HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Roma e Juventus ce la faranno a qualificarsi ai quarti di finale?
  Si, entrambe
  Solo la Roma
  Solo la Juventus
  No, nessuna delle due

La Giovane Italia
A tu per tu

...con D’Amico

“Giovinco piaceva in tutto il mondo, Al Hilal scelta vincente, Sebastian primo obiettivo da sempre. E quel blitz dei cinesi... Nazionale? Non è stato considerato nel modo giusto. Il Toronto...”
07.02.2019 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 8299 volte

Sebastian Giovinco vola in Arabia Saudita. La nuova sfida della Formica Atomica si chiama Al Hilal. “C’era una serie di interessi da tutte le parti del mondo. Andava in scadenza a dicembre 2019... erano arrivate diverse richieste da Cina, MLS, Messico. Già a novembre però avevamo cominciato a parlare con alcune persone legate al Principe Mohammad Bin Faisal al Saud, poi dopo una serie di incontri questa cosa si è delineata in tutte le sue sfaccettature. E nell’ultimo mese si è concretizzata la possibilità”, dice a TuttoMercatoWeb l’agente, Andrea D’Amico.

Perché non avete rinnovato con il Toronto?
“Abbiamo avuto degli incontri, ma le nostre aspettative erano diverse dalle loro. Comunque il trasferimento è stato possibile anche grazie agli ottimi rapporti con il Toronto”.

Giocando in Arabia Saudita sarà difficile vestire la maglia della Nazionale...
“Le scelte di un calciatore vanno in direzione di una sicurezza di progetto ed economica del club. Sebastian è andato in Canada dopo essere uscito dalla Juventus, ha disputato un anno incredibile e non è stato convocato per Europei e Mondiali nonostante avesse entusiasmato l’America. Recentemente è stato convocato per due partite, ma non ha giocato neanche un minuto. Non si può mica condizionare una scelta per la Nazionale. In Nazionale dovrebbero giocare i migliori, ma con Sebastian non è sempre stata rispettata questa cosa”.

Il trasferimento in Arabia Saudita è stato possibile grazie al suo rapporto personale con il Principe. Da quelle parti c’è voglia di costruire qualcosa di importante...
“C’è conoscenza di calcio, programmi e calciatori. E possibilità economiche importanti. Il paese sta cambiando velocemente. Di conseguenza è chiaro che anche il calcio e lo sport assumano rilevanza importante come vetrina per il paese che cambia. E poi l’Al Hilal è il Real Madrid dell’Asia, una squadra costruita per raggiungere obiettivi importanti”.

Il mercato italiano a gennaio non ha regalato emozioni. Voi vi siete dedicati ad un grande trasferimento...
“Siamo organizzati in modo tale da poter seguire tutte le situazioni. Io mi sono dovuto occupare della trattativa di Sebastian, ma eravamo vigili su tutti i fronti. In Italia è stato un mercatino, ci sono stati degli aggiustamenti. Forse Piatek è stata la new entry più importante: è arrivato come sconosciuto, in pochi mesi si è guadagnato la ribalta con i suoi gol”.

Che impressione ha avuto della realtà araba?
“Ottima. Davvero. All’Al Hilal c’è una generazione che ha idee moderne, brillanti. Ormai il mondo grazie alla comunicazione è diventato davvero piccolo. Il calcio è un grande veicolo, un prodotto che non ha più frontiere e ha tante funzioni: economiche, sociali, sportive. C’è entusiasmo, la Lega Araba vuole crescere e dopo aver visto l’impatto di Sebastian sull’MLS hanno puntato su di lui”.

Prima di Giovinco si parlava di altri nomi, tra cui il Papu Gomez ma anche profili internazionali.
“Gli altri nomi usciti credo fossero uno specchietto per le allodole, il primo obiettivo è sempre stato Giovinco”.

Qualche mese fa per il suo assistito c’era stato un assalto dalla Cina direttamente nel vostro ufficio...
“Vero. È venuta una delegazione di cinesi. Hanno fatto un’offerta. Si sono presentati fisicamente in Italia. Ma non abbiamo avuto alcun dubbio sulla scelta: l’Al Hilal è un progetto vincente”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Foschi 21.02 - Problemi con gli inglesi? Niente paura, ci pensa Rino Foschi. A gennaio il dirigente romagnolo era stato addirittura esonerato da improvvisati manager del pallone che avevano preso in mano il Palermo. Un Palermo che sotto la gestione inglese a cui Zamparini aveva ceduto la società...

A tu per tu

...con Lucescu 20.02 - “Quella di questa sera sarà una partita difficile: l’attacco della Juve contro la difesa dell’Atletico. I bianconeri sviluppano un grande gioco propositivo, i Colchoneros cercheranno di impedirgli di rendere proficue le trame offensive. Dall’Atletico mi aspetto tanto orgoglio, tanto...

A tu per tu

...con Galli 19.02 - “Piatek si è confermato anche al Milan, sta dimostrando di essere un attaccante importante”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Beppe Galli. Il Milan ha avuto ragione. Anche perché Higuain aveva voglia di cambiare aria. “Se un giocatore non è contento di stare in un...

A tu per tu

...con Vrenna 18.02 - “Cerchiamo un risultato importante che in casa non arriva da tempo. Le strisce positive ci sono anche se fatte di pareggi. Cerchiamo di affrontare la gara nel migliore dei modi”. Così a TuttoMercatoWeb il dg del Crotone, Raffaele Vrenna, in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Ventura 17.02 - “Ho visto tante partite, continuerò a vederle fino al 26 maggio. Speravo si affievolisse il sacro fuoco, invece ho ancora più rabbia di prima, voglio ricominciare”. Giampiero Ventura pronto a tornare in pista a fine stagione. L’ex ct della Nazionale che quest’anno ha guidato il Chievo...

A tu per tu

...con Valcareggi 16.02 - “L’Atalanta è la squadra del momento, dell’anno. Gioca bene, vince. Se va sotto rimonta con facilità. È un esempio per tutti, che si imita con difficoltà. Oggi l’Atalanta è un’eccellenza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Furio Valcareggi. E Gattuso? “Gattuso è un...

A tu per tu

...con Capozucca 15.02 - Davide contro Golia. Ma il Frosinone a fare da sparring partner, questa sera contro la Juventus, non ci sta. “Dire che è una partita proibitiva è un luogo comune, pensare di andare a Torino credendo che sia facile non va bene. Sappiamo che incontriamo una squadra fortissima”, dice...

A tu per tu

...con Mandorlini 14.02 - “Dispiace per Icardi, ma è una presa di posizione della società che va accettata”. Così a TuttoMercatoWeb Andrea Mandorlini sul caso Mauro Icardi all’Inter. Per l’Inter è un momento complicato. “Da fuori è difficile giudicare, ma è evidente che qualcosa non vada. Dispiace. Ma...

A tu per tu

...con Guarascio 13.02 - “Sono soddisfatto per come abbiamo lavorato sul mercato. In campionato l’inizio è stato un po’ in salita ma ci siamo ripresi”. Così a TuttoMercatoWeb il presidente del Cosenza, Eugenio Guarascio. Pronti per la Cremonese? “Le partite sono tutte difficili. Cercheremo di fare del...

A tu per tu

...con Imborgia 12.02 - “Piatek e Paquetà hanno rinforzato il Milan. Sono due innesti che hanno fatto fare il salto di qualità alla squadra. A fare crescere il valore del gruppo sono sempre le individualità”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Antonio Imborgia. Gennaio non ha regalato grandi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510