HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Zoom su

Bernardeschi, dai viola al Sasòl per dimostrare che il talento non scompare

28.06.2015 07.30 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 70804 volte
© foto di Federico De Luca

Le giovanili nella Fiorentina, dai nove ai diciannove anni; poi un anno nel Crotone, con i playoff in Serie B sfiorati e 12 gol che per un ragazzo così giovane sono un ottimo biglietto da visita pur in cadetteria; infine, il ritorno alla base, ove non sarebbe dovuto rimanere ma è rimasto perché capace di mostrare un talento così cristallino da convincere Vincenzo Montella a tenerselo stretto. Il tecnico napoletano, ad un certo punto, ha sperato anche di aver trovato il sostituto perfetto di Giuseppe Rossi, vittima dell'ennesimo infortunio di una spirale che sembra non finire mai; lo ha trovato, ma fin troppo simile all'attaccante di New York, nella buona e soprattutto nella cattiva. Perché l'infortunio al malleolo ha costretto Federico Bernardeschi a chiudere sostanzialmente con grande anticipo la scorsa stagione, fermo al palo per sei mesi, poi tornato in campo solo quando la stagione era ormai agli sgoccioli e la sua squadra aveva trovato in Salah un interprete perfetto nel ruolo di attaccante esterno.

Adesso si torna a parlare di lui, in chiave mercato, questa volta perché potrebbe lasciare i gigliati, complice un rinnovo che tarda ad arrivare ed a questo punto potrebbe non arrivare mai: sulle sue tracce vi è il Sassuolo, che si è mosso con grande rapidità ed al momento sembra ad un passo dal poterne sancire l'arrivo al Mapei Stadium. Quella neroverde pare la piazza perfetta per il talento di Carrara: si veda l'esempio di Simone Zaza o Domenico Berardi, entrambi, chi prima chi poi, destinati a vestire la maglia della Juventus. Oppure quello di Nicola Sansone, il meno chiacchierato del tridente meraviglia di Eusebio Di Francesco, non certo il meno valido, anche perché sa abbinare al talento una costanza che sembra sconosciuta agli altri due. In questo tourbillon di punte che anima la società di Giorgio Squinzi, l'arrivo di Berna rischia di far sorgere qualche dubbio: Zaza è l'unico già partito, Berardi salvo sorprese rimarrà anche nella prossima stagione e Sansone al momento non sembra destinato a partire. Difficile ipotizzare che Bernardeschi, longilineo ma esile nel fisico, i cui punti di forza sono la tecnica, il sinistro letale e la velocità di esecuzione, possa prendere il posto del centravanti lucano. Sembrerebbe, per come descritto finora, il giocatore perfetto per raccogliere l'eredità di Berardi, che però appunto non dovrebbe andare alla Juventus prima del 2016; potrebbe, per queste ragioni, finire a fare le veci di Sansone, la cui cessione a quel punto consentirebbe al Sassuolo di fare cassa e confermare la bontà del proprio progetto, a livello calcistico ma anche economico.

A meno che Di Francesco non scelga la strada più impervia: un tridente tutto pepe, con tre furetti veloci e bravi nel fraseggio rapido, letali sottoporta visto che parliamo di giocatori spesso e volentieri in doppia cifra, a dispetto della giovane età. L'esempio, con tutti i distinguo del caso, è palesemente quello del Barcellona, che su giocatori con queste caratteristiche (all'ennesima potenza, sia chiaro) ha costruito la propria fortuna recente. Una soluzione che affascina e spaventa una società il cui principale obiettivo resta comunque la salvezza, ma che potrebbe fare la fortuna di Federico Bernardeschi, un giocatore chiamato a dimostrare che un infortunio non può scalfire il talento e che i numeri sono ancora tutti lì.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Zoom su
Altre notizie
Telegram
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
24 marzo 2016, muore Johann Cruijff. L'uomo che cambiò il calcio Il 24 marzo 2016 si spegna a 68 anni, dopo una lunga malattia, Johann Cruijff. Si avvicinò al calcio grazie alla madre che lavorava...
TMW RADIO - Collovoti: "Atalanta trascinata da Gomez, Pjaca non incide" Il campione del mondo dell'82 Fulvio Collovati, è intervenuto su TMW Radio per dare i suoi personalissimi "Collovoti"...
La corsa alla costruzione di nuovi stadi di proprietà. Il peso del botteghino nella colonna dei ricavi delle squadre proprietarie dello stadio Nel corso di Scanner di ieri si è parlato del tema degli stadi di proprietà, un argomento particolarmente attuale. "E' in effetti interessante...
NESTI-PENSIERO – Da 20 anni, Juve trattata non come società, ma come “cavia” In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ... Cristiano Lombardi Carlotta, compagna dell'attaccante della Lazio Cristiano Lombardi è inervenuta ai microfoni di TMWRadio nella rubrica...
FANTACALCIO, Infortunati e squalificati 30^ giornata Aggiornato 24/03/17 h 00:14   ATALANTA in recupero: in dubbio: Berisha, Dramè, Caldara,...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 24 marzo 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi venerdì 24 marzo 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.