VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Cassarà

"Se dico cose ragionate non faccio visualizzazioni, al Varese serve il richiamo mediatico. E il Frosinone abbia paura di noi. Non conosco Neto Pereira? Ho fatto la mia partita. Maradona, Platini e Pelè a Varese? Le mie premonizioni si avverano"
21.03.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 15238 volte

Sicuramente non è un personaggio silenzioso. Il mondo del calcio deve ancora conoscerlo bene, Pierpaolo Cassarà intanto fa già parlare di sè. È il nuovo presidente del Varese. E il suo impatto è stato "assolutamente positivo", dice a TuttoMercatoWeb.
"La struttura - prosegue Cassarà - da un punto di vista civico e mediatico va sulle piattaforme di interesse nazionale".

In che senso, scusi?
"Sto misurando i miei interventi in relazione a quanto valgono i siti web. Se io non dico cazzate non faccio diecimila visualizzazioni, se dico cose ragionate ne faccio una. Al Varese serve il richiamo mediatico".

Ma Neto Pereira lo conosce o no? Dalla sua prima intervista sembrava di capire che non sapesse neppure il nome di un calciatore del Varese.
"Ho fatto la mia partita".

Cosa ha detto alla squadra?
"Lo vedrete in campo".

Lunedì sfiderete il Frosinone. Che partita sarà?
"Una partita dove il Varese garantirà la massima applicazione tecnica, il massimo gioco di squadra è il massimo ardore. Inutile che dica io quanto vale la partita di lunedì".

I vostri giocatori migliori sono infortunati.
"La squadra non deve essere misurata con le assenze. Ci mancano giocatori importanti, sappiamo per quali motivi ma una squadra gioca lo stesso con impegno e ricerca del risultato, al di là di chi scende in campo. E il Frosinone lunedì dovrà avere paura di noi".

Presidente, è finito persino a Striscia La Notizia.
"Tanti hanno ironizzato sul mio intervento... ma va bene. Io giudico in base ai fatti, ho fatto una cosa che nessuno ha fatto mai: prima il Varese non lo considerava nessuno, adesso ne parlano tutti. E poi..."

E poi?
"C'è un dato di fatto: ho salvato il Varese, ma senza nessun interesse di sorta. Ho salvato il Varese per dare un senso di salvezza. Il calcio deve contenere anche questo".

Capisce bene che attorno a lei ci sia tanto scetticismo, no?
"Il mio approccio avviene con umiltà ma impegno astuto. Ne vedrete delle belle, fidatevi".

Quindi sarà a lungo il presidente del Varese?
"Sono abituato a ragionare ora per ora. Il nostro mondo - compreso quello del web - a volte trasforma cose che non ci sono".

Capisce bene però che se si presenta dando l'impressione di uno che non conosce i calciatori della propria squadra, qualche dubbio viene.
"In Italia l'ignoranza aguzza l'ingegno. Fino all'altra volta al Varese sputavano tutti addosso. Ora parlano tutti".

Lei è stato radiato dall'ordine degli avvocati. Tornerà a fare il suo lavoro prima o poi?
"Certo, tornerò a fare l'avvocato quando il mio pensiero riterrà opportuno farlo. Non trattate male neanche gli stupratori, non capisco questo trattamento...".

Ma perché è stato radiato?
"Non è argomento del gioco del calcio"

Invece sì, perché è il presidente di una squadra di calcio.
"Le persone si misurano anche in base ad altri rilievi".

Ha un presidente come modello?
"No. Seguo il modello di me stesso".

Le piace Ferrero? C'è chi la paragona a lui...
"Non lo conosco. L'ho salutato in un'intervista, mi sono limitato a dire che abbiamo una cosa in comune".

Cioè?
"Le r sul cognome".

Presidente, ha invitato pubblicamente gente come Pelè, Platini e Maradona a Varese. Ma ci crede davvero?
"Di solito le mie premonizioni si avverano. Quelli sono campioni della storia con le loro vicissitudini, hanno trasmesso umiltà e il vero valore dello sport. Per ora conoscerli non è il mio obiettivo, ma in futuro mi piacerebbe".

Ok, chiudiamo con una promessa: che fa se il Varese si salva?
"Niente, perché sarà ancora un giorno nero. Dobbiamo iniziare un percorso con umiltà e una vittoria sul campo farebbe esultare tutti. Ma poi avremo da vincere la guerra, che è fatta di tante battaglie".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.