HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Roma, Sabatini a caccia della punta: quale l'opzione migliore?
  Luiz Adriano
  Cristian Benteke
  Romelu Lukaku
  Alexandre Lacazette
  Edin Dzeko
  Zlatan Ibrahimovic
  Gonzalo Higuain
  La conferma delle punte in rosa: Destro, Doumbia e Totti

TMW Mob
Serie A

ESCLUSIVA TMW - Lentini sconsolato: "Milan, non capisco..."

19.09.2012 16.00 di Alessio Alaimo  Twitter:   articolo letto 8671 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Uno dei giocatori più pagati dell'era Berlusconi al Milan. Gianluigi Lentini, mister 65 miliardi. Estate '92. Tempi lontani. Oggi i rossoneri non sono più quelli di ieri, colpa della crisi e di un Silvio Berlusconi che pare aver chiuso i rubinetti. "Strano vedere il Milan così", sentenzia Lentini a TuttoMercatoWeb.com.

Già. Soprattutto se pensiamo ai 65 miliardi spesi per Lei.
"Sì, anche perché il Milan è da sempre una società all'avanguardia. Mi dispiace, davvero...".

Allegri rischia.
"Puoi cambiare tutti gli allenatori che vuoi ma se non hai i giocatori...".

E ci si mette pure il destino beffardo. Ibra e Thiago Silva vanno in gol a Parigi nella notte di sofferenza rossonera, in Champions League.
"Omai quei giocatori sono stati venduti. Bisogna guardare avanti, mancano calciatori di qualità, in grado di prendere per mano la squadra. Il Milan ha sempre avuto giocatori di spessore, carismatici, che sapevano tirare fuori il colpo risolutivo. Ho visto poca qualità, è impossibile non fare un gol. Non capisco che succede...".

A gennaio serve intervenire sul mercato.
"Se il Milan vuole tentare di fare qualcosa di importante è obbligato. Altrimenti sarà un anno in cui ci sarà da soffrire. Vedo il Milan a metà classifica, anche perché quando la squadra non lotta per grossi traguardi ha scetticismo intorno e anche quel poco che potrebbero rendere i giocatori viene condizionato dall'ambiente. Altre squadre invece rendono di più, seppure inferiori proprio perché non c'è scetticismo intorno".

Berlusconi ha chiuso i rubinetti. Colpa della famiglia o della crisi?
"In piccola parte della famiglia, però più che altro della crisi. Mi auguro che riescano a fare il possibile e lottino per i traguardi a cui il Milan è abituato. Poi soprattutto in Europa il gap è enorme, almeno in Italia invece qualcosa di buono si può ancora fare. Speriamo bene".

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
ESCLUSIVA TMW - Collovati: "Inter, Kondogbia strapagato. Juve sempre il top" Fulvio Collovati parla a trecentossesanta gradi dell'Inter. Lo fa a Castiglioncello a margine dei TMW Awards. "Per adesso...
A chi giova una diatriba che di certo non può far rientrare Salah nei ranghi della Fiorentina? Che senso ha una vicenda...
Carlo Nesti: "Ferrero: l'uso del verbo "deficiere" Devo ammettere che il presidente della Sampdoria Ferrero mi è molto simpatico, quando Crozza lo dipinge come uno stravagante...
L'altra metà di ...Francesco Modesto La bellissima e simpaticissima Francesca Castiglia moglie del calciatore Ciccio Modesto, ora titolari anche di un negozio a...
D. Zapata, colombiano verso il  SassUdOria : per giocare e per il Napoli Sempre presente quando chiamato in causa, quasi sempre in gol quando chiamato in causa. Adesso per Duvan Zapata si prospetta...
Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi  06 luglio 2015

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 06 luglio 2015.

 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.