HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Eder e Vazquez in azzurro: ritenete giuste queste convocazioni?
  Convocazione giuste, hanno dimostrato il loro valore durante la stagione
  Giocatori meritevoli, ma sono stranieri: perché far loro vestire la maglia azzurra?
  Ci sono calciatori italiani più meritevoli, scelte sbagliate
  Germania e Francia hanno vinto Mondiali con gli oriundi, è giusto puntarci

TMW Mob
Serie A

Una maledizione durata otto mesi. Napoli, ritardo perdonato?

21.09.2012 07.00 di Raimondo De Magistris  Twitter:   articolo letto 5504 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Non giocava titolare da oltre otto mesi. Era il 12 gennaio e il Napoli contro il Cesena, nella sfida valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia, schierò dal primo minuto l'attaccante Eduardo Vargas, calciatore arrivato da pochi giorni dall'Universidad de Chile per circa 12 milioni di euro. Una scelta dettata più dalla curiosità del pubblico che da motivazioni razionali, dalla voglia di vedere subito al San Paolo quel calciatore che fino a pochi giorni prima aveva incantato nella Copa Sudamericana.

L'esordio, come prevedibile in questi casi, risultò pessimo. Senza la minima conoscenza di schemi e movimenti, Vargas sembrò un pesce fuor d'acqua e abbandonò il terreno di gioco dopo 45 minuti. A fine gara Walter Mazzarri si prese tutte le colpe per un esordio prematuro: "Ho sbagliato a far giocare Vargas troppo presto, mi son fatto prendere dall'euforia di tutti. Bisogna schierare i giocatori quando sanno quello che devono fare e si sono perfettamente integrati".

Parole che il tecnico del Napoli dimostrerà di tramutare in fatti nelle settimane a seguire. Per Vargas, infatti, l'ambientamento procede più lentamente del previsto e nelle successive dodici volte in cui il cileno vedrà il campo sarà solo per giocare i minuti finali. Si arriva a giugno, quindi, con il calciatore ancora a secco di gol e la piazza che - nonostante la cautela della società - urla subito al flop per un attaccante arrivato sei mesi prima con l'etichetta di nuovo fenomeno del calcio sudamericano. In sede di mercato le richieste non mancano, tanti i club pronti ad accogliere Vargas col Napoli che a giugno valuta una possibile cessione. Durante il ritiro di Dimaro, però, il cileno mette in mostra impegno e tanta volontà, componenti che non passano inosservate agli occhi di Mazzarri. In concerto col club, quindi, il tecnico decide di tenere il calciatore in rosa almeno per altri sei mesi. Sarà lui insieme a Lorenzo Insigne il titolare in Europa League, con Cavani e Pandev a formare il tandem offensivo in campionato, obiettivo primario del Napoli per la stagione 2012/13.

La decisione non entusiasma Vargas che avrebbe voluto giocare con maggiore continuità. Il cileno, però, accetta la scelta della società e si accomoda in panchina in occasione delle prime gare ufficiali giocando solo pochi minuti contro Palermo e Fiorentina. Attende in silenzio, fino alla grande occasione che si è presentata ieri sera. Vargas torna titolare dopo otto mesi, ma questa volta mostra tutt'altro volto ai tifosi del Napoli. Tre gol per stendere l'Aik Solna, tre squilli di tromba per svegliarsi da un lungo e preoccupante letargo. "Vargas è Vargas. Sapevamo quanto valeva, noi eravamo tranquilli anche dei soldi spesi", ha dichiarato De Laurentiis a fine partita. Parole a cui hanno fatto eco quelle del diretto interessato: "Ho rotto il ghiaccio, da questa sera in avanti voglio regalare altre gioie ai tifosi partenopei". Un modo come un altro, insomma, per chiedere scusa del ritardo e annunciare a società e tifosi che lui questa lunga stagione è pronto a viverla da protagonista.

Db Arco di Trento (Tn) 20/07/2012 - amichevole / Napoli-Bayern Monaco nella foto: palo Eduardo Vargas
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
I Collovoti - Tevez infinito, Mancini non ci capisce più nulla... Mancini: Ogni volta che la sua Inter perde, e ormai succede troppo spesso, meriterebbe addirittura di vincere. Delle due l'una,...
Caso Muller, sentenza folle: la signora giudice non ama il calcio. E meno male che questa volta non è la giustizia italiana... Heinz Muller, il calcio e un contratto a tempo determinato. In Germania, dove c'è una legge secondo la quale dopo ventiquattro...
Nesti: "Ora gli oriundi chiedono che gli italiani, non siano più convocati!" Sintesi dei miei commenti su Radio Sportiva - Vogliamo metterla sul ridere? Dopo lo splendido gol di Eder, ora sono gli oriundi...
L'altra metà di ...Diego Armando Maradona Junior Diego Armando Maradona Junior e la sua futura moglie Nunzia si sono conosciuti su un social network e dopo il loro primo...
Ianis Hagi, il figlio d'arte sulle orme di Adrian Mutu Ai ben informati Gheorghe Hagi, giocatore rumeno considerato in patria il più forte di sempre, ha confidato che il figlio Ianis...
Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo  colored  del Verona 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi  30 marzo 2015

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 30 marzo 2015.

 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.