HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Eder e Vazquez in azzurro: ritenete giuste queste convocazioni?
  Convocazione giuste, hanno dimostrato il loro valore durante la stagione
  Giocatori meritevoli, ma sono stranieri: perché far loro vestire la maglia azzurra?
  Ci sono calciatori italiani più meritevoli, scelte sbagliate
  Germania e Francia hanno vinto Mondiali con gli oriundi, è giusto puntarci

TMW Mob
Serie A

Udinese: vittoria e terzo posto. Il Genoa sprofonda

06.05.2012 16.49 di Tommaso Maschio  articolo letto 3020 volte
© foto di Alberto Fornasari

Partita bloccata e giocata su ritmi non elevati al Friuli con le due squadre che faticano a prendere il comando delle azioni a centrocampo dove c'è un grande affollamento per le scelte dei due tecnici. I friulani provano come sempre a sfondare sulle fasce, ma trovano una difesa rossoblu che si chiude bene e lascia poco spazio agli inserimenti centrali degli avversari. Sul fronte opposto invece Palacio è bravo a muoversi su tutto il fronte, ma raramente riceve un aiuto da parte dei compagni, con Jankovic e Belluschi che faticano ad inserirsi negli spazi che l'argentino apre. La prima vera occasione arriva poco prima del 15° con Pasquale che trova lo spazio per battere a rete da fuori area trovando però la risposta in tuffo di Frey che salva il Genoa. È l'Udinese a creare maggiori pericoli in questo primo tempo con Di Natale che quando riesce a trovare spazio è un pericolo costante per Frey. Il Genoa si copre e cerca di resistere alla pressione dei padroni di casa per poi ripartire mettendo in moto l'unica punta Palacio. Alla mezzora arriva però l'episodio che fa svoltare la partita a favore dell'Udinese: Kucka, già ammonito, ferma al limite dell'area Fabbrini prendendosi il secondo giallo e lasciando i suoi in 10 minuti. Dal calcio di punizione - a peggiorare le cose per i liguri - arriva anche la magia di Di Natale che disegna una perfetta parabola che batte Frey, che non riesce a toglierla dallo specchio. Il Genoa accusa il colpo e rischia subito di subire il secondo gol con Pasquale e Pereyra che non sfruttano le occasioni che gli capitano. Per il Genoa le cose precipitano poco prima del 40° quando Tagliavento espelle Palacio, reo di essersi arrabbiato coi compagni e di aver rivolto alcune parole ingiuriose nei loro confronti. A nulla servono le rimostranze dei giocatori liguri e anche del tecnico avversario Guidolin. Con due uomini in meno il Genoa non riesce a far altro che difendersi in attesa dell'intervallo dove proverà a riorganizzarsi per una ripresa che si profila in salita per gli uomini di De Canio.

Come prevedibile l'Udinese spinge fin dai primi minuti alla ricerca del secondo gol, sfiorandolo prima con un colpo di testa di Di Natale che finisce di poco sopra la traversa e poi con una sassata di Asamoah dai 20 metri che Frey respinge in tuffo. La ripresa è un monologo dei friulani che sfiorano il gol con Floro Flores - tiro deviato prima da Moretti e poi da Frey - Asamoah - che fallisce un colpo di tacco da due passi - e di Natale - tiro deviato in angolo - e vedendosi annullare il gol del raddoppio a Pazienza, che di testa corregge una punizione del capitano friulano, a gioco fermo per un presunto fallo in attacco dello stesso centrocampista. Il gol arriva al 65° col Floro Flores che mette alle spalle di Frey un cross di Basta che taglia tutta l'area genoana. Il Genoa fa capolino dalle parte di Handanovic solo al 70° con Jankovic che prova a sorprendere il portiere avversario su punizione, trovando però i pugni dello sloveno a respingere la conclusione. La partita non regala più grandi emozioni con l'Udinese che amministra e cerca il terzo gol con poco convinzione. Al triplice fischio - complice la caduta del Napoli a Bologna - l'Udinese può festeggiare il terzo posto in solitaria ad una giornata dalla fine e sognare un'altra avventura nella massima competizione europea. Il Genoa invece resta invischiato nella corsa salvezza rimandando alla sfida casalinga col Palermo l'appuntamento col punto che manca per poter restare in serie A.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
I Collovoti - Tevez infinito, Mancini non ci capisce più nulla... Mancini: Ogni volta che la sua Inter perde, e ormai succede troppo spesso, meriterebbe addirittura di vincere. Delle due l'una,...
Caso Muller, sentenza folle: la signora giudice non ama il calcio. E meno male che questa volta non è la giustizia italiana... Heinz Muller, il calcio e un contratto a tempo determinato. In Germania, dove c'è una legge secondo la quale dopo ventiquattro...
Nesti: "Puntiamo su Darmian, Valdifiori, Parolo, Eder e Pellè" Sintesi dei miei commenti su Radio Sportiva - Che aria tira nella "Conte-a azzurra", dopo Bulgaria e Inghilterra? PORTIERI...
L'altra metà di ...Diego Armando Maradona Junior Diego Armando Maradona Junior e la sua futura moglie Nunzia si sono conosciuti su un social network e dopo il loro primo...
Aogo, la Roma cerca in Germania nuova linfa per la fascia sinistra La Roma torna a calpestare una vecchia pista per quanto riguarda la corsia sinistra. Il nome di Dennis Aogo non è certamente...
Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi  02 aprile 2015

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 02 aprile 2015.

 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.