HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Serie A

ESCLUSIVA TMW - Lentini sconsolato: "Milan, non capisco..."

19.09.2012 16.00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 8784 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Uno dei giocatori più pagati dell'era Berlusconi al Milan. Gianluigi Lentini, mister 65 miliardi. Estate '92. Tempi lontani. Oggi i rossoneri non sono più quelli di ieri, colpa della crisi e di un Silvio Berlusconi che pare aver chiuso i rubinetti. "Strano vedere il Milan così", sentenzia Lentini a TuttoMercatoWeb.com.

Già. Soprattutto se pensiamo ai 65 miliardi spesi per Lei.
"Sì, anche perché il Milan è da sempre una società all'avanguardia. Mi dispiace, davvero...".

Allegri rischia.
"Puoi cambiare tutti gli allenatori che vuoi ma se non hai i giocatori...".

E ci si mette pure il destino beffardo. Ibra e Thiago Silva vanno in gol a Parigi nella notte di sofferenza rossonera, in Champions League.
"Omai quei giocatori sono stati venduti. Bisogna guardare avanti, mancano calciatori di qualità, in grado di prendere per mano la squadra. Il Milan ha sempre avuto giocatori di spessore, carismatici, che sapevano tirare fuori il colpo risolutivo. Ho visto poca qualità, è impossibile non fare un gol. Non capisco che succede...".

A gennaio serve intervenire sul mercato.
"Se il Milan vuole tentare di fare qualcosa di importante è obbligato. Altrimenti sarà un anno in cui ci sarà da soffrire. Vedo il Milan a metà classifica, anche perché quando la squadra non lotta per grossi traguardi ha scetticismo intorno e anche quel poco che potrebbero rendere i giocatori viene condizionato dall'ambiente. Altre squadre invece rendono di più, seppure inferiori proprio perché non c'è scetticismo intorno".

Berlusconi ha chiuso i rubinetti. Colpa della famiglia o della crisi?
"In piccola parte della famiglia, però più che altro della crisi. Mi auguro che riescano a fare il possibile e lottino per i traguardi a cui il Milan è abituato. Poi soprattutto in Europa il gap è enorme, almeno in Italia invece qualcosa di buono si può ancora fare. Speriamo bene".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A
Altre notizie
Telegram
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
25 marzo 1992, l'ultima partita della Jugoslavia. Addio al "Brasile d'Europa" La chiamavano "Brasile d'Europa" per l'immenso tasso tecnico a disposizione: è la Jugoslavia, selezione calcistica di un Paese già...
TMW RADIO - Collovoti: "Atalanta trascinata da Gomez, Pjaca non incide" Il campione del mondo dell'82 Fulvio Collovati, è intervenuto su TMW Radio per dare i suoi personalissimi "Collovoti"...
La corsa alla costruzione di nuovi stadi di proprietà. Il peso del botteghino nella colonna dei ricavi delle squadre proprietarie dello stadio Nel corso di Scanner di ieri si è parlato del tema degli stadi di proprietà, un argomento particolarmente attuale. "E' in effetti interessante...
NESTI-PENSIERO – Da 20 anni, Juve trattata non come società, ma come “cavia” In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ... Cristiano Lombardi Carlotta, compagna dell'attaccante della Lazio Cristiano Lombardi è inervenuta ai microfoni di TMWRadio nella rubrica...
FANTACALCIO, Infortunati e squalificati 30^ giornata Aggiornato 27/03/17 h 00:10   ATALANTA in recupero: in dubbio: Berisha, Dramè, Caldara,...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 27 March 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi Monday 27 March 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.