HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
SONDAGGIO
Milan, ecco Destro: può essere l'uomo della svolta per Inzaghi?
  Sì, impossibile pensare ad un Milan senza centravanti
  Sì, Inzaghi aveva bisogno di un attaccante puro
  No, la squadra andava rinforzata in altri ruoli
  No, la squadra non migliora con questo acquisto

Serie A

ESCLUSIVA TMW - Lentini sconsolato: "Milan, non capisco..."

19.09.2012 16.00 di Alessio Alaimo  Twitter:   articolo letto 8609 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Uno dei giocatori più pagati dell'era Berlusconi al Milan. Gianluigi Lentini, mister 65 miliardi. Estate '92. Tempi lontani. Oggi i rossoneri non sono più quelli di ieri, colpa della crisi e di un Silvio Berlusconi che pare aver chiuso i rubinetti. "Strano vedere il Milan così", sentenzia Lentini a TuttoMercatoWeb.com.

Già. Soprattutto se pensiamo ai 65 miliardi spesi per Lei.
"Sì, anche perché il Milan è da sempre una società all'avanguardia. Mi dispiace, davvero...".

Allegri rischia.
"Puoi cambiare tutti gli allenatori che vuoi ma se non hai i giocatori...".

E ci si mette pure il destino beffardo. Ibra e Thiago Silva vanno in gol a Parigi nella notte di sofferenza rossonera, in Champions League.
"Omai quei giocatori sono stati venduti. Bisogna guardare avanti, mancano calciatori di qualità, in grado di prendere per mano la squadra. Il Milan ha sempre avuto giocatori di spessore, carismatici, che sapevano tirare fuori il colpo risolutivo. Ho visto poca qualità, è impossibile non fare un gol. Non capisco che succede...".

A gennaio serve intervenire sul mercato.
"Se il Milan vuole tentare di fare qualcosa di importante è obbligato. Altrimenti sarà un anno in cui ci sarà da soffrire. Vedo il Milan a metà classifica, anche perché quando la squadra non lotta per grossi traguardi ha scetticismo intorno e anche quel poco che potrebbero rendere i giocatori viene condizionato dall'ambiente. Altre squadre invece rendono di più, seppure inferiori proprio perché non c'è scetticismo intorno".

Berlusconi ha chiuso i rubinetti. Colpa della famiglia o della crisi?
"In piccola parte della famiglia, però più che altro della crisi. Mi auguro che riescano a fare il possibile e lottino per i traguardi a cui il Milan è abituato. Poi soprattutto in Europa il gap è enorme, almeno in Italia invece qualcosa di buono si può ancora fare. Speriamo bene".

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
"I giocatori del Parma chiederanno lo svincolo? Una cosa brutta, triste, inaspettata. Sarebbe una cosa davvero brutta. Sono dispiaciuto". Così a...
Zola: Il 5-0 subito a Palermo all'esordio in panchina avrebbe potuto stendere anche un toro. Zola, invece, da buon sardo testardo s'è rimboccato le...
Ogni settimana, a titolo assolutamente personale, promuovo con un voto la squadra e il giocatore che si sono maggiormente distinti nell'ultima...
Tra il centrocampista della Lazio e la sua bellissima moglie Marta e' stato un vero e proprio colpo di fulmine, a raccontarcelo è Lady Ledesma in...
Marko Livaja aveva lasciato l'Italia dopo l'esperienza non proprio esaltante con l'Atalanta, dichiarando che un giorno o l'altro gli sarebbe...
TUTTI GLI AFFARI UFFICIALI CONCLUSI NELLA FINESTRA DI MERCATO INVERNALE AGGIORNATO AL 01/02/2015   ORE 9:30 ATALANTA Acquisti: Pinilla...
Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 01 febbraio 2015.
 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.