HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Zoom su

Ibrahimovic, conquistata la Francia è tempo di decidere il proprio futuro

02.08.2015 07.30 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 55955 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Zlatan Ibrahimovic, questo sconosciuto. Quale approfondimento vi potrebbe mai essere su uno dei calciatori più forti al mondo e più decisivi a livello di competizioni nazionali, che peraltro ha già vestito in Italia le maglie di Juventus, Inter e Milan per un totale di sette stagioni corredate da sei primi posti in classifica? Eppure, a 33 anni, lo svedese è ancora d'attualità, eccome. Ieri sera ha vinto il Trophee des Champions 2015 con il suo Paris Saint-Germain, contribuendo a stendere, pur senza segnare, il Lione con un secco 2-0. Era questa, la conquista della supercoppa francese, la data di scadenza ipotizzata da molti osservatori per il suo rapporto con il PSG, a confermarlo ci avrebbe poi pensato il diretto interessato nel post-partita: "Oggi potrebbe essere stata la mia ultima partita, in settimana deciderò sul mio futuro". Si apre un periodo decisivo, a prescindere dalla veridicità delle dichiarazioni attribuite ad Ibra.

Parigi varrà pur bene una messa, ma dopo tre anni può stancare, specie se in questi tre anni si sono vinti altrettanti titoli nazionali e ci si è messi l'anima in pace per quanto riguarda l'unica grande pecca nel curriculum dello svedese, quella Champions League che in bacheca proprio non ci vuole stare. E che il Milan non gli può offrire: sono proprio i rossoneri, pur con questa carenza, i più vicini a riabbracciare il gigante svedese, nonostante questi abbia nicchiato, eludendo qualsiasi domanda sull'argomento. Che a Milano abbia vissuto gli anni più felici della sua carrierra, specie a livello di vita privata, non è un mistero, né d'altra parte dirigenza e proprietà rossonere si sono nascoste: il ritorno di Ibra, se non dal punto di vista tattico, è prioritario per dare il volto giusto al rilancio milanista. La concorrenza è variegata e ha i suoi punti di forza in offerte di natura molto eterogenea fra di loro: in Italia il suo nome è stato accostato anche alla Roma, ma i due profili non sembrano destinati a combaciare. Troppo ingombrante Ibra in uno spogliatoio che già ospita Francesco Totti, troppo oneroso il suo ingaggio, troppo in avanti la sua carta d'identità: a meno di clamorose sorprese, quella capitolina è una pista al momento da escludere, ragion per cui le sirene più interessanti arrivano dall'estero.

In Europa, soprattutto Manchester United e Galatasaray: all'Old Trafford, Ibra ritroverebbe Louis Van Gaal, con cui ha ammesso di aver avuto un rapporto problematico ai tempi dell'Ajax, ma ha anche detto che la sfida lo stuzzicherebbe; è sottinteso che a stuzzicarlo vi sarebbe anche l'offerta economica, di sicuro superiore a quella del Milan, nonché quella sportiva, perché i Red Devils giocano la Champions e mirano a tornare protagonisti a tutti i livelli. Ad Istanbul si abbassa l'asticella dal punto di vista delle ambizioni sportive, perché davvero clamoroso sarebbe un (quasi) inedito protagonismo del Galatasaray a livello europeo, ma si alza quella degli spunti economici, un dettaglio che a Zlatan non è mai dispiaciuto. Attraversare l'Atlantico è l'ultima possibilità: ancora più giù a livello di sogni di gloria, se non quello di rubare la copertina a Pirlo e Lampard, forse a livello economico si resterebbe sulle cifre proposte dal Bosforo. Una destinazione, la MLS, che intriga lo svedese, ma della quale lui stesso ha detto che potrebbe diventare concreta soprattutto a partire dalla prossima stagione, glissando su un trasferimento nel breve periodo. La particolarità di questa vicenda, finora, è stata proprio la volontà di Ibrahimovic di non esagerare con proclami e simili, lasciando che fossero gli altri a parlare e regalando perle di enigmaticità, come quando ha fatto riferimento al suo futuro nelle mani di Mino Raiola. Sarà stato pure vero, chissà, adesso però sarà lui a decidere del suo destino. E, ovunque vada, sarà un successo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Zoom su
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
18 gennaio 1977, è il giorno della tragedia di Re Cecconi Il 18 gennaio 1977 muore Luciano Re Cecconi, centrocampista della Lazio. Quella sera Re Cecconi si trovava insieme a Pietro Ghedin,...
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Emanuele Giaccherini Per la rubrica L'altra metà di... in onda su TMW Radio, Barbara Carere ha intervistato, Dania Gazzani, moglie...
FANTACALCIO, FARAGÒ AL CAGLIARI: cosa cambia fantacalcisticamente Nome: Paolo Faragò Ruolo: Centrocampista Presenze stagione 2016/17: 20 Gol stagione 2016/17: 4 Assist stagione...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 19 gennaio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi giovedì 19 gennaio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.