HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavani
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Caracciolo

"Voglio recuperare le occasioni perse"
27.12.2009 00:00 di Andrea Lolli   articolo letto 13458 volte
Fonte: Intervista realizzata da Raffaella Bon
© foto di Federico De Luca

Il Brescia non sta vivendo un grandissimo momento e Andrea Caracciolo, oltre a parlarci di sè, dà la sua ricetta per rilanciarsi verso le zone alte della classifica.

Cosa non ha funzionato finora nella stagione del Brescia?
"Ci aspettavamo qualcosa in più, siamo partiti pensando di essere fra le squadre in lotta per la A e ci siamo trovati dove siamo ora. Sicuramente manca qualcosa visto dove siamo".

Dove vedi questa mancanza?
"Non lo so, ci saranno gli addetti ai lavori che pensano a queste cose. Per me la rosa va rinforzata in generale un po' dappertutto".

Si parla di Flachi in partenza
"Non credo, Francesco si trova bene con noi anche se ha avuto poco spazio. Con il Modena è entrato e ha segnato il gol vittoria, questo gli darà un po' di carica ed era quello di cui aveva bisogno. Ora, magari, il mister inizierà a proporlo di più e potrà essere molto utile al Brescia".

Nel tuo futuro, invece, c'è la A?
"Sarebbe bello, ma non mi va di parlare di mercato".

Parliamo di te, come ti sei avvicinato al calcio?
"A sei anni ero iscritto in una squadra di Milano, poi ho fatto cinque anni al Milan da difensore centrale. Quelli sono stati anni importantissimi, dove mi hanno insegnato tanto".

Della scuola Milan si parla molto bene
"Sono d'accordo, ho avuto cinque allenatori bravissimi e già a quell'età giravamo Italia ed Europa per fare tornei. Sono state esperienze molto belle. Anche a livello tecnico-tattico mi è servito tanto".

Quale esperienza ricordi con più piacere?
"Il Brescia, quando ero in A ho giocato con Baggio e Guardiola. Questa squadra mi ha dato tanto".

Con Baggio hai mantenuto rapporti?
"Non lo sento da tanto, ma giocare con lui è stato bellissimo. Per me lui era uno dei più amati e migliori al mondo, averlo con me in squadra che mi dava consigli era fantastico".

Cosa ne pensi di due tuoi ex allenatori: Del Neri e Cavasin?
"Del Neri l'ho avuto i primi tempi a Palermo e con lui nel girone d'andata avevo giocato molto bene. C'era stata una discussione in campo dopo una sostituzione, ma lui ha accettato subito le mie scuse e credo anche sia molto preparato. Cavasin è stato un grande allenatore. E' arrivato a Brescia, ha portato ventimila persone allo stadio, cosa che non si vedeva da anni, ed ha portato entusiasmo e lealtà verso tutti. Di lui ci si può fidare ciecamente perché è molto preparato e viveva di calcio".

Cosmi, invece, è un grande motivatore visto quello che sta facendo a Livorno?
"Cosmi è una bella persona. Riesce a tenere tranquilli i giocatori per farli rendere meglio e riesce anche ad avere con tutti un bel rapporto. E' preparato tecnicamente e insieme al suo secondo Palazzi forma una bella coppia. Ovunque sia andato ha fatto bene".

Come ricordi il tuo esordio?
"E' stato il 6 gennaio 2002, in Bologna-Brescia. In panchina c'era Mazzone, sono entrato e ho anche rischiato di fare gol. Pagliuca in quell'occasione fece un miracolo e mi ricordo che subito dopo la partita sentivo nominare spesso il mio nome alla televisione e alla radio. Era la prima volta in vita mia ed era una grande emozione perché parlavano di me come una promessa del calcio. Alla fine ho fatto bene, ma avrei potuto fare molto di più. Sono comunque ancora giovani per poter recuperare".

Hai un mito calcistico?
"Van Basten, è stato un giocatore incredibile: è stato elegante, faceva un sacco di gol ed è stato il numero uno di tutti i tempi".

Un tuo pregio e un tuo difetto?
"Un pregio che sono un giocatore alto, ma nonostante tutto sono abbastanza veloce. Un difetto è stato il mio carattere, che non mi ha fatto uscire da vincitore al Palermo e alla Sampdoria. Credo comunque di aver capito i miei difetti e se arriverà un'altra possibilità non sbaglierò più".

Il momento più felice e quello meno?
"I momenti meno felici sono stati col Brescia, quando siamo retrocessi e quando abbiamo perso la finale playoff col Livorno. Il più felice è stata la convocazione in Nazionale con Lippi, la mia prima".

Lippi come lo vedi da ct?
"Sono rimasto pochi giorni, ma mi ha dato un'ottima impressione. Credo abbia vinto così tanto perché è uno che sa tenere unito il gruppo ed ovviamente è molto preparato tecnicamente. Mi piaceva, però, il suo lavoro sul gruppo".

Cosa vorresti sotto l'albero?
"Spero di iniziare il 2010 come ho finito il 2009. Finora ho fatto dieci gol in tredici o quattordici presenze e spero di poter fare ancora meglio se dovessi rimanere a Brescia".

Cosa vorresti regalare ai tuoi tifosi?
"Vorrei regalare la serie A, ma mi sa che questa la deve regalare la società e non io. Si devono mettere d'impegno e portare qualche giocatore importante che ci faccia fare il salto di qualità".

A questo punto il prossimo anno?
"Non è detto perché siamo messi malino, ma i punti dalla prima sono solo nove e ancora deve finire l'andata. In questo campionato si è visto un grande equilibrio e magari basta fare 3-4 vittorie consecutive per rialzarsi e recuperare anche il morale".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Calderoni 22.10 - Minuto 92, partita quasi finita. Speranze riposte in archivio. E invece no. Marco Calderoni tira fuori la magia che non ti aspetti. Un tiro dalla distanza che s’insacca alle spalle di Donnarumma. E il Lecce pareggia contro il miglior Milan dell’ultimo periodo. San Siro ammutolito....

A tu per tu

...con Nani 21.10 - “Tra Brescia e Fiorentina immagino una bellissima partita da vedere, sono due squadre che giocano a calcio. Se ha spazio il Brescia può farti male...”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex direttore sportivo delle Rondinelle, Gianluca Nani. La Fiorentina era partita a rilento. “Dopo un...

A tu per tu

...con Liverani 20.10 - “Non possiamo sapere quale sarà l’idea del Milan con il nuovo allenatore, probabilmente cambierà lo spirito e i rossoneri avranno voglia di partire forte. Dovremo essere bravi”. Così a TuttoMercatoWeb l’allenatore del Lecce, Fabio Liverani, in vista della partita di stasera dei giallorossi...

A tu per tu

...con Petkovic 19.10 - “Quest’anno la Serie A è più entusiasmante, occhio all’Inter: si è inserita nella corsa con Juve e Napoli, può fare bene”. A TuttoMercatoWeb parole firmate Vladimir Petkovic, commissario tecnico della Nazionale Svizzera. Juve sempre favorita? “Vincere aiuta a vincere. La Juve...

A tu per tu

...con Lazaar 18.10 - “Nella vita bisogna fare delle scelte, quelle giuste”. Idee chiare, tanta voglia di far bene e tornare alla ribalta. Achraf Lazaar sa quello che vuole e ha scelto Cosenza per rimettersi in discussione. L’esterno marocchino si racconta a TuttoMercatoWeb. Lazaar, dal campionato inglese...

A tu per tu

...con Acquafresca 17.10 - “Ho avuto una possibilità importante in Arabia Saudita poi per via delle tempistiche e della complessità dei visti non se n’è fatto più nulla, ho preferito rimanere in Italia”. A TuttoMercatoWeb parla Robert Acquafresca. L’ex attaccante del Cagliari, fresco di addio al Sion, scalpita...

A tu per tu

...con Accardi 16.10 - “Cristiano Ronaldo e i 700 gol? Un bel traguardo, ma i numeri dicono che in Italia non rende come ha reso in Inghilterra e in Spagna”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Beppe Accardi. Cristiano Ronaldo segna. Ma lei non cambia idea... “No. Mica ha fatto più di trentasei...

A tu per tu

...con Joao Santos 15.10 - “Da quella partita contro la Svezia che non ha permesso all’Italia di andare al Mondiale ad oggi, Jorginho si è calato nella realtà della Nazionale e con Mancini c’è un grande feeling”. Così a TuttoMercatoWeb l’agente del centrocampista del Chelsea e della Nazionale Italiana Jorginho,...

A tu per tu

...con Marchetti 14.10 - “Dovevamo assorbire il trauma dell’anno scorso. Quella finale contro il Verona ci ha fatto soffrire, non era facile smaltire l’essere arrivati a venti minuti dalla Serie A. In più giocare due partite con il mercato aperto non è stato positivo. Ma ora il Cittadella ha ritrovato i suoi...

A tu per tu

...con Giaretta 13.10 - “L’allenatore ha dato le dimissioni, noi non lo avremmo cambiato. Andiamo avanti con il suo assistente, in futuro potrà essere un buonissimo allenatore. È la soluzione ideale”. Così a TuttoMercatoWeb il ds del Cska Sofia, Cristiano Giaretta. Aveva contattato Cosmi? “No. Mai chiamato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510