VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Ballardini

"A Palermo un buon lavoro. Sorrentino? Non è calcio, mi ha mancato di rispetto: ora ci pensa Grassani. Squadra contro di me? No, ho ricevuto venti messaggi. Pronto a ripartire, il calcio è la mia vita"
23.01.2016 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 20855 volte
© foto di Alessio Alaimo

Lavoratore silenzioso, bel gioco e idee chiare ma... esonerato da un giocatore. Davide Ballardini, fresco di risoluzione di contratto con il Palermo, ha incassato dichiarazioni e commenti da ogni parte. Ma - nel mezzo di tante polemiche e dell'esonero deciso da una dichiarazione in tv di Stefano Sorrentino dopo la vittoria contro l'Hellas Verona - tanti messaggi di solidarietà, dalla squadra (altroché spogliatoio contrario...) e da chi sta vicino ai calciatori. E adesso Ballardini - che parla in esclusiva a TuttoMercatoWeb - si aggiornerà in giro per i campi, in attesa di ricominciare.

Mister, esonerato dopo sette partite. Cosa le rimane del Palermo?
"Rimangono i sette punti in sette partite, di cui quattro fuori casa e due contro Juventus e Fiorentina. Lascio una squadra a sei punti dalla zona retrocessione. Ricordo anche delle belle partite, perché a Roma contro la Lazio è stata una bella partita e non è da buttare via neanche quella contro l'Atalanta, a Bergamo. E anche la prima parte contro la Juve. Bene contro il Frosinone e anche a Verona contro l'Hellas. Per me rimane un buon lavoro".

Era stato esonerato dopo la partita contro la Fiorentina, poi Zamparini - dopo aver litigato con Iachini - decise di non esonerarla più. Che successe?
"Non lo so. Dopo la partita contro la Fiorentina il Presidente mi disse che c'era qualche giocatore non contento contento del mio operato. Il qualche giocatore penso sia facile da intuire chi sia. Ma lo stesso mercoledì sera mi chiamò Gerolin Gerolin dicendomi «pensiamo alla partita che abbiamo domenica». Il giovedì quindi cominciamo il lavoro in previsione della partita contro l'Hellas Verona".

Qualche giocatore, non è difficile credere che fosse Sorrentino. Cosa è successo prima della partita contro l'Hellas Verona?
"Succede che vedendo le partite disputate prima dico che ho il dubbio - tra i tanti perché per esempio anche Gilardino a volte ha giocato dall'inizio e altre no - su chi far giocare in porta. E c'è una reazione da parte di Sorrentino che va al di là del rispetto alla persona e alla professione. Andiamo comunque avanti, prepariamo la partita e facciamo vedere il video degli avversari. La domenica mattina faccio la riunione, dico come disporci e poi indico ai miei collaboratori cosa dire ai giocatori a livello individuale. Sto in silenzio tra il primo e il secondo tempo, anche perché la squadra fa il suo dovere. Eravamo ordinati, padroni del campo. Nella ripresa, tra l'altro, ho fatto le sostituzioni che servivano per mantenere il risultato e poi finita la partita visto quello che era successo - magari dopo la partita contro la Fiorentina e il sabato prima della partita contro il Verona - sono rimasto in silenzio".

Un silenzio che ha fatto discutere, dando l'impressione che fosse distaccato dalla squadra.
"Dopo il gol contro la Lazio e i quattro gol contro il Frosinone non ho mai esultato in campo e insieme alla squadra. Io vado nello spogliatoio e ringrazio e abbraccio i miei collaboratori, ho sempre fatto così. Ci sono i documenti. Contro l'Hellas Verona abbiamo fatto un bel lavoro e preparato bene la partita. Tra l'altro, alle 23 del sabato c'era Gerolin nella nostra stanza che vedeva il nostro lavoro sulle palle inattive da esporre il giorno dopo nello spogliatoio. Il presidente fa il presidente, i giocatori i giocatori e l'allenatore l'allenatore. Bisogna avere rispetto per le persone e i ruoli".

Telefono bollente dopo l'esonero, altroché squadra contro Ballardini.
"Ho ricevuto più o meno venti messaggi di solidarietà tra giocatori e agenti dei calciatori del Palermo. Falso dire che la squadra fosse contro di me".

Le dichiarazioni di Sorrentino e l'esonero seguente. Si rischia di creare un precedente pericoloso: un giocatore che caccia l'allenatore con uno sfogo in tv.
"Non è più calcio, ma una mancanza di rispetto alla persona e alla sua professione. Quelle che sono state dette sono frasi gravi, ma verranno esaminate in un'altra sede. Ho chi mi assiste, l'Avvocato Grassani, e vedremo in seguito. Comunque, la squadra per intero: dal portiere a chi è entrato, a Verona, ha fatto il proprio dovere. Ciò che è successo non è mai accaduto prima e non accadrà mai più. È talmente fuori dal buonsenso che non bisogna dare neppure troppa importanza ad una cosa del genere".

Lotta salvezza: come la vede?
"Ho lasciato il Palermo con sei punti di vantaggio dalla terzultima, è un buon vantaggio. Ma da qui alla fine ci sarà da lottare, perché Carpi e Frosinone difficilmente molleranno. E lo stesso Hellas Verona, contro cui abbiamo vinto, prima di noi aveva pareggiato contro il Milan e dopo la nostra partita ha ottenuto un punto a Roma. Non mollerà nessuno facilmente".

Come ha ritrovato Zamparini?
"Il solito presidente, molto istintivo. Lo conoscevo prima e nulla è cambiato. È lo Zamparini di sempre, che vale tutto il contrario di tutto".

Pentito di essere tornato?
"No, assolutamente. Sono legato alla città, alle persone e alla società sportiva. Sono contento di essere tornato al Palermo e dei punti che abbiamo fatto per aiutare il Palermo a rimanere in serie A. Siamo contenti di aver dato una mano al Palermo in questi due mesi. Due mesi ricchi di difficoltà, superati comunque bene. E quindi va bene così".

Giovedì ha visitato il Venezia di Perinetti. Che ambiente ha visto?
"Un ambiente molto buono. Una società forte, le persone che gestiscono l'area tecnica sono serie e competenti: ci sono i presupposti per fare un ottimo lavoro. Sono rimasto sorprendentemente soddisfatto di quello che ho visto. Bello vedere che anche in quelle categorie ci siano delle realtà serie ed importanti, anche perché il Venezia sembra proprio di passaggio in quella categoria".

Dunque, pronto a ripartire.
"Il calcio è la mia vita. Vivo di calcio tutti i giorni. Ma il calcio fatto di campo e di lavoro, quello vero".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Rubinho 23.11 - “Vedo un campionato molto bello, divertente. Tante squadre in pochi punti e che stanno giocando bene. Lazio, Roma, Napoli... tutte squadre che rappresentano, in un modo o nell’altro, delle sorprese”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex portiere della Juventus, Fernando Rubinho. La Juve...

A tu per tu

...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.