VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Faggiano

"No a Bari e Ascoli? Bisogna fare scelte ed essere uomini, non potevo lasciare il mio presidente. Petkovic e Coronado: non dobbiamo cedere per forza. Guerrieri in porta, in attacco vorrei Longo. Rosina un amico. Conte cuore azzurro. E Pellé..."
05.07.2016 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 22620 volte

La parola, le strette di mano e il cuore più delle scelte economiche. Daniele Faggiano è persona tutta d'un pezzo e ha scelto di continuare il suo percorso a Trapani. Quella macchina perfetta, la favola creata da lui con strategie e idee chiare. Nonostante le tante richieste - perché uomo mercato lo era diventato anche lui - ha deciso di rimanere fedele alla causa granata. E quindi testa alla prossima stagione, prima il mercato e poi il campo. Faggiano - che parla a TuttoMercatoWeb - è già all'opera, per il Trapani e con il Trapani.

Direttore, Ascoli e Bari su di lei: alla fine è rimasto a Trapani. Dopo la cavalcata dell'anno scorso sarebbe stato logico andar via e provare una nuova esperienza, no?
"No. Perchè? Ci sono dei momenti che bisogna fare delle scelte ed essere uomini. Il mio presidente merita questo e altro. Mi sento uno della famiglia, avevo dato una parola e quella è stata. E poi non potevo certo tirarmi indietro a mercato già cominciato".

E ora il mercato. Partiamo dalle richieste per Petkovic e Coronado?
"Io rispondo che non dobbiamo privarci per forza dei nostri giocatori. Non abbiamo questa necessità".

Scognamiglio?
"Abbiamo un accordo con il giocatore e l'agente: se c'è una proposta la prendiamo in considerazione".

Magari la proposta è già arrivata. Dal Pisa.
"Mi ha chiamato Gattuso un mese fa. Poi nient'altro".

Mercato: dopo Coronado guarda il campionato maltese?
"Lo seguo da sempre. Cerchiamo nuovi Coronado".

A proposito, Coronado che fa?
"Igor deve confermarsi anche quest'anno, sennò abbiamo fatto un buco nell'acqua".

Nicolas è tornato al Verona, il portiere del Trapani sarà Guerrieri della Lazio?
"Molto probabilmente sì".

In attacco arriverà Longo dall'Inter?
"Mi piace, ci interessa. Da noi troverebbe un ambiente che punterebbe su di lui".

Le piace anche Rosina?
"È un amico, un bravo ragazzo. Stiamo valutando diversi profili, dobbiamo pensare al nostro modulo di gioco. Vediamo".

A cosa punta il Trapani 2016/2017?
"Alla salvezza. Nient'altro. Pensiamo a fare cinquanta punti. Quest'anno ci aspetteranno tutti al varco per far vedere che siamo stati un fuoco di paglia, ma cercheremo di far ricredere tutti".

Dopo l'anno scorso fosse un tifoso s'aspetterebbe qualcosa di più anche lei, no?
"No. Prima di tutto la salvezza. Chi vive la realtà sa che il presidente non fa il passo più lungo della gamba. Cercheremo di non fare danni e già questo non è facile".

Petkovic può andare al Bologna?
"C'è stato un pour parler, ma è finita lì. Il mercato è in evoluzione".

Ha mai pensato al ritorno di Mancosu?
"No".

Di Petkovic ne ha parlato anche con l'Empoli?
"Una chiacchierata c'è stata".

L'Italia del suo amico Conte: che peccato per l'epilogo, perdere ai rigori brucia.
"Non l'ho sentito, immagino la delusione. E mi dispiace anche per la famiglia e gli amici. Sicuramente Conte ha fatto ricredere tanti. Non sarà simpatico a molti, ma quando giocava la Nazionale sembrava una squadra di club. Ha fatto avvicinare l'Italia agli italiani con il gioco, mica solo con il carattere. E a proposito dell'Italia...".

Prego.
"Mi sembra esagerato questo clima attorno a Pellè, tutti facciamo delle scelte giuste o sbaglaite che siano. Magari Graziano ha cercato di provocare Neuer. Ma è un ragazzo di sani principi e non voleva certo fare il fenomeno".

In Nazionale il dopo Conte è Ventura: un film già visto nel Bari suo e di Perinetti.
"È un grande allenatore, l'ho sentito e ha un entusiasmo fuori dal normale, proprio ce lo aveva come Conte. E a proposito di Antonio: m'è dispiaciuto sentire che il mister non fosse concentrato sulla Nazionale perché già con la testa al Chelsea. Facile giocare con il sedere degli altri...Antonio è un grande professionista e tutti, grazie a lui, hanno riscoperto l'amore per la Nazionale Italiana".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.