HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Roma e Juventus ce la faranno a qualificarsi ai quarti di finale?
  Si, entrambe
  Solo la Roma
  Solo la Juventus
  No, nessuna delle due

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Foschi

“Palermo, ricominciamo insieme. Ho ancora tanto da dare. Tifosi più importanti del calciomercato. La Gumina, Empoli più veloce della Samp: Ferrero lo seguiva, ma il prezzo era cambiato. Coronado, decidi tu. E il mio compleanno...”
11.07.2018 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 14890 volte
© foto di Federico Gaetano

Giornata speciale per Rino Foschi. Festa di compleanno e ritorno a casa. Al Palermo. Per riprendere da dove aveva lasciato e per rimettere le cose a posto in casa rosanero. La presentazione è stata delle migliori. Pronti-via, subito nove milioni nelle casse del Palermo con la cessione di La Gumina all’Empoli. E il meglio deve ancora venire, in entrata ed in uscita. A volte colorito, focoso. Ma Foschi è così, prendere o lasciare. E se lo conosci bene, non puoi non apprezzarlo. Il Palermo è in buone mani, la garanzia si chiama Rino Foschi, che nel giorno del suo compleanno parla in esclusiva a TuttoMercatoWeb.

Direttore, quante candeline spegne?
“Non diciamolo (sorride, ndr). I compleanni sono belli quando si è giovani. Ho qualche anno in più, quindi più esperienza. E ho ancora tanto da dare”.

Grinta ed entusiasmo sono quelli di sempre. E intanto riabbraccia il Palermo. Due anni fa non andò benissimo, rimase in rosanero poco più di venti giorni a luglio. Giusto il tempo di vendere Vazquez al Siviglia...
”Probabilmente non era ancora il momento adatto per rientrare. Oggi invece ci sono i presupposti per lavorare. E poi, lo sapete, Zamparini mi ha dato tanto. Non posso dire di no. È un momento difficile, ma c’è la volontà di costruire qualcosa di bello. Di Palermo non serve parlare, l’affetto che mi lega alla città é risaputo. Torno con carica ed entusiasmo. Dai, è la continuazione di un lavoro”.

Comunque, vista la crisi di entusiasmo a Palermo, avrà tra le mani una patata bollente...
“Le patate bollenti sono altre. Per esempio stare a casa. Per il Palermo é un momento particolare, perché non ha centrato la promozione. Ma non è detto che dobbiamo assolutamente ripartire con la pressione assoluta di andare in A. Dobbiamo prima mettere a posto alcune situazioni, creare un gruppo unito, compatto. E poi fare ripartire la macchina, come il mio primo anno. L’obbligo è quello di creare un gruppo con la giusta armonia e riportare la gente allo stadio”.

Zamparini ha scelto l’usato sicuro...
“Zamparini cercava un direttore sportivo. Mi conosce bene, sa di me pregi e difetti. Ma non si può vivere di passato. Il calcio è cambiato in tante cose. La situazione del Palermo non è drastica, però viene da una retrocessione e poi è mancata la promozione. Oggi un presidente non può buttare via dei soldi altrimenti nascono delle difficoltà. Palermo è una città importante, esigente. E se mancano i risultati diventa difficile. Noi proviamo a portare il giusto entusiasmo, creando una squadra che possa divertire e crescere”.

Direttore, pronti-via si è presentato cedendo La Gumina per nove milioni all’Empoli.
“È un giocatore con delle qualità importanti. Lo seguivo già quando era in Primavera. È cresciuto nel settore giovanile, quando ha giocato in prima squadra si è espresso e ha fatto vedere solo un anticipo di quello che sa fare”.

Ferrero è rimasto male, lo avrebbe voluto alla Samp...
“Lo seguiva da tanto tempo. Era uno dei candidati... ma quando lo seguiva lui, La Gumina aveva un prezzo differente. L’Empoli ha fatto tutto velocemente. Ma non ho creato aste, perché chi ha preso La Gumina ha fatto un grande colpo per il futuro. Il ragazzo ha scelto una squadra dove potrà sentirsi importante. È stata una scelta del giocatore insieme a chi lo gestisce. Una scelta ponderata, a mio avviso giusta”.

Coronado andrà a Dubai?
“È un calciatore molto bravo. Ha dei momenti un po’ particolari, gli piacerebbe la Serie A e si sta guardando intorno. Non gli mancano le richieste in altri Paesi, come Dubai, appunto. Lasciamolo decidere con calma. La decisione dovrà prenderla lui... “.

Quante analogie con la sua prima esperienza rosanero?
“C’erano diversi gruppi... i tempi erano ristretti e abbiamo fatto un travaso incredibile. Al primo anno arrivammo a giocarci la Serie A sino in fondo, con tanti tifosi al seguito. Un calore incredibile. Poi riuscimmo a centrare la promozione l’anno dopo. Quest’anno sarà un po’ come la mia prima esperienza in rosanero, vogliamo fare le cose per gradi, ripartendo da una squadra che ci faccia divertire e dal calore della gente. È importante che i tifosi conoscano il momento. Loro sono più importanti dei calciatori, fanno la differenza più del calciomercato”.

Quando è arrivato a Palermo per la partita contro il Cesena pensava già al ritorno?
“In quel momento ero un avversario, ho anche strappato un punto. La partita, ovviamente, l’ho vissuta da direttore sportivo del Cesena. No, non pensavo al ritorno. Ma Palermo per me è speciale, lo sapete. Ora però bisogna dimenticarsi il passato e prendere contatto con la realtà. Se pensi a quello che hai fatto e non a quello che devi fare, ti fai male. Ho qualche anno in più, la chiamo esperienza. Non mi sento arrivato. Anzi. Mi piace il progetto del Palermo. E in cuor mio non vorrei deludere nessuno. Soprattutto i palermitani”.

Che peccato per il Cesena...
“Mi dispiace. Davvero. La situazione è triste. Queste cose sono successe a tante altre società. Oggi se i conti non tornano rischi queste situazioni. Quando si accumulano tante cose fai fatica. Il Cesena soffre da lontano. Io ho fatto tutto quello che potevo fare. Sul campo ci siamo salvati... ma non me la sono sentita di andare avanti. Cesena, come Palermo, è la mia città. E quando Zamparini ha visto che ero libero mi ha chiesto se me la sentissi di tornare. Ed eccomi qua”.

È il suo compleanno, cosa chiede per questa giornata?
“Innanzitutto di non dire l’età (sorride, ndr). Chiedo che la testa mi giri bene come sempre perché è importante, insieme alla passione, alla serietà e all’attaccamento verso il lavoro”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Lucescu 20.02 - “Quella di questa sera sarà una partita difficile: l’attacco della Juve contro la difesa dell’Atletico. I bianconeri sviluppano un grande gioco propositivo, i Colchoneros cercheranno di impedirgli di rendere proficue le trame offensive. Dall’Atletico mi aspetto tanto orgoglio, tanto...

A tu per tu

...con Galli 19.02 - “Piatek si è confermato anche al Milan, sta dimostrando di essere un attaccante importante”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Beppe Galli. Il Milan ha avuto ragione. Anche perché Higuain aveva voglia di cambiare aria. “Se un giocatore non è contento di stare in un...

A tu per tu

...con Vrenna 18.02 - “Cerchiamo un risultato importante che in casa non arriva da tempo. Le strisce positive ci sono anche se fatte di pareggi. Cerchiamo di affrontare la gara nel migliore dei modi”. Così a TuttoMercatoWeb il dg del Crotone, Raffaele Vrenna, in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Ventura 17.02 - “Ho visto tante partite, continuerò a vederle fino al 26 maggio. Speravo si affievolisse il sacro fuoco, invece ho ancora più rabbia di prima, voglio ricominciare”. Giampiero Ventura pronto a tornare in pista a fine stagione. L’ex ct della Nazionale che quest’anno ha guidato il Chievo...

A tu per tu

...con Valcareggi 16.02 - “L’Atalanta è la squadra del momento, dell’anno. Gioca bene, vince. Se va sotto rimonta con facilità. È un esempio per tutti, che si imita con difficoltà. Oggi l’Atalanta è un’eccellenza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Furio Valcareggi. E Gattuso? “Gattuso è un...

A tu per tu

...con Capozucca 15.02 - Davide contro Golia. Ma il Frosinone a fare da sparring partner, questa sera contro la Juventus, non ci sta. “Dire che è una partita proibitiva è un luogo comune, pensare di andare a Torino credendo che sia facile non va bene. Sappiamo che incontriamo una squadra fortissima”, dice...

A tu per tu

...con Mandorlini 14.02 - “Dispiace per Icardi, ma è una presa di posizione della società che va accettata”. Così a TuttoMercatoWeb Andrea Mandorlini sul caso Mauro Icardi all’Inter. Per l’Inter è un momento complicato. “Da fuori è difficile giudicare, ma è evidente che qualcosa non vada. Dispiace. Ma...

A tu per tu

...con Guarascio 13.02 - “Sono soddisfatto per come abbiamo lavorato sul mercato. In campionato l’inizio è stato un po’ in salita ma ci siamo ripresi”. Così a TuttoMercatoWeb il presidente del Cosenza, Eugenio Guarascio. Pronti per la Cremonese? “Le partite sono tutte difficili. Cercheremo di fare del...

A tu per tu

...con Imborgia 12.02 - “Piatek e Paquetà hanno rinforzato il Milan. Sono due innesti che hanno fatto fare il salto di qualità alla squadra. A fare crescere il valore del gruppo sono sempre le individualità”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Antonio Imborgia. Gennaio non ha regalato grandi...

A tu per tu

...con Angeloni 11.02 - “A parlare è sempre il campo, ma abbiamo ottimizzato la nostra rosa: qualcuno ci ha chiesto di andare via come ad esempio Falzerano che era a scadenza e siamo riusciti a venderlo, Litteri ha scelto il Cosenza e così abbiamo puntato su Bocalon e poi abbiamo ceduto Zennaro in vista...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510