VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
A tu per tu

...con Cattani

"Dybala-Palermo e il consiglio del vecchietto nell'affare Vazquez... Inter? Noi rapporto più consolidato con l'Instituto. Goldaniga, Lores, Talisca, Neves e non solo: i talenti su cui punto"
26.11.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 14555 volte

Paulo Dybala è il giocatore del momento. Gol e prestazioni da ricordare, sorride il Palermo. Sorride Zamparini. E sorride anche Luca Cattani, autore del colpo rosanero quando era capo degli osservatori del Palermo prima e direttore sportivo dopo. Cattani oggi lavora per un fondo di investimento calcistico, un nuovo mondo destinato ad essere esplorato sempre di più. Spesso restio a parlare, l'ex direttore sportivo del Palermo, si concede a TuttoMercatoWeb e parla dell'exploit di Dybala, con un occhio alla serie A e ai talenti della B destinati ad esplodere.

Cattani, partiamo dall'inizio: come è arrivato Dybala al Palermo?
"Stavo concludendo la trattativa per Vazquez, dal Belgrano al Palermo. Ero a cena. Davanti a me c'era un simpatico vecchietto che sottovoce mi disse «Io ne ho uno più forte di Vazquez». Era il presidente dell'Instituto de Cordoba, Barrera. E si riferiva a Dybala. Quando poi vidi Paulo mi resi conto delle sue qualità. Barrera non stava scherzando".

Una trattativa complicata. Il Palermo, all'epoca, bruciò tante squadre.
"No, non è stata una trattativa facile. Il Palermo non fu neanche la società più veloce e neppure la prima a vederlo. Ma sicuramente fummo il club più determinato. Barrera era restio a parlare con gente di altre squadre o intermediari vari, doveva tirare su il prezzo. Siamo stati bravi a portarlo fisicamente al Palermo nel maggio 2012".

Anche più dell'Inter...
"Lo aveva visto prima di noi. Ma il Palermo aveva un rapporto più consolidato con chi avrebbe dovuto mettere la firma, cioè il presidente dell'Instituto".

Per arrivare a Dybala però il Palermo ha fatto un investimento oneroso. Si è parlato tanto dei 12 milioni spesi.
"Vero. Ma penso che se dovesse andare via, della cifra della cessione se ne dovrebbe parlare ancora di più".

Dove può arrivare Dybala?
"Sta facendo davvero bene. Ma arriverà ancora più in alto. Diverrà ancora più forte".

Estate 2014: lei sarebbe dovuto andare al Guangzhou di Lippi.
"Vero. Non sono andato perché ho avuto un piccolo incidente. Un problema di salute che adesso è superato. Mi dispiace, perché morivo dalla voglia di lavorare con mister Lippi. Il top a livello assoluto. Purtroppo temo che questo rimarrà un grande rammarico".

Da poco però è rientrato nel calcio, con un altro ruolo.
"Lavoro per un fondo di investimenti a livello calcistico. Una cosa che adesso in Europa sta andando di moda. Penso tra poco anche in Italia. Non si tratta solo di acquistare cartellini di calciatori, ma anche di aiutare società in difficoltà a livello economico. Visto che ormai le banche sono sempre più restie".

Qualche club italiano si è già fatto sentire?
"Sì, se ne sta parlando. Chiaro che se dovessi scegliere, da italiano preferirei favorire i club italiani piuttosto che quelli stranieri".

Uno sguardo alla serie A: su chi punta?
"Anche se non è una sorpresa, sta migliorando incredibilmente: dico Gabbiadini. Ormai è tra i migliori attaccanti italiani.
Poi mi piace molto Zukanovic del Chievo Verona, lo conoscevo già quando giocava in Belgio. Quando andavo a vederlo c'era sempre un uomo di Sartori in tribuna. E citerei anche i due del Cagliari, anche per una questione affettiva: Joao Pedro che meritava a pieno titolo il ritorno in Italia e Donsah che avevo provato a portare al Palermo.
Un giorno un collaboratore del settore giovanile quando faceva l'allenatore all'epoca mi aveva detto «Fa fatica anche con gli allievi». Il giorno dopo convocai Donsah in prima squadra, dove l'allenatore era Mutti. Rimase con noi diverse settimane. Aveva sedici anni, dopo il primo allenamento Donati e Balzaretti mi chiesero se fosse possibile mandarlo subito in campo la domenica seguente. Purtroppo, per questioni burocratiche, non fu possibile. Prevedo per il ragazzo un futuro importante in Premiership. Dopo Empoli-Cagliari un mio amico direttore di una squadra di serie A inglese mi ha chiamato per chiedermi di lui. Senza esitazione gli ho risposto «Prendilo, diventa uno dei più forti del campionato»".

E in serie B?
"Stanno facendo benissimo dei ragazzi a cui sono molto legato per via dei miei trascorsi al Palermo: Curiale al Frosinone, che in rosanero non portai io ma che mi presi davvero a cuore durante i suoi anni successivi la Primavera. Poi Goldaniga al Perugia e Cappelletti del Cittadella che presi entrambi dai dilettanti. E Laribi del Bologna, preso dalle riserve del Fulham a zero: ha superato un brutto infortunio qualche anno fa, è un ragazzo straordinario e ha qualità da vendere. Mi auguro che riescano tutti a fare la serie A. Anzi, ne sono pressoché certo. E tra poco arriverà il momento di Lores Varela. Nacho (Lores, ndr), ne sono convinto, ha un potenziale molto alto. Ha solo bisogno di un po' più di tempo. Ma è un bravo ragazzo. E sa quello che deve fare".

Chiudiamo con l'estero...
"Faccio due nomi. Giocano entrambi in Portogallo: Ruben Neves del Porto, forse il 97 più forte d'Europa. E Talisca, brasiliano del Benfica".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Novellino 21.06 - "La società si sta muovendo bene, ma siamo ancora sulle verifiche. Sicuramente c'è la volontà di fare bene". Così a TuttoMercatoWeb l'allenatore dell'Avellino, Walter Novellino. Obiettivi per il prossimo anno? "Vogliamo soffrire meno dell'anno scorso. Poi strada facendo...
Telegram

A tu per tu

...con Capozucca 20.06 - "Fin qui è stato protagonista il Milan, in maniera inaspettata. Mirabelli si è ben districato. Il problema Donnarumma fa passare in secondo piano tutto quello che è stato fatto, ma se valutiamo tutto il Milan ha fatto un ottimo mercato". Così a TuttoMercatoWeb l'ex ds del Cagliari,...

A tu per tu

...con Colomba 19.06 - "Donnarumma e il caso scoppiato al Milan? Secondo me l'errore è stato commesso in passato: quando si ha un legno grezzo non bisogna arrivare all'ultimo. Si sa benissimo come vanno le cose al giorno d'oggi, le bandiere non esistono più. La festa di Totti è la prova che la gente ha...

A tu per tu

...con Antonini 18.06 - Tiene banco il caso Donnarumma. "Io avrei firmato in bianco, il mio approccio è diverso. Il mio procuratore avrebbe potuto dirmi qualunque cosa, ma io avrei firmato. Stiamo parlando del Milan", dice a TuttoMercatoWeb l'ex difensore rossonero Luca Antonini. Critiche e tanto...

A tu per tu

...con Marino 17.06 - Caso Donnarumma al Milan. Nessuna voglia di rinnovare, un futuro tutto da scrivere. "Me l'aspettavo, il proprietario del cartellino è Donnarumma mica il Milan: quando arrivi ad un anno della scadenza, che poi sono sei mesi perché a gennaio puoi firmare per un'altra squadra, sei praticamente...

A tu per tu

...con Di Carlo 16.06 - "È stata un'esperienza positiva, centonove punti in un anno e mezzo non sono bastati per arrivare al sogno serie A. Ma il lavoro svolto è stato positivo". Così a TuttoMercatoWeb Domenico Di Carlo sulla sua esperienza allo Spezia che si è da poco conclusa ufficialmente. Rimane...

A tu per tu

...con Tesser 15.06 - La promozione in serie B, ora le meritate vacanze. Poi per la Cremonese sarà tempo di dedicarsi al campionato che verrà. "Abbiamo cominciato a fare le prime osservazioni già la settimana dopo la promozione, ora pensiamo ai noi e sarà compito del direttore mentre io vado in vacanza...

A tu per tu

...con Colantuono 14.06 - "Il mercato del Milan? Le premesse sono importanti, sono arrivati giocatori di livello. Il Milan ha giocato d'anticipo, direi molto bene". Così a TuttoMercatoWeb l'ex allenatore di - tra le altre - Atalanta, Udinese e Bari, Stefano Colantuono approva il calciomercato rossonero. Ora...

A tu per tu

...con Bergessio 13.06 - "Mi aspettavo di giocare di più. Magari non ho avuto la possibilità di mettermi in mostra, è stata una stagione complicata". Così a TuttoMercatoWeb Gonzalo Bergessio descrive la sua esperienza al San Lorenzo di questa stagione. E il futuro? "Non lo so. Rimango in attesa...

A tu per tu

...con Vagnati 12.06 - "Ci stiamo preparando un po' su tutto, stiamo cercando di mettere a posto le strutture per quanto riguarda lo stadio. Poi miglioreremo anche il campo di allenamento. E stiamo programmando la squadra in vista della prossima stagione ma non dobbiamo avere fretta". Così a TuttoMercatoWeb...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.