VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
A tu per tu

...con Cattani

"Dybala-Palermo e il consiglio del vecchietto nell'affare Vazquez... Inter? Noi rapporto più consolidato con l'Instituto. Goldaniga, Lores, Talisca, Neves e non solo: i talenti su cui punto"
26.11.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 14570 volte

Paulo Dybala è il giocatore del momento. Gol e prestazioni da ricordare, sorride il Palermo. Sorride Zamparini. E sorride anche Luca Cattani, autore del colpo rosanero quando era capo degli osservatori del Palermo prima e direttore sportivo dopo. Cattani oggi lavora per un fondo di investimento calcistico, un nuovo mondo destinato ad essere esplorato sempre di più. Spesso restio a parlare, l'ex direttore sportivo del Palermo, si concede a TuttoMercatoWeb e parla dell'exploit di Dybala, con un occhio alla serie A e ai talenti della B destinati ad esplodere.

Cattani, partiamo dall'inizio: come è arrivato Dybala al Palermo?
"Stavo concludendo la trattativa per Vazquez, dal Belgrano al Palermo. Ero a cena. Davanti a me c'era un simpatico vecchietto che sottovoce mi disse «Io ne ho uno più forte di Vazquez». Era il presidente dell'Instituto de Cordoba, Barrera. E si riferiva a Dybala. Quando poi vidi Paulo mi resi conto delle sue qualità. Barrera non stava scherzando".

Una trattativa complicata. Il Palermo, all'epoca, bruciò tante squadre.
"No, non è stata una trattativa facile. Il Palermo non fu neanche la società più veloce e neppure la prima a vederlo. Ma sicuramente fummo il club più determinato. Barrera era restio a parlare con gente di altre squadre o intermediari vari, doveva tirare su il prezzo. Siamo stati bravi a portarlo fisicamente al Palermo nel maggio 2012".

Anche più dell'Inter...
"Lo aveva visto prima di noi. Ma il Palermo aveva un rapporto più consolidato con chi avrebbe dovuto mettere la firma, cioè il presidente dell'Instituto".

Per arrivare a Dybala però il Palermo ha fatto un investimento oneroso. Si è parlato tanto dei 12 milioni spesi.
"Vero. Ma penso che se dovesse andare via, della cifra della cessione se ne dovrebbe parlare ancora di più".

Dove può arrivare Dybala?
"Sta facendo davvero bene. Ma arriverà ancora più in alto. Diverrà ancora più forte".

Estate 2014: lei sarebbe dovuto andare al Guangzhou di Lippi.
"Vero. Non sono andato perché ho avuto un piccolo incidente. Un problema di salute che adesso è superato. Mi dispiace, perché morivo dalla voglia di lavorare con mister Lippi. Il top a livello assoluto. Purtroppo temo che questo rimarrà un grande rammarico".

Da poco però è rientrato nel calcio, con un altro ruolo.
"Lavoro per un fondo di investimenti a livello calcistico. Una cosa che adesso in Europa sta andando di moda. Penso tra poco anche in Italia. Non si tratta solo di acquistare cartellini di calciatori, ma anche di aiutare società in difficoltà a livello economico. Visto che ormai le banche sono sempre più restie".

Qualche club italiano si è già fatto sentire?
"Sì, se ne sta parlando. Chiaro che se dovessi scegliere, da italiano preferirei favorire i club italiani piuttosto che quelli stranieri".

Uno sguardo alla serie A: su chi punta?
"Anche se non è una sorpresa, sta migliorando incredibilmente: dico Gabbiadini. Ormai è tra i migliori attaccanti italiani.
Poi mi piace molto Zukanovic del Chievo Verona, lo conoscevo già quando giocava in Belgio. Quando andavo a vederlo c'era sempre un uomo di Sartori in tribuna. E citerei anche i due del Cagliari, anche per una questione affettiva: Joao Pedro che meritava a pieno titolo il ritorno in Italia e Donsah che avevo provato a portare al Palermo.
Un giorno un collaboratore del settore giovanile quando faceva l'allenatore all'epoca mi aveva detto «Fa fatica anche con gli allievi». Il giorno dopo convocai Donsah in prima squadra, dove l'allenatore era Mutti. Rimase con noi diverse settimane. Aveva sedici anni, dopo il primo allenamento Donati e Balzaretti mi chiesero se fosse possibile mandarlo subito in campo la domenica seguente. Purtroppo, per questioni burocratiche, non fu possibile. Prevedo per il ragazzo un futuro importante in Premiership. Dopo Empoli-Cagliari un mio amico direttore di una squadra di serie A inglese mi ha chiamato per chiedermi di lui. Senza esitazione gli ho risposto «Prendilo, diventa uno dei più forti del campionato»".

E in serie B?
"Stanno facendo benissimo dei ragazzi a cui sono molto legato per via dei miei trascorsi al Palermo: Curiale al Frosinone, che in rosanero non portai io ma che mi presi davvero a cuore durante i suoi anni successivi la Primavera. Poi Goldaniga al Perugia e Cappelletti del Cittadella che presi entrambi dai dilettanti. E Laribi del Bologna, preso dalle riserve del Fulham a zero: ha superato un brutto infortunio qualche anno fa, è un ragazzo straordinario e ha qualità da vendere. Mi auguro che riescano tutti a fare la serie A. Anzi, ne sono pressoché certo. E tra poco arriverà il momento di Lores Varela. Nacho (Lores, ndr), ne sono convinto, ha un potenziale molto alto. Ha solo bisogno di un po' più di tempo. Ma è un bravo ragazzo. E sa quello che deve fare".

Chiudiamo con l'estero...
"Faccio due nomi. Giocano entrambi in Portogallo: Ruben Neves del Porto, forse il 97 più forte d'Europa. E Talisca, brasiliano del Benfica".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Ba 22.09 - Un passato da centrocampista, un futuro a dettare le linee guida in panchina. Ibrahim Ba, ex calciatore del Milan in diversi periodi dell’era rossonera ora fa l’allenatore. “All’inizio non ci pensavo, però provate a chiedere ai miei ex compagni quanti pensavano di fare gli allenatori”,...
Telegram

A tu per tu

...con Bergodi 21.09 - “Inter e Milan si sono rinforzate. l rossoneri hanno cambiato tanto, la squadra deve amalgamarsi e poi ci sarà da divertirsi”. Così a TuttoMercatoWeb Cristiano Bergodi fa le carte al campionato di serie A. La previsione: chi vincerà il campionato? “Sarà un campionato molto...

A tu per tu

...con Durante 20.09 - "Non vedo nessun miglioramento di qualità nel gioco del campionato italiano. Ci sono tre-quattro squadre superiori alle altre, poi una fascia media più forte e a seguire un'altra parte che equivale alle squadre di una serie B. Il campionato italiano è sceso di livello. E non sono...

A tu per tu

...con Carli 19.09 - "Il campionato di B sta rispettando le gerarchie. Le squadre migliori sono quattro: Frosinone, Palermo, Empoli e Perugia. Poi strada facendo il torneo prenderà una sua identità". Così a TuttoMercatoWeb l'ex dg dell'Empoli, Marcello Carli. L'Empoli oggi va di scena a Parma. "Bella...

A tu per tu

...con Palermo 18.09 - "Bene in campionato e male in Europa? I problemi della Juventus li conosciamo: la difesa. Ogni campionato ha la sua storia, la Juve resta sempre una delle più forti d'Europa, in Italia è la migliore. Ma sicuramente si è indebolita". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Paolo...

A tu per tu

...con Martina 17.09 - "Una partita tosta. Importante. Genoa e Lazio sono forti, il Grifone gioca in casa e quindi è in vantaggio. Ma occhio, la Lazio sta attraversando un momento felice. Anche se aver giocato in settimana può essere un'insidia". Cosi a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Silvano Martina,...

A tu per tu

...con Petkovic 16.09 - "Giocare in Champions non è semplice, basta trovare la giornata negativa e succede quello che è successo a Napoli e Juventus. E poi il Barça ha dato una risposta normale...". Cosi a TuttoMercatoWeb il ct della Nazionale Svizzera, Vladimir Petkovic. Juve ridimensionata? "La...

A tu per tu

...con Iachini 15.09 - "La debacle delle italiane in Champions? Quando vai a giocare a questi livelli in Europa non è mai facile. Ci può stare di fare un po di fatica. Esperienza e personalità possono fare la differenza. Per la Juve non è andata benissimo, ma è una storia che ha sempre dimostrato di poter...

A tu per tu

...con Moggi 14.09 - "La debacle della Juventus contro il Barcellona? Primo tempo bene, secondo non certamente positivo. Il problema di fondo è che nel Barcellona c'è Messi... ho seguito attentamente la partita e ho visto un Messi che fino al 40' non saltava neppure un birillo. Poi si è acceso e quindi...

A tu per tu

...con Benussi 13.09 - Francesco Benussi dice basta. Una vita tra i pali, a difesa della porta. Ma quando hai dato troppo devi andare e fare posto, recita una nota canzone. "La mia è stata una scelta dettata dalle condizioni fisiche che sono ancora buone ma dopo il quarto intervento al ginocchio sentivo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.