VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Corvino

"Ho ancora voglia di calcio. Juve, tutto come previsto. Cerci passato inosservato alla Fiorentina? Era finito un ciclo. Montella coerente e coraggioso. Viola, ti auguro di fare meglio dei miei anni. Miccoli, non ti ho preso in giro"
16.04.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 24669 volte
© foto di Giacomo Morini

"Ho visto tante partite, la voglia di non sentirti lontano ti porta a vedere calcio, ad aggiornarti, informarti. Per essere sempre pronto e per farti sempre una cultura personale migliore". Pantaleo Corvino ha ancora voglia di calcio. Di calcio ad alti livelli. La carriera parla per lui, ma non è ancora tempo di mettere in soffitta macchina, telefono e occhio. L'occhio di chi ha individuato diversi talenti e ancora vuole stupire, proprio come qualche anno fa. "Ma il futuro - dice Corvino a TuttoMercatoWeb - non dipende mai solo da quello che vorresti fare tu, bensì anche da ciò che ti viene prospettato. La passione e la voglia però, non mancano mai".

Che serie A vede da fuori?
"Diversa. Più povera di valori, ricordo che la Fiorentina arrivava quarta. Ma giocavamo contro la Juventus di Moggi e Trezeguet, l'Inter di Mourinho e il Milan del primo Kakà e di Seedorf, Maldini e Costacurta. Oggi questi valori ci sono?".

No. Cosa farebbe per migliorare il nostro campionato?
"Quello che ho sempre fatto: miscelare le qualità in base alle potenzialità del club in cui sto".

La Juve ha messo in cassaforte un altro scudetto.
"Sta mantenendo fede alle aspettative: vincerà il terzo campionato di fila".

Si aspettava di più dal Napoli?
"Sta facendo il suo campionato, è una squadra di valore. Poi ogni società tende sempre a voler fare di meglio. Ma il terzo posto è un ottimo risultato".

Grande protagonista a Torino, quasi snobbato da qualcuno a Firenze. Alessio Cerci adesso è un uomo mercato di spessore.
"Il trio d'attacco della mia ultima Fiorentina era Cerci, Gilardino fino a gennaio e Jovetic. A centrocampo avevo Behrami, Montolivo e Lazzari. Ma era finito un ciclo e quando si verifica questo tante cose vengono alterate".

A proposito di Jovetic, potrebbe tornare in Italia. Come lo giudica?
"È stato infortunato, ma quando ha giocato ha fatto bene e parecchi gol. Un giocatore se va da una parte ha delle aspettative, si aspetta di giocare sempre. Ma quando è stato impiegato ha dato il massimo lasciando anche il segno. Poi la valutazione è soggettiva e tocca ad ognuno di noi decidere se è meglio fare il Papa a Roma oppure il parroco a Brescia".

E Ljajic? Alla Roma poche partite da titolare, ma quando è entrato ha dato il suo contributo.
"Non ha giocato da titolare fisso, ma in un grande club, una squadra che sta dimostrando grandi cose ci può stare. Ljajic è un giocatore importante, si alterna con altri calciatori importanti".

Alla Juventus Osvaldo sta facendo fatica. Giusto riscattarlo?
"È arrivato nel mercato di gennaio, in un contesto già collaudato. E soprattutto in una squadra con la Juventus ci può stare di far fatica ad inserirsi subito, ma il giocatore è forte. Se la Juve lo ha preso è perché crede in lui. Poi ognuno ha il termometro e il polso delle proprie situazioni".

Delio Rossi: anni importanti tra Lecce, Lazio e Palermo. Poi la Fiorentina e la Sampdoria, due esperienze non esaltati. Tornerà protagonista?
"L'ho avuto a Lecce e alla Fiorentina. Nella carriera di un allenatore ci sono momenti positivi e negativi, è un ottimo allenatore".

Neto e Romulo protagonisti: uno a Firenze, l'altro a Verona. Due sue scoperte.
"Sono contento. Neto, Romulo, Ljajic, Seferovic, Nastasic, De Silvestri... erano tutte alternative dell'ultima squadra che ho lasciato".

Che Fiorentina vede nel futuro?
"In sette anni siamo stati una delle squadre che ha fatto più punti e ottenuto tanti successi. Mi auguro che possa fare meglio di quello che ho fatto io".

Montella l'uomo giusto per un ciclo come il suo con Prandelli?
"È un allenatore che si sta dimostrando molto bravo, intelligente. Un tecnico coraggioso e coerente"

Il Lecce andrà in serie B?
"Ha fatto trenta, è giusto che faccia trentuno. Sarebbe bello andare in B per una piazza che merita ben altre categorie rispetto a quella attuale e per la società che ha fatto degli sforzi".

L'Italia di Prandelli: dove arriverà?
"Mi auguro di vedere un Mondiale all'insegna dell'Italia".

La sorpresa?
"Qualche Nazione che metta in vetrina qualche talento interessante".

Chiusura d'obbligo su Fabrizio Miccoli: a Calcio2000 ha dichiarato che si è sentito preso in giro da lei perché non è rimasto alla Fiorentina dopo alcune promesse non mantenute. Cosa risponde?
"Considero Miccoli ancora un calciatore. Ragiona ancora da calciatore. Mi auguro che un giorno capisca ciò che non sta capendo adesso. Pensavo che potesse dirmi grazie non solo perché è andato al Benfica ma anche per altre cose, per quello che ho fatto per lui. Quando sei in comproprietà sai che corri il rischio di andare alle buste. Pensavo di tenerlo, invece lo persi per 200.000 euro. L'anno prima alla Fiorentina pagò 7 milioni di euro. All'inizio la Juve mi disse che era disposta a rinnovare la comproprietà, poi cambiò idea. E alle buste lo persi per una lieve differenza economica. Ciò che mi preme sottolineare è che non l'ho mai preso in giro. Non mi aspettavo le parole che ha detto, davvero...".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.