HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Serie D

Baraldi: "Era impossibile salvare il Parma. In Lega Pro servirà rifondare"

05.02.2016 11.57 di Luca Bargellini  Twitter:   articolo letto 7051 volte
Fonte: ParmaLive.com
© foto di Image Sport

Intervenuto ai microfoni di TvParma, l'ex amministratore delegato gialloblù Luca Baraldi ha parlato a lungo del Parma, sia in ottica futura che del recente triste passato: "Era impossibile salvare il Parma. Al di là del sottoscritto, anche altri hanno provato a vedere se si potesse fare qualcosa. È stato uno scempio per noi amanti del Parma vedere quello che è successo. Si è provato a fare il possibile per tenere in vita il club, ma non c'erano le condizioni per rilevarlo. Era troppo grande il debito per giustificare la B, ma forse anche la A".

Qualcuno ha detto che sono stati messi apposta i bastoni tra le ruote per far ripartire il Parma dalla D: "No, anzi, ci tengo a dire che i curatori hanno lavorato in maniera esemplare. Hanno fatto il possibile e anche l'impossibile per provare a salvare il Parma. Purtroppo non si sapeva ciò che si comprava. È molto meglio essere ripartiti dalla D: ci stiamo facendo le ossa giuste per ripartire meglio di come avremmo fatto dalla B".

Chi faresti giocare tra Longobardi, Guazzo e Musetti?
"Longobardi, è quello che ha dimostrato di essere più leader. Può essere un punto di riferimento importante per risolvere gare bloccate come quella col Mezzolara".

Anche in D c'è un po' di pressione: "Ma sì, le dinamiche sono le stesse dei campionati professionistici. Questa squadra ha grandi mezzi, lo ha dimostrato. Noi, come Parma, siamo sotto esame tutte le domeniche, pertanto non è facile giocare. Ci sta un minimo di rilassamento, la corsa del Parma continuerà. Quello di domenica scorsa è solo un piccolissimo incidente di percorso. Paradossalmente lo 0-0 potrebbe rappresentare la molla giusta per una grande volata finale. I giocatori sono tornati sulla terra".

In caso di Lega Pro, secondo te cosa bisognerebbe fare in sede di mercato?
"Dal punto di vista tecnico, la squadra andrebbe rifondata completamente. È un campionato diverso, e poi non dimentichiamo che il Parma ha ambizioni importanti. Ci sono persone capaci nella parte tecnica, staranno studiando già la situazione. Tra l'altro non è detto che si debba spendere tanto: si può costruire una squadra di buon livello con meno soldi di quello che si possa pensare. Tuttavia gli incassi non sono sufficienti a coprire le spese, perciò presto gli azionisti dovranno mettere mano ai portafogli. Però la capacità patrimoniale degli azionisti c'è, devono avere solo la volontà di andare avanti tutti insieme. In B cambierà la musica: allora servirà un leader o un gruppo ristretto di leader. In A è ancora un altro paio di maniche, ma fino ad allora bisognerà mettere soldi. Il Parma ha azionisti e competenze tecniche per tornare nelle serie che gli competono, e poi in Emilia i giocatori vengono volentieri. Se io fossi calciatore, ad esempio, a Parma verrei anche con un euro in meno rispetto a quanto richiesto".

Torneresti a Parma?
"Sono legatissimo a Parma, per mille motivi. Non ho mai provato da nessun'altra parte le emozioni che ho provato qui. Lo farei gratis, però io ora ho preso un'altra strada, lavoro per Zanetti. Il Parma non ha bisogno di me, però se le strade dovessero nuovamente convergere... Ad ogni modo il mio eventuale ritorno nel calcio dipende molto anche da Zanetti".

E' giusto che un club come il Parma riparta dalla D?
"Ripartire dalla D è una festa, lo stiamo vedendo, però il Parma non c'entra niente con questa categoria. Inserendo il Parma in D hanno disincentivato un campionato, le altre cominciano già a vendere i giocatori perché tanto sanno già che la stagione è chiusa. Vanno riscritte le regole, bisognerebbe far ripartire i club falliti almeno dall'ultimo gradino dei professionisti".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie D
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - I Collovoti: "Allegri scelte discutibili, Inter da Jekyll e mr Hyde" Fulvio Collovati, ex calciatore di Milan e Inter, ha parlato a TMW Radio questa mattina per dare i suoi voti all'ultima...
Domenica ero a vedere Fiorentina-Atalanta al Franchi. Calcio d'inizio ore 12.30. Orario assurdo, ma ormai i calendari e gli...
Il Milan e il closing, ci siamo. Da Tassotti a Lentini, le mie esperienze con Berlusconi Sembra quasi impossibile ma ormai, a un passo dal cosiddetto closing, Berlusconi è sul punto di lasciare il Milan. La...
NESTI-pensiero "live" - Inter, pensa a coprirti! 3-5-1-1, per aumentare la densita' in area e a centrocampo, dopo il disastro di Napoli In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente...
L'altra met� di ...Fabio Cannavaro Daniela Arenoso, moglie di Fabio Cannavaro, attuale tecnico del Tianjin Quanjian, ex giocatore di Juve, Napoli e Inter,...
 Un talento al giorno , Ben Woodburn: l'uomo dei Reds records	Scaltro, rapido, tecnicamente molto dotato, il classe 1999 Ben Woodburn è da qualche giorno il più giovane goleador della...
FANTACALCIO, Indisponibili dopo la 15^ Giornata...IN AGGIORNAMENTO Torniamo con la nostra Rubrica per far chiarezza sugli Infortuni avvenuti durante l'ultima giornata di campionato e chiarire anche i tempi di...
3 dicembre 1906, nasce il Football Club Torino Il 3 dicembre 1906 nella birreria Voigt di via Pietro Micca a Torino (oggi bar Norman) un gruppo di dissidenti della Juventus,...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi  04 dicembre 2016

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 04 dicembre 2016.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.