Piacenza. Ziege c'è e parte forte. Il tedesco si invola sulla sinistra, mette in mezzo per Boban e costringe Delli Carri all'autorete. C'è molto di suo nel vantaggio rossonero. Gli emiliani riusciranno a pareggiare, ma la prima impressione su Ziege è positiva. Le partite seguenti, però, non sono all'altezza. Ziege inizia a rimediare una sfilza di insufficienze, anche gravi, e tante ammonizioni. In pratica non c'è domenica che tenga senza prendere un cartellino giallo. Le brutte prestazioni portano anche a ironizzare sul cognome del povero Ziege, che in tedesco significa "Capra". Il Milan nel frattempo è protagonista di una stagione tanto mediocre quanto quella precedente, salvandosi solo in Coppa Italia dove arriva fino alla finale. Qualcosa di buono Ziega la fa anche, ricordandosi che in Germania era un difensore dal gol facile. Al primo anno segna in due occasioni, entrambe con la Sampdoria, andata e ritorno. Il bilancio alla fine della stagione è fallimentare: media bassisima, Milan decimo. E Coppa Italia che sfugge in maniera beffarda negli ultimi venti minuti della finale con la Lazio.

Ma l'investimento fatto era di quelli importanti e il Milan decide (anche per mancanza di acquirenti) di tenere Ziege, se pur nel ruolo di riserva. Arriva Alberto Zaccheroni che di tanto in tanto lo schiera nel 3-4-3. Va un po' meglio, segna altri due gol. Poi esplode Guglielminpietro, pedina importantissima per Zac e Ziege non ha più spazio. L'ultima volte che lo si vede in campo è il 21 marzo 1999. Il Milan stavolta vincerà lo scudetto, ma non ha più bisogno di Ziege. Che fa armi e bagagli e se ne va in Inghilterra, dove si costruirà una dignitosa carriera fra Middlesbrough e Liverpool, sebbene lontana dai fasti del Bayern e di Euro '96.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Le meteore
Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori)...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero...

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche....

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.