HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Serie A

LIVE TMW - Torino, Mihajlovic: "Belotti? Cifre dipendono dal mercato"

25.11.2016 13.42 di Marco Frattino  Twitter:    articolo letto 4868 volte
Fonte: Dalla nostra inviata, Elena Rossin
LIVE TMW - Torino, Mihajlovic: "Belotti? Cifre dipendono dal mercato"

13.20 - Giornata di conferenza stampa per Sinisa Mihajlovic, tecnico del Torino che a breve parlerà in vista della gara di domani contro il Chievo Verona.

13.21 - Insieme al mister granata ci saranno Lorenzo De Silvestri e Marco Benassi.

13.25 - Mihajlovic arrivato in conferenza.

13.28 -Sensazioni per Belotti? "No, ieri stava un po' meglio. Vediamo tra oggi e domani".

Barreca? "Sta bene".

Cairo ha detto che la clausola per Belotti vale quella di Higuain, già oggi Belotti può essere considerato un top player? "Il valore di un giocatore lo fa il mercato, ma adesso tutte le valutazioni sono esagerate. Se valessero così tanto in ogni partita dovrebbero fare 3-4 gol. Se c'è qualcuno che li paga bene, ma le cifre sono esagerate, il valore non è reale. Se avessi giocato adesso e non 20 anni fa, anch'io per le caratteristiche che avevo sarei valso 100 milioni. Se un giorno andrà via, l'Importante è che con i soldi incassati si rifaccia la squadra, che rimanga almeno fino a quando resterò io".

Con il Chievo quali insidie ci saranno? "Il Chievo è un'ottima squadra che sa difendere e ripartire, è una formazione molto fisica e gioca in casa o in trasferta nella stessa maniera. Verranno qui per vincere e noi dovremo fargli sentire l'effetto del Grande Torino, il nostro stadio deve essere un fortino. Se li battiamo sulla grinta il resto lo farà la qualità, non sarà facile. Il Chievo va sfidato con la massima concentrazione".

Il campo molto bagnato può favorire il Chievo? "Hanno messo i teloni, penso che sarà buono. Su un campo bagnato forse si trovano meglio i giocatori più leggeri. Noi dobbiamo attaccare e fare il nostro gioco, ed è meglio se il campo è in buone condizioni. Sfrutteremo le nostre caratteristiche".

In settimana ha visto reazioni da parte dei suoi giocatori? "Non ero contento al di là del risultato perché non abbiamo fatto quanto dovevamo, poco movimento senza palla. Con possesso palla sterile e gioco lento. I ragazzi si allenano sempre bene. Certe partite sono difficili e sapevo che il Crotone non avrebbe giocato e che il pressing era difficile come sarà domani dovremo giocare sulle seconde palle. Dovremo essere forti e cattivi più di loro, dobbiamo migliorare rispetto a domenica scorsa giocando con più intensità e agonismo".

I messaggi che manda in conferenza li manda anche all'interno dello spogliatoio? "I miei giocatori sono ragazzi intelligenti e capiscono da soli di essere fortunati e sanno che fanno un lavoro che piace a loro, sono famosi, sono giovani e guadagnano tanto rispetto ad altre categorie di lavoratori. Ma devono sapere che la carriera è corta e devono fruttarla crescendo come uomini, se fanno così risultano giocatori migliori. I giocatori di oggi sono più professionali a quelli della mia epoca, solo giocano troppo con i videogiochi e comunicano poco e lo si vede anche in campo. Noi giocavamo a carte e parlavamo di più non ci massaggiavamo a un metro di distanza, ma è la vita di oggi. Non so se hanno la stessa passione nostra".

Come mai dubita sulla passione? "La passione riguarda tutto lo sport, non solo il calcio. Quando giocavo guardavo le partite e sapevo sempre chi era il mio avversario, eravamo più preparati. Se chiedo ai giocatori quali sono i prossimi tre avversari, non sanno dirlo. Non l'ho mai chiesto da quando sono al Torino, il discorso era generale".

La prova con il Crotone è stata comunque una crescita? "L'ho detto anche ai ragazzi che essere cinici è un sinonimo di forza. Se giochiamo come sappiamo nelle partite difficili con avversari alla portata, dobbiamo trovare un modo per vincere. Le squadre davanti a noi corrono tutte e non possiamo permetterci passi falsi. Dobbiamo pensare a noi stessi essendo umili ma ambiziosi negli obiettivi lavorando duro. Dobbiamo giocare con la mente libera e domani non possiamo fallire. Questo non ci deve caricare ma dare consapevolezza".

La classifica forse è la cosa meno belle che c'è stata finora visto i tanti complimenti che ricevete? "I complimenti li fate voi, non io. Avremmo potuto avere una classifica migliore con meno infortuni, ma bisogna andare avanti. Ai ragazzi ho detto che non devono montarsi la testa, quando si vince la gente si abitua bene e poi quando si perde arrivano le critiche. Io non mi faccio influenzare e loro devono fare altrettanto".

Le partite si devono guardare però? "Una volta sono andato a vedere Guardiola, poi siamo andati a mangiare fuori e abbiamo visto la partita dei successivi avversari. Lui mi ha detto che i suoi giocatori quella sera erano tutti a cena fuori ma hanno tutti guardato la partita, il giorno seguente l'avrebbero commentata. Ecco, questo è molto importante e fa capire la passione, se si ha curiosità si va avanti".

Continua a dire che la partita con il Chievo sarà difficile, è un segnale che manda ai giocatori perché può essere anche più difficile delle prossime partite? "Dobbiamo pensare partita per partita, l'atteggiamento e l'approccio deve essere massimo perché - se non vinciamo con il Chievo - il ciclo che ci aspetta è difficile e rischiamo di non rimanere in linea. Dobbiamo concentrarci sempre e dare il massimo".

Ha un pensiero per le persone colpite dalle catastrofi naturali? "A Genova aveva già vissuto situazioni di questo tipo, non so ma sembra che spesso le popolazioni non siano preparate a simili eventi. Si deve prevedere e prendere le giuste misure. Dispiace che le persone stiano male e muoiano, anche in Serbia succedevano queste cose poi ci siamo attrezzati per evitare il peggio. Se lo abbiamo fatto in Serbia si può farlo anche in Italia".

Terminata la conferenza stampa.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
18 gennaio 1977, è il giorno della tragedia di Re Cecconi Il 18 gennaio 1977 muore Luciano Re Cecconi, centrocampista della Lazio. Quella sera Re Cecconi si trovava insieme a Pietro Ghedin,...
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Emanuele Giaccherini Per la rubrica L'altra metà di... in onda su TMW Radio, Barbara Carere ha intervistato, Dania Gazzani, moglie...
FANTACALCIO, Infortunati & Squalificati 21^ Giornata Aggiornato 18/01/17 h 10.27 ATALANTA: in recupero: in dubbio: Konko out: Carmona (China cup), Kessie (Coppa d'Africa),...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 18 gennaio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi mercoledì 18 gennaio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.