HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Serie A

TMW RADIO - Jonathan: "Inter, ecco i motivi dell'addio. Ora troppi stranieri"

01.12.2016 14.15 di Francesco Fontana  articolo letto 15249 volte
Fonte: TuttoMercatoWeb Radio
TMW RADIO - Jonathan: "Inter, ecco i motivi dell'addio. Ora troppi stranieri"

Intervistato in esclusiva durante 'InterLine', rubrica di approfondimento dedicata all'Inter in onda su TuttoMercatoWeb Radio, l'ex terzino di Inter e Parma Jonathan Cícero Moreira ha parlato e considerato vari argomenti, partendo dal Fluminense, sua attuale squadra, passando per l'esperienza italiana, per poi concludere con un giudizio sull'Inter attuale. Non può mancare, però, una chiosa dedicata alla tragedia aerea che ha colpito la squadra brasiliana del Chapecoense.

FLUMINENSE - "Qui si sta per concludere il campionato, ma siamo tutti profondamente colpiti da questa tragedia. Per quanto mi riguarda, sto bene fisicamente. Posso comunque svelare che non resterò qui. Con la società abbiamo deciso di non prolungare, pur continuando ad allenarmi con i miei compagni. Ora cercherò una soluzione per il futuro, insieme a mio fratello che cura i miei interessi".

TRAGEDIA - "Tutti siamo scossi e molto, molto tristi. La Chapecoense era una squadra che stava crescendo tantissimo, pronta per giocare una finale di un torneo internazionale. Siamo in lutto, ieri nessuno ha voluto fare allenamento. Ora tutti i club si stanno mobilitando per aiutare questa società, nessuno vuole che sparisca. Infatti potrebbero andare tanti giocatori in prestito gratuito. Quello che è successo è bruttissimo, ora dobbiamo solo pregare".

FUTURO - "Un ritorno in Europa? Sto valutando tutto, ma è difficile esprimersi ora. Bisogna vedere se arriveranno delle proposte, certamente mi piacerebbe giocarci di nuovo. Tornerò sicuramente, anche per salutare i tanti amici che ho. Per giocare, invece, credo sia più difficile. Le società puntano tanto sui giovani che, rispetto a me, hanno uno stipendio inferiore. Per adesso penso solo ad allenarmi per essere pronto per la prossima avventura. Ringrazio tantissimo il Fluminense, che mi ha aiutato in un momento difficile della mia carriera".

MANCATO RINNOVO - "Per via di motivi politici, ma non solo. Ci sono state delle discussioni, qui stanno cambiando tantissime cose. Ora c'è un po' di casino nel club, manca sia l'allenatore che il direttore sportivo. Tutto è in fase di cambiamento".

ITALIA - "La mia seconda casa, senza dubbio. Ho vissuto momenti belli e brutti vestendo le maglie di Inter e Parma. Ho la cittadinanza, l'Italia è nel mio cuore".

PARMA - "Ho saputo delle difficoltà che ha incontrato in questi ultimi anni. Non dimenticherò mai quella esperienza, ci sono tanti momenti belli che porto con me. Quella di Parma è stata un'avventura che mi ha permesso di conoscere il calcio italiano. Lì ho dimostrato il mio valore, per questo poi sono tornato all'Inter".

RAMMARICO INTER - "Il mancato prolungamento. Non mi sarei mai aspettato di restare fermo così tanto dopo il mio infortunio. Stavamo parlando del rinnovo di contratto, i dottori mi dicevano che non avevo nulla di grave, ma avevo sempre tanto dolore. L'operazione è arrivata in ritardo, e questo si è rivelato un grande problema per me. Mi sono giocato la chance di restare all'Inter o di andare altrove. C'erano società che mi volevano, ma poi hanno mollato proprio per il mio infortunio. Ma ormai tutto questo fa parte del passato, non piango più. Detto questo, l'Inter ha fatto tanto per me. Ho ancora tanti amici a Milano. Di recente ho sentito Ausilio, gli ho detto che mi piacerebbe tornare in futuro".

MOMENTO COMPLICATO - "L'Inter attuale avrebbe avuto bisogno di più tempo per lavorare. Inoltre ci sono troppi stranieri e pochissimi italiani. Questo è un problema, ed era lo stesso quando c'ero io. Bisognerebbe essere sempre uniti, non per forza amici, ma uniti certamente. Il resto funziona, la società, la dirigenza e i vari staff, ma la squadra no. Proprio per il numero elevato di stranieri".

SOGNO - "Non ne ho uno in particolare, voglio solo stare bene fisicamente. Chiedo solo questo a Dio: non voglio più subire infortuni gravi".

Rubrica di approfondimento sull'Inter a cura della redazione di FCInternews.it
ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - I Collovoti: "Wallace superficiale, Mandzukic l'alfiere, 3 a Lulic" Fulvio Collovati, opinionista, ex calciatore di Milan e Inter, ha parlato oggi a TMW Radio per dare i suoi voti all'ultima...
La Juve si riaccende, ritrova lo spirito e spegne l'Atalanta, anche se non potrà mai essere il Leicester italiano, rimane...
Il Milan e il closing, ci siamo. Da Tassotti a Lentini, le mie esperienze con Berlusconi Sembra quasi impossibile ma ormai, a un passo dal cosiddetto closing, Berlusconi è sul punto di lasciare il Milan. La...
In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente...
L'altra met� di ...Fabio Cannavaro Daniela Arenoso, moglie di Fabio Cannavaro, attuale tecnico del Tianjin Quanjian, ex giocatore di Juve, Napoli e Inter,...
 Un talento al giorno , Vaclav Cerny: l'Ajax si conferma fabbrica di fenomeni Già legato all'Ajax da un contratto fino a giugno 2020, Vaclav Cerny è considerato una delle giovani stelle più promettenti...
FANTACALCIO, INFORTUNATI & SQUALIFICATI 16^ GIORNATA Aggiornato 7/12/16  h 12:00 Atalanta: in recupero:   in dubbio: Cabezas, Konko, Paloschi out: Berisha, Suagher squalificati: diffidati:...
7 dicembre 1975, i gol di Graziani e Pulici regalano il derby al Torino Il 7 dicembre 1975 il Torino vince 2-0 il derby contro la Juve. In uno stadio Comunale gremitissimo (oltre 50 mila persone) la...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi  07 dicembre 2016

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 07 dicembre 2016.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.