VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Delneri

"Per la mia Juve Diego non era pronto, ora lo sarebbe. Atletico, che intensità! Trabzonspor e Cina? Sì, ma ho ancora voglia di Italia. Io male nelle big? Falso. Genoa scelta affrettata, ma rispetto Preziosi. Cassano merita il Mondiale"
03.04.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 17085 volte
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews

Correva l'anno 2009, la Juventus piazzava un colpo di mercato che poi di lì a poco si sarebbe rivelato un flop. Diego Ribas da Cunha. Lo stesso Diego che adesso è una pedina preziosa dell'Atletico Madrid e martedì sera stava per fare un brutto scherzo al Barcellona. Luigi Delneri lo ha conosciuto, all'epoca però parlava di incompatibilità con Alessandro Del Piero. Ed ecco l'addio, Diego vola in Germania in cerca di migliori fortune. Poi l'Atletico Madrid. Il brasiliano vuole recuperare il tempo perduto. Delneri, di questo ed altro, ne parla in esclusiva a TuttoMercatoWeb

Delneri, Champions League: l'Atletico tiene testa al Barça. E Diego è tornato un giocatore importante...
"Il campionato lo ha dimostrato: la squadra è compatta, ha grande intensità. E per esempio Diego che ha trovato difficoltà in tanti posti adesso ha trovato l'ambiente ideale per potersi esprimere al meglio".

In Italia, alla Juventus, non ha reso secondo le aspettative. E quando arrivò lei in bianconero il giocatore venne ceduto. Flop alla Juve, protagonista in Liga. Che è successo?
"No, non è stato un flop. Dipende dall'ambiente che trovi, dal percorso di crescita della società. Ha fatto la sua esperienza in Italia in un momento particolare, è un buon giocatore, ha trovato difficoltà in serie A ma è un calciatore di spessore. In quel momento non era pronto per il calcio italiano".

Oggi lo sarebbe?
"Magari sì. Perché i buoni giocatori prima o poi vengono fuori. Guardate Pirlo, a Milano era in difficoltà. E alla Juventus è rinato. Ci sono situazioni particolari in cui magari non dai il meglio di te".

Oggi anche la Juventus è un'altra squadra rispetto alla sua.
"È cambiata molto, adesso è una big di livello. Ma non ho rimpianti, l'importante è fare tutto con coscienza e responsabilità. Quando vado via difficilmente ho rimpianti. I rimpianti bisogna lasciarseli dietro, sempre".

Delneri allenatore da squadre di provincia che nelle grandi non riesce a fare bene. Cosa risponde a chi sostiene questa tesi?
"Se i giocatori vanno in Nazionale e altri giocano ancora a buoni livelli vuol dire che il tecnico lavora bene. Un allenatore non si giudica da quale squadra allena ma da come lo fa. Nel calcio ci sono sessantamilioni di alllenatori, parlano in tanti...".

Beh però alla Juventus non è andata benissimo...
"È stata un'annata particolare. Potremmo parlare anche della Sampdoria con la quale sono andato in Champions, no? Però preferisco sempre guardare avanti e non pensare al passato".

Se le dico Genoa? Lei è ancora sotto contratto con il club di Preziosi.
"Una scelta veloce, ma è stata un'esperienza importante. Negativa per i risultati ma positiva dal punto di vista personale. Le scelte però si fanno sempre pensando che siano giuste, poi nel calcio contano sempre e solo i risultati. Ma il mio rapporto con il presidente del Genoa è e sarà sempre di rispetto e correttezza".

Futuro: negli ultimi mesi il suo nome è stato accostato ai turchi del Trabzonspor e al Bejing Guoan, in Cina.
"Si, ci poteva stare. Ma non è il momento, sono cose lontane da quello che voglio fare".

Vuole allenare ancora in Italia?
"L'Italia dà adrenalina. Le idee non hanno età, voglio ancora allenare in Italia".

Serie B: il Palermo comanda. E poi?
"Il Palermo viaggia bene, sono contento perché ho ancora un buon ricordo di Zamparini e della piazza. Poi ci sono le sorprese, come Latina o Trapani. E occhio al Cesena. Per il primo posto non ci sono dubbi, il Palermo è padrone indiscusso. Le altre lotteranno per il secondo posto e per i playoff. Mi fa piacere per il Palermo e per Zamparini: con il presidente il rapporto rimane buono, l'ambiente poi è positivo. Per me è stata un'ottima esperienza, ho conosciuto un ambiente e una tifoseria sana".

Sorride un po' meno l'altra siciliana, il Catania.
"Quando ci si aspetta tanto poi nascono i problemi. Lo staff tecnico è lo stesso dello scorso anno, i giocatori anche. Ho visto la partita contro l'Udinese, il Catania ha giocato un'ottima partita. Ma ha trovato davanti un ottimo Scuffet".

Già, Scuffet. Friulano, giovane e di talento. Una rivelazione per la serie A.
"Sono contento, vuol dire che la scuola italiana funziona. E poi è friulano, dà lustro alla Regione. Questo ragazzo può essere un'alternativa importante per il futuro".

E Cassano, merita il Mondiale?
"È un giocatore di grande levatura, può dare il suo contributo. Antonio è in grado di dare una mano all'Italia".

Vi siete scontrati tante volte...
"Vero, un po' come un padre ed un figlio. Ma oggi siamo diventati grandi amici, i chiarimenti ti fanno avvicinare ancora di più, sono felice della sua stagione. È un ragazzo con valori tecnici importantissimi e grande qualità. Antonio merita il Mondiale, può dare un grande contributo".

Brasile 2014: dove può arrivare l'Italia?
"Quando c'è da giocare una competizione importante l'Italia è sempre presente. Conterà arrivare bene mentalmente e con voglia di stupire. L'Italia sbaglia poche volte gli appuntamenti importanti, può ambire ad un ottimo Mondiale".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Rubinho 23.11 - “Vedo un campionato molto bello, divertente. Tante squadre in pochi punti e che stanno giocando bene. Lazio, Roma, Napoli... tutte squadre che rappresentano, in un modo o nell’altro, delle sorprese”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex portiere della Juventus, Fernando Rubinho. La Juve...

A tu per tu

...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.