HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Eder e Vazquez in azzurro: ritenete giuste queste convocazioni?
  Convocazione giuste, hanno dimostrato il loro valore durante la stagione
  Giocatori meritevoli, ma sono stranieri: perché far loro vestire la maglia azzurra?
  Ci sono calciatori italiani più meritevoli, scelte sbagliate
  Germania e Francia hanno vinto Mondiali con gli oriundi, è giusto puntarci

TMW Mob
Serie A

UFFICIALE: Nicola Campedelli nuovo allenatore del Cesena

25.05.2012 18.38 di Antonio Vitiello  articolo letto 12284 volte
Fonte: cesenacalcio.it
© foto di Gilberto Poggi/TuttoLegaPro.com

Oggi pomeriggio, presso la sala stampa dello Stadio "Dino Manuzzi", Igor Campedelli e Luca Mancini hanno presentato il nuovo allenatore del Cesena: Nicola Campedelli.

Il Presidente Igor Campedelli: "E' stata una scelta complicata, ma speriamo che sia quella giusta, per tutta la gente che gravita intorno al Cesena Per me si trattava di una scelta particolare, è stato Luca a darmi il coraggio e la spinta finale. Si tratta di un contratto di un anno.
La scelta è stata convinta dal punto di vista tecnico, non parentale. Mi auspico che il nostro rapporto rimanga tale e quale anche se le nostre strade dovessero dividersi. Avessi avuto questo dubbio avrei preso un'altra decisione."

Il Vicepresidente Luca Mancini: "Oggi siamo qui a presentare un allenatore che ha militato sul campo del Manuzzi per tanti anni. La logica è stata molto semplice: quando ci siamo trovati per decidere il profilo del nuovo allenatore abbiamo preferito un allenatore giovane, che rappresentasse una scommessa, e Nicola ha tutte le caratteristiche giuste. Abbiamo visto altri allenatori e altre soluzioni, ieri sera abbiamo deciso e siamo partiti. Ci aspettiamo che faccia quello che deve fare un allenatore del Cesena: valorizzare i giovani e portare qualcosa di suo nella squadra. È una scelta che è iniziata due anni fa quando abbiamo iniziato la nostra collaborazione con il Bellaria e Nicola ha accettato di allenare questa squadra; l'abbiamo monitorato costantemente in questo periodo.
La nostra è stata una scelta mirata, Nicola si è meritato sul campo questa posizione. Non si tratta di un ridimensionamento: al primo posto viene il lato sportivo, crediamo di aver trovato la miscela giusta tra lato sportivo ed economico."

Nicola Campedelli: "Faccio una premessa: io ho grande convinzione di essere pronto, sarà un'avventura stimolante, voglio ringraziare la società Cesena Calcio che ha deciso di puntare su di me e darmi quest'opportunità. Negli scorsi anni ho vissuto esperienze bellissime e per questo ringrazio sia i giocatori sia i dirigenti sia del Bellaria sia del Cesenatico. È un discorso che è iniziato circa una settimana fa, ma l'ufficialità è arrivata solo ieri sera: è stato un momento sicuramente emozionante. So che chi ha preso questa decisione l'ha fatta per il bene del Cesena. Con Igor abbiamo valori solidi e non credo che il nostro rapporto cambierà. Per come vedo io il calcio i giocatori devono essere bravi e affamati, devono essere pronti a dare tutto per la maglia che indossano tutti i giorni. Non abbiamo ancora parlato di giocatori, ma è un discorso a cui arriveremo presto.
Ho dovuto smettere in maniera prematura e avevo ancora tanto fuoco dentro. Ho quindi scelto di allenare con grande motivazione e fino adesso sono stato ripagato. Sono contento e mi piace fare questo mestiere. Per quanto riguarda lo staff tecnico, dal Bellaria mi seguiranno Simone Groppi e Adriano Piraccini.
Adesso inizieremo a preparare la serie B e io sono pronto a preparare la mia squadra, una squadra che abbia voglia di fare bene la serie B, che sia competitiva e vogliosa di far bene. Sono tre anni che sto lavorando, con una metodologia particolare: utilizzo la sabbia in maniera costante, una volta a settimana, che sta portando ad arrivi importanti, soprattutto dal punto di vista degli infortuni. Sul sintetico, nella mia breve esperienza da allenatore mi sono sempre allenato sul sintetico e posso solo parlarne bene, credo che sia un valore aggiunto perché consente di allenarsi con continuità ed intensità.Credo che siano i giocatori ad incidere sulle partite, anche se gli allenatori hanno sicuramente un ruolo fondamentale; per me è molto importante lo studio dell'avversario: si può giocare in un modo e nell'altro, l'importante è che si riesca ad esprimere il gioco nel modo migliore.
Credo che sia normale che ci possa essere diffidenza all'inizio perché la gente non mi conosce ancora come allenatore, ma farò di tutto per fare il bene di questa società. L'obiettivo è quello di avere delle persone affamate, che combattono dal primo all'ultimo secondo: credo che sia questo quello che vuole la gente. La spinta emotiva mi ha accompagnato in tutte le mie esperienze. Ho fatto tutto il settore giovanile qui, so il valore che ha questa maglia. Essere competitivi per me è guardare in faccia gli avversari e andare a batterli".

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
I Collovoti - Tevez infinito, Mancini non ci capisce più nulla... Mancini: Ogni volta che la sua Inter perde, e ormai succede troppo spesso, meriterebbe addirittura di vincere. Delle due l'una,...
I nuovi presidenti: Ferrero inno alla spensieratezza, Cassarà uno venuto da Marte. Altri Parma nel calcio italiano, emergeranno... Quando mi affacciai nel mondo del calcio il Presidente del Coni dell'epoca, Onesti, definì i presidenti dei "ricchi scemi"...
Nesti: "Evoco il "fantasma" Paloschi. Il Milan non ci ha creduto" Il mercato delle pagelle Questa rubrica, che trae lo spunto delle "pagelle delle grandi", ma segue la marcia di avvicinamento...
L'altra metà di ...Diego Armando Maradona Junior Diego Armando Maradona Junior e la sua futura moglie Nunzia si sono conosciuti su un social network e dopo il loro primo...
De Sart, il nuovo talento belga su cui è puntato il mirino nerazzurro Julien de Sart, è questo il nome nuovo per l'Inter del futuro. Centrocampista classe '94, il belga è uno dei talenti in rampa...
Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo  colored  del Verona 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi  28 marzo 2015

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 28 marzo 2015.

 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.