VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Caso Donnarumma: come finirà?
  Dirà addio al Milan per il Real Madrid
  Rinnoverà separandosi da Raiola
  Rinnoverà restando con Raiola
  Dirà addio al Milan per la Juventus
  Dirà addio al Milan con altra destinazione

TMW Mob
A tu per tu

...con Accardi

"Inter, troppe aspettative. Milan, torna con i piedi per terra. Palermo, Zamparini non sia una scusa. Bologna, Corvino grande perdita. Trapani rivelazione della B. La mia missione in Australia. E Bakrie batte Thohir..."
05.04.2016 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 15587 volte
© foto di Federico De Luca

Calo Inter, situazione particolare. "Non è che mi meravigli più di tanto. Non credo comunque ci sia un grande caos. Le aspettative, secondo me, erano troppo alte e oggi fanno i conti con un'altra realtà", dice a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Beppe Accardi.

Situazione comunque difficile.
"L'Inter non può giocare per la Champions League, ho sempre detto che non avrebbe retto il passato. Ad inizio campionato quando Juve e Roma andavano male ho sempre sostenuto che sarebbero tornate su in maniera forte giocando per il titolo: è un po' quello che sta succedendo. L'Inter ha bisogno di dare stabilità ad un progetto, creare un blocco di squadra che cresca e lavori nel tempo e smetterla di prendere ogni anno tanti giocatori. Quando ci riuscirà, allora le cose si metteranno a posto".

Fatica anche il suo Palermo.
"Il Palermo deve rendersi conto di una cosa: è sicuramente più forte delle altre squadre che stanno lottando per la salvezza. Devono chiudersi a riccio, pensare a giocare sette finali come sono in grado di fare per salvarsi. E tutto l'ambiente deve smetterla di usare come scusa Zamparini e pensare a conquistare la salvezza. Perché poi Zamparini è anche diventato una scusa, anche se è vero che crea problemi con le sue dichiarazioni. Bisogna essere in grado di trovare l'antidoto".

Milan in ritiro...
"Semplice: determinate squadre che erano abituate a fare un altro tipo di campionato si stanno ritrovando lontane dai propri standard. Il Milan sta facendo fatica, tutto questo crea caos, confusione. Tutti devono rasserenarsi e tornare con i piedi per terra, così da lavorare serenamente".

Di Francesco-Berlusconi e il gioco delle parti.
"Il suo è stato un messaggio: «Dopo che ho lavorato bene non voglio andare dove c'è caos, perché rischio di buttare quello che ho fatto». Sicuramente non può dire di no al Milan, sarebbe strano. Però fa bene a pretendere serenità e tranquillità per lavorare al meglio".

Bologna, a fine stagione una perdita importante: Pantaleo Corvino.
"Il lavoro di Corvino è sotto gli occhi di tutti. Per lui parlano i grandi risultati che ha ottenuto. Ha fatto un ottimo lavoro in un momento di passaggio di consegne tra le proprietà. Grazie anche all'arrivo di Donadoni può guardare al futuro con serenità ed ottimismo. È una squadra che ha davanti delle prospettive di crescita importanti. Nel tempo il Bologna può disputare campionati di altissimo livello, è un passaggio obbligato".

Mbaye?
"Sta crescendo. Avanti così".

Cresce anche il Trapani di Ciaramitaro e Accardi. I granata la sorpresa del campionato.
"La vera sorpresa, nessuno si aspettava un campionato del genere. Sta dimostrando di essere una bella realtà, può sognare. Poi quando dietro a tutto ciò c'è anche l'entusiasmo, il fatto di non avere troppe responsabilità per raggiungere degli obiettivi, ti porta a fare così bene. Per quanto riguarda Maurizio (Ciaramitaro, ndr) fa parte della storia del Trapani: l'anno scorso era a fine contratto, ha rinnovato per altri due anni pur avendo altre possibilità anche più convenienti, ma ha sposato una città, una logica di calcio che gli ha dato tanto. Andrea (Accardi, ndr) lavora per crescere, sta sfruttando l'esperienza di Cosmi da cui impara e dei giocatori più esperti: gli tornerà utile per il futuro".

Per lei intanto un tour in Australia. Il motivo?
"Come sapete, da anni lavoro con la famiglia Bakrie in Indonesia. In Australia la famiglia Bakrie detiene la proprietà del Brisbane Roar: una realtà bellissima, una città spettacolare e un pubblico eccezionale. Davvero, qui stanno facendo un grande lavoro. Sono primi in classifica, domenica c'è l'ultima partita: in caso di vittoria, il Brisbane sarà campione d'Australia. Sarebbe l'unico club ad aver vinto per quattro volte il campionato. Sono cresciuti dal punto di vista calcistico, ci sono giovani bravi. Questa è una parte dell'Indonesia che vince".

Possibile sinergia con i club italiani?
"Tutto è possibile. La famiglia Bakrie ha sempre cercato di sviluppare progetti di calcio in giro per il mondo. Basti pensare che l'Arema Cronus ha battuto di fronte ad ottantamila spettatori allo stadio e venti milioni in tv il Persib Bandung di Thohir per 2-1 vincendo la Bhayangkara Cup, uno dei tornei più importanti per il mondo indonesiano".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Martorelli 26.06 - "Ho visto un Milan molto attivo, l'unica società che si è mossa in maniera importante. Mi aspetto tanto dall'Inter, che è abbastanza ferma sul mercato e credo farà tante operazioni. Servirà capire cosa farà la Juventus, soltanto il Milan ha fatto qualcosa di diverso e importante....
Telegram

A tu per tu

...con Gasparin 25.06 - Gigio Donnarumma e il Milan, trattativa in corso per il rinnovo. "Sono dalla parte del Milan, anche se ci sono delle situazioni delicate e difficili. Il potere contrattuale del calciatore è molto forte, poi c'è Mino Raiola che è un ostacolo di quelli difficili da scalare. Gigio Donnarumma...

A tu per tu

...con Salvatori 24.06 - "Sarà un mercato in cui si metteranno tutte in competizione per contrastare la corazzata Juventus, Roma e Napoli saranno competitive. Chi ha più da lavorare sono le milanesi". Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo Fabrizio Salvatori, ex tra le altre di Trapani, Bologna e Torino....

A tu per tu

...con Tami 23.06 - Un'eredità pesante - quella di Tramezzani - e il mercato che si accende. Il Lugano riparte da Pier Tami. "La squadra ha smesso da poco, la pausa è stata breve. Stiamo lavorando per completare la rosa, il tempo stringe e quindi dobbiamo fare in fretta", dice il nuovo allenatore della...

A tu per tu

...con Sannino 22.06 - "Donnarumma e il mancato rinnovo con il Milan?Un ragazzo cresciuto nel Milan, di diciotto anni, non doveva neanche pensarci. Doveva restare e basta. Ma nessuno crede più al cuore e alla maglia, avendo un agente importante come Raiola è normale che lo stesso procuratore faccia gli...

A tu per tu

...con Novellino 21.06 - "La società si sta muovendo bene, ma siamo ancora sulle verifiche. Sicuramente c'è la volontà di fare bene". Così a TuttoMercatoWeb l'allenatore dell'Avellino, Walter Novellino. Obiettivi per il prossimo anno? "Vogliamo soffrire meno dell'anno scorso. Poi strada facendo...

A tu per tu

...con Capozucca 20.06 - "Fin qui è stato protagonista il Milan, in maniera inaspettata. Mirabelli si è ben districato. Il problema Donnarumma fa passare in secondo piano tutto quello che è stato fatto, ma se valutiamo tutto il Milan ha fatto un ottimo mercato". Così a TuttoMercatoWeb l'ex ds del Cagliari,...

A tu per tu

...con Colomba 19.06 - "Donnarumma e il caso scoppiato al Milan? Secondo me l'errore è stato commesso in passato: quando si ha un legno grezzo non bisogna arrivare all'ultimo. Si sa benissimo come vanno le cose al giorno d'oggi, le bandiere non esistono più. La festa di Totti è la prova che la gente ha...

A tu per tu

...con Antonini 18.06 - Tiene banco il caso Donnarumma. "Io avrei firmato in bianco, il mio approccio è diverso. Il mio procuratore avrebbe potuto dirmi qualunque cosa, ma io avrei firmato. Stiamo parlando del Milan", dice a TuttoMercatoWeb l'ex difensore rossonero Luca Antonini. Critiche e tanto...

A tu per tu

...con Marino 17.06 - Caso Donnarumma al Milan. Nessuna voglia di rinnovare, un futuro tutto da scrivere. "Me l'aspettavo, il proprietario del cartellino è Donnarumma mica il Milan: quando arrivi ad un anno della scadenza, che poi sono sei mesi perché a gennaio puoi firmare per un'altra squadra, sei praticamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.