HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Resto del Mondo

ESCLUSIVA TMW - Crespo celebra il River: "Grande grazie ai campioni del '96"

07.08.2015 16.06 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 10368 volte
© foto di Federico De Luca

19 anni dopo il River Plate è sul tetto del Sudamerica. Un'impresa va considerata tale pensando a come, solo 4 anni fa, la squadra toccava il punto più basso della sua storia, retrocedendo in seconda divisione. L'eroe della notte del Monumental del 1996 fu un giovanissimo Hernan Crespo, che a 20 anni con una doppietta stese i colombiani dell'America de Calì, ribaltando così il ko dell'andata. Oggi Valdanito celebra i Millonarios del 2015, freschi di trionfo nella finale contro i messicani del Tigres. Ecco le sue parole a Tuttomercatoweb: "Sono felicissimo per quello che ha fatto questa squadra, soprattutto perché è riuscita a ricostruirsi in tempi brevissimi dopo la retrocessione del 2011. Una volta toccato il fondo hanno cambiato la dirigenza mettendo al comando persone come Matias Almeyda, Ramon Diaz, Marcelo Gallardo, protagonisti proprio di quella Coppa del 1996. Ed Enzo Francescoli, anch'egli in campo all'epoca, come dirigente. Persone di spessore che hanno riportato il River dove merita".

Possiamo paragonare questa squadra a quella attuale?
"Non credo sia giusto fare paragoni, sarebbe una cosa antipatica. Questa squadra è vincente, come lo è quella del 1996 e anche del 1986. Posso dire che, in generale, questa sia una squadra quadrata con dei picchi altissimi ed elementi che fanno la differenza".

Allenatore è Marcelo Gallardo, che era con te quella notte del 1996. Ti aspettavi una simile carriera di allenatore?
"Allenatore intelligente, col quale ho condiviso un lungo percorso assieme sia nelle giovanili del River che in Nazionale. In campo è sempre stato un trequartista intelligente e quando si è messo a fare l'allenatore ero convinto potesse fare un percorso importante".

Facendo un passo indietro a quella notte del 1996. Ti ricordi quella partita contro l'America de Calì, ti va di raccontarla?
"Fu semplicemente il massimo può capitale a un ragazzo uscito dal settore giovanile di quella squadra. Ritrovarsi a 20 anni a fare una doppietta in una finale di Copa Libertadores. È qualcosa di incredibile. Per rendere l'idea, con le dovute proporzioni, immaginatevi Francesco Totti arrivare in prima squadra della Roma dopo tutta la trafila nelle giovanili e segnare subito due gol in finale di Champions League. Per me fu speciale, io ho fatto tutto il settore giovanile del River Plate dall'età di 7 anni fino alla prima squadra".

Eri anche tifoso del River Plate?
"In verità tifavo San Lorenzo, ma quando entri nel River così piccolo è inevitabile che ne resti legato".

In Italia hai giocato sia con la maglia dell'Inter che del Milan. Avessi avuto l'opportunità avresti giocato anche nel Boca Juniors?
"Assolutamente no. Come detto sono entrato nel River a 7 anni e sin da piccolo nasci respirando la rivalità col Boca. Di conseguenza mai avrei potuto giocare per gli avversari numero 1".

Dopo quella doppietta all'America de Calì partisti per l'Europa: destinazione Parma. Hai il rimpianto di non aver giocato l'Intercontinentale?
"No, nessun rimpianto. Per un appassionato di calcio giocare l'intercontinentale è un evento straordinario, ma la mia carriera mi ha dato la possibilità di giocare tutte le finali possibili".

Molti tuoi colleghi connazionali hanno iniziato proprio in Argentina. La tua carriera invece inizia in Europa. Ti vedi un giorno allenare nel tuo Paese?
"Ho iniziato questo mestiere consapevole di dover aver sempre la valigia in mano. Oggi il Modena mi ha dato un'opportunità e sono grato al club. Non è detto che in futuro non torni in Argentina".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Resto del Mondo
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
23 gennaio 2002, muore Vittorio Mero in un incidente stradale Il 23 gennaio 2002 muore Vittorio Mero in un incidente stradale. Era difensore del Brescia, tra i più amati dalla tifoseria lombarda....
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Mariano Izco Emanuela Zappalà, compagna del centrocampista argentino del Chievo Mariano Izco, è stata ospite della trasmissione di...
FANTACALCIO, INDISPONIBILI dopo la 21^ giornata...IN AGGIORNAMENTO Torniamo con la nostra Rubrica per far chiarezza sugli Infortuni avvenuti durante l'ultima giornata di campionato e chiarire anche i tempi di recupero,...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 23 gennaio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi lunedì 23 gennaio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.