HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Lega Pro

Akragas, Giavarini molla e Alessi medita le dimissioni. Club ad un bivio

23.11.2016 18.05 di Stefano Sica   articolo letto 2120 volte
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com

Piove sul bagnato in casa Akragas, dove il presidente onorario Marcello Giavarini ha annunciato la volontà di cedere le quote a propria disposizione. Un tira e molla che adesso sembra arrivato allo svolta finale. "Siamo bersaglio di improperi, insulti, critiche, allora vuol dire che la mia amarezza e delusione hanno oltrepassato il limite, perché nessun componente della società merita di patire offese personali - il suo sfogo esternato tramite un comunicato -. Sono fatti molto spiacevoli che mi hanno portato alla conclusione di mollare: da questo momento non sono più nelle condizioni di finanziare la squadra e sono pronto a cedere le mie quote a chi abbia voglia di subentrare per il bene dell'Akragas. Nel caso che nessuno mostrasse interesse, cederò le mie quote alla città nella persona del sindaco. Faccio presente che lascio la società con un'autonomia finanziaria sostenibile fino a gennaio 2017. Fin dall'inizio ho assunto il ruolo prettamente di socio finanziatore e, pur avendo acquisito il pacchetto di maggioranza della società, ho ritenuto opportuno non avere incarichi in seno al Consiglio di Amministrazione a causa dei miei impegni professionali che, inevitabilmente, mi hanno tenuto e mi tengono lontano da Agrigento. Pur tuttavia non ho mai fatto mancare alla squadra sia il mio sostegno economico che il mio contributo morale di appassionato tifoso biancoazzurro. Aderii al progetto Akragas convinto di trovare una città euforica in tutte le sue espressioni, pubbliche e private, per il ritorno nel calcio che conta, dopo decenni di purgatorio fra i dilettanti. Venni attratto dalle promesse che avrei trovato efficiente e funzionale lo stadio Esseneto, ma sappiamo tutti come sono andate le cose: la maggior parte degli oneri dei lavori di adeguamento dell'impianto se li è dovuti sobbarcare la società, prima di avere la concessione, con tanta difficoltà e tanti cavilli, della struttura. Nei giorni scorsi, e suona come una beffa, il Comune ha, fra l'altro, intimato la società a togliere i cartelloni pubblicitari posti nel muro di cinta esterno dello stadio, adducendo motivazioni discutibilissime e che appaiono pretestuose, minando di fatto la possibilità di potere continuare ad usufruire di introiti da sponsorizzazione che costituiscono linfa vitale per la casse societarie. Ma ciò che mi ha colpito, in negativo, è il sentimento di distacco da parte della città nei confronti della squadra, visto che in queste due stagioni calcistiche, l'Esseneto non ha mai avuto il pubblico che una Lega Pro merita, al contrario, e questo è un controsenso, della militanza nelle serie dilettanti, quando di spettatori sugli spalti se ne registravano molti di più. Desidero rimarcare che il mio ruolo è stato ed è solo quello di sostegno economico, cosa che non ho mai fatto mancare, ad oggi il mio apporto finanziario è stato di 1.300.000 euro, evitando il pericolo di penalizzazioni da parte della Lega. La scorsa settimana io ed Alessi abbiamo pagato di tasca nostra lo stipendio ai giocatori, una volta constatato che la cassa sociale era vuota, per non incorrere nelle sanzioni federali".
Una esternazione che segue quella del presidente Silvio Alessi (nella foto) nel post-derby col Messina: "Forse questa sarà la mia ultima conferenza stampa da presidente. Valuterò in settimana le dimissioni. Devo purtroppo costatare che le uniche persone che tengono a questa società si chiamano Silvio Alessi e Peppino Tirri visto che il presidente Giavarini, già da un po' di tempo, ha mollato nonostante ci sentiamo quotidianamente. Ho creato questo giocatolo in Eccellenza e l'ho portato in Lega Pro con enormi sacrifici, ma non vedo nell'ambiente un minimo di gratitudine nei miei confronti. Ho avuto diversi compagni di viaggio in questi anni e tutti hanno mollato quando c'era da mettere mani alla tasca. La società comunque è sana e ha pagato stipendi e contributi. Non lascerò la squadra alla sbando, ma da solo non posso farmi carico di questa società".
Fatto sta che l'ambiente è in fermento e la tifoseria non ha mancato di apporre all'Esseneto striscioni di contestazione nei confronti del club. Dal punto di vista tecnico, il trainer Lello Di Napoli continua a godere della massima fiducia da parte della società. Ma adesso, dopo il disimpegno di Giavarini, è necessario trovare risorse per far sì che il club venga messo in sicurezza e non corra rischi anche per l'immediato futuro. Ballano cifre importanti per garantire la sussistenza dell'Akragas e non è escluso che lo stesso amministratore delegato Peppino Tirri decida di continuare il proprio percorso in seno al Gigante in maniera ancora più fattiva dopo essersi impegnato in prima persona al fianco dello stesso Alessi a tutela del club. Solo voci ed indiscrezioni, tuttavia, che per ora non hanno nulla di concreto. In attesa di una svolta che mai come ora serve come il pane.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Lega Pro
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
18 gennaio 1977, è il giorno della tragedia di Re Cecconi Il 18 gennaio 1977 muore Luciano Re Cecconi, centrocampista della Lazio. Quella sera Re Cecconi si trovava insieme a Pietro Ghedin,...
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Emanuele Giaccherini Per la rubrica L'altra metà di... in onda su TMW Radio, Barbara Carere ha intervistato, Dania Gazzani, moglie...
FANTACALCIO, MUNTARI AL PESCARA: cosa cambia fantacalcisticamente Nome: Sulley Muntari Ruolo: Centrocampista Presenze stagione 2016/17: 0 Gol stagione 2016/17: 0 Assist stagione...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 18 January 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi Wednesday 18 January 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.