VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
A tu per tu

...con Delneri

"Per la mia Juve Diego non era pronto, ora lo sarebbe. Atletico, che intensità! Trabzonspor e Cina? Sì, ma ho ancora voglia di Italia. Io male nelle big? Falso. Genoa scelta affrettata, ma rispetto Preziosi. Cassano merita il Mondiale"
03.04.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 17085 volte
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews

Correva l'anno 2009, la Juventus piazzava un colpo di mercato che poi di lì a poco si sarebbe rivelato un flop. Diego Ribas da Cunha. Lo stesso Diego che adesso è una pedina preziosa dell'Atletico Madrid e martedì sera stava per fare un brutto scherzo al Barcellona. Luigi Delneri lo ha conosciuto, all'epoca però parlava di incompatibilità con Alessandro Del Piero. Ed ecco l'addio, Diego vola in Germania in cerca di migliori fortune. Poi l'Atletico Madrid. Il brasiliano vuole recuperare il tempo perduto. Delneri, di questo ed altro, ne parla in esclusiva a TuttoMercatoWeb

Delneri, Champions League: l'Atletico tiene testa al Barça. E Diego è tornato un giocatore importante...
"Il campionato lo ha dimostrato: la squadra è compatta, ha grande intensità. E per esempio Diego che ha trovato difficoltà in tanti posti adesso ha trovato l'ambiente ideale per potersi esprimere al meglio".

In Italia, alla Juventus, non ha reso secondo le aspettative. E quando arrivò lei in bianconero il giocatore venne ceduto. Flop alla Juve, protagonista in Liga. Che è successo?
"No, non è stato un flop. Dipende dall'ambiente che trovi, dal percorso di crescita della società. Ha fatto la sua esperienza in Italia in un momento particolare, è un buon giocatore, ha trovato difficoltà in serie A ma è un calciatore di spessore. In quel momento non era pronto per il calcio italiano".

Oggi lo sarebbe?
"Magari sì. Perché i buoni giocatori prima o poi vengono fuori. Guardate Pirlo, a Milano era in difficoltà. E alla Juventus è rinato. Ci sono situazioni particolari in cui magari non dai il meglio di te".

Oggi anche la Juventus è un'altra squadra rispetto alla sua.
"È cambiata molto, adesso è una big di livello. Ma non ho rimpianti, l'importante è fare tutto con coscienza e responsabilità. Quando vado via difficilmente ho rimpianti. I rimpianti bisogna lasciarseli dietro, sempre".

Delneri allenatore da squadre di provincia che nelle grandi non riesce a fare bene. Cosa risponde a chi sostiene questa tesi?
"Se i giocatori vanno in Nazionale e altri giocano ancora a buoni livelli vuol dire che il tecnico lavora bene. Un allenatore non si giudica da quale squadra allena ma da come lo fa. Nel calcio ci sono sessantamilioni di alllenatori, parlano in tanti...".

Beh però alla Juventus non è andata benissimo...
"È stata un'annata particolare. Potremmo parlare anche della Sampdoria con la quale sono andato in Champions, no? Però preferisco sempre guardare avanti e non pensare al passato".

Se le dico Genoa? Lei è ancora sotto contratto con il club di Preziosi.
"Una scelta veloce, ma è stata un'esperienza importante. Negativa per i risultati ma positiva dal punto di vista personale. Le scelte però si fanno sempre pensando che siano giuste, poi nel calcio contano sempre e solo i risultati. Ma il mio rapporto con il presidente del Genoa è e sarà sempre di rispetto e correttezza".

Futuro: negli ultimi mesi il suo nome è stato accostato ai turchi del Trabzonspor e al Bejing Guoan, in Cina.
"Si, ci poteva stare. Ma non è il momento, sono cose lontane da quello che voglio fare".

Vuole allenare ancora in Italia?
"L'Italia dà adrenalina. Le idee non hanno età, voglio ancora allenare in Italia".

Serie B: il Palermo comanda. E poi?
"Il Palermo viaggia bene, sono contento perché ho ancora un buon ricordo di Zamparini e della piazza. Poi ci sono le sorprese, come Latina o Trapani. E occhio al Cesena. Per il primo posto non ci sono dubbi, il Palermo è padrone indiscusso. Le altre lotteranno per il secondo posto e per i playoff. Mi fa piacere per il Palermo e per Zamparini: con il presidente il rapporto rimane buono, l'ambiente poi è positivo. Per me è stata un'ottima esperienza, ho conosciuto un ambiente e una tifoseria sana".

Sorride un po' meno l'altra siciliana, il Catania.
"Quando ci si aspetta tanto poi nascono i problemi. Lo staff tecnico è lo stesso dello scorso anno, i giocatori anche. Ho visto la partita contro l'Udinese, il Catania ha giocato un'ottima partita. Ma ha trovato davanti un ottimo Scuffet".

Già, Scuffet. Friulano, giovane e di talento. Una rivelazione per la serie A.
"Sono contento, vuol dire che la scuola italiana funziona. E poi è friulano, dà lustro alla Regione. Questo ragazzo può essere un'alternativa importante per il futuro".

E Cassano, merita il Mondiale?
"È un giocatore di grande levatura, può dare il suo contributo. Antonio è in grado di dare una mano all'Italia".

Vi siete scontrati tante volte...
"Vero, un po' come un padre ed un figlio. Ma oggi siamo diventati grandi amici, i chiarimenti ti fanno avvicinare ancora di più, sono felice della sua stagione. È un ragazzo con valori tecnici importantissimi e grande qualità. Antonio merita il Mondiale, può dare un grande contributo".

Brasile 2014: dove può arrivare l'Italia?
"Quando c'è da giocare una competizione importante l'Italia è sempre presente. Conterà arrivare bene mentalmente e con voglia di stupire. L'Italia sbaglia poche volte gli appuntamenti importanti, può ambire ad un ottimo Mondiale".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Martorelli 16.10 - Verona-Benevento, chi perde può cambiare allenatore. “Mi auguro sempre che le società mantengano ciò che avevano prefissato. Non sono per i cambi dopo poche partite però mi rendo conto guardando la realtà che se vengono a mancare certi risultati magari qualcosa diventa necessario...
Telegram

A tu per tu

...con Sforza 15.10 - La settimana delle panchine bollenti. E del derby di Milano. “Io di derby non ne ho perso neanche uno”, ricorda a TuttoMercatoWeb orgoglioso l’ex centrocampista dell’Inter - che oggi fa l’allenatore - Ciriaco Sforza. E stasera come la vede? “Il derby è derby, nessuno vuole...

A tu per tu

...con Perinetti 14.10 - Una nuova sfida professionale per Giorgio Perinetti. Il Direttore dopo aver fatto grande il Venezia riparte dal Genoa a stagione in corso. E parla a TuttoMercatoWeb. Perinetti, come è nata la trattativa? “Attraverso una telefonata di Preziosi, mi ha chiesto la disponibilità...

A tu per tu

...con Acquafresca 13.10 - “È una buona esperienza, ero partito bene poi un infortunio mi ha frenato un po’. Ma sono in via di ripresa”. A TuttoMercatoWeb parole firmate Robert Acquafresca, ex attaccante di - tra le altre - Cagliari e Bologna, oggi al Sion. Perché la Svizzera? “Avevo voglia di riprovare...

A tu per tu

...con Rinaudo 12.10 - Il Venezia coltiva i suoi talenti. L'ultimo in ordine di tempo è Leandro Rinaudo. Un periodo di apprendistato all'ombra di Giorgio Perinetti, ora che il maestroè tornato in serie A, al Genoa, per l'allievouna grande occasione: la poltrona del Venezia. Sarà infatti Rinaudo...

A tu per tu

...con Vigorito 11.10 - "Abbiamo recuperato gran parte della rosa e sulle ali della buona prestazione contro l'Inter siamo convinti che la nostra scalata comincerà contro il Verona". Parla cosi a TuttoMercatoWeb il presidente del Benevento, Oreste Vigorito, che carica l'ambiente in vista della prossima partita...

A tu per tu

...con Diego Lopez 10.10 - "Il Napoli è affiatato e può dire la sua fino in fondo. Ma mi e piaciuta molto anche la Sampdoria al di là dello scivolone dell'altra volta. Giampaolo è davvero bravo". Cosi a TuttoMercatoWeb l'ex allenatore di - tra le altre - Bologna, Cagliari e Palermo, Diego Lopez, fotografa il...

A tu per tu

...con Gasparin 09.10 - "Che il Napoli si sia avvicinato alla Juventus mi sembra cosa nota. Il lavoro di Sarri e stato davvero encomiabile. Il terzo incomodo è e sarà invece l'Inter". Cosi a TuttoMercatoWeb l'ex dg di - tra le altre - Udinese, Sampdoria e Catania, Sergio Gasparin. Che succede al Milan? "Ha...

A tu per tu

...con Antonini 08.10 - Una nuova vita professionale per Luca Antonini. L'ex difensore del Milan diventa agente e ha deciso di cominciare a farlo al fianco di uno dei big d'Italia. "Sto collaborando con Claudio Vigorelli, alla ricerca di giovani talenti", dice Antonini a TuttoMercaroWeb. Come mai...

A tu per tu

...con Foschi 07.10 - Sosta per la Nazionale, riflettori puntati sulla B. "È una Nazionale particolare, c'è un rinnovamento. In questo periodo non è una squadra che parte per vincere, ma il legame con i colori azzurri ci deve essere sempre", dice a TuttoMercatoWeb il ds del Cesena, Rino Foschi. Direttore,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.