HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Foschi

“Palermo, oggi bella occasione. Tifosi, torniamo grandi insieme. Rinnovi, lavoriamo. Zamparini, chiamata a Marotta prova di ambizione. Gattuso, che passione! Mourinho ridicolo, reazione esagerata”
11.11.2018 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 5982 volte
© foto di Andrea Ninni/Image Sport

Scontro al vertice in Serie B. Palermo-Pescara per la testa della classifica. “Siamo arrivati all’undicesima di campionato con una media punti incedibile. Ci piacerebbe continuare questa corsa nell’alta classifica. È una partita difficilissima, uno scontro diretto ma riferito a questo momento. Sarebbe uno scontro diretto vero se fossimo quasi alla fine, in ogni caso vogliamo migliorare la nostra classifica. E quella di stasera è un’occasione per fare un bel risultato”, dice a TuttoMercatoWeb il direttore dell’area tecnica rosanero, Rino Foschi.

Il Pescara è una delle squadre rivelazione.
“Come società sono partiti per fare benissimo, con tanta umiltà. Ma si sono già scoperti e si è già visto che sono competitivi e hanno un grande centrocampo. Noi, forse, siamo più completi in tutti i reparti”.

Machin il pezzo pregiato di casa Pescara.
“In B ci sono tanti giovani che ambiscono alla A. Il Pescara aveva un certo Verratti che lo hanno snobbato un po’ tutti, io lo avevo cercato a Padova. Machin ha qualità, come tanti altri”.

Puscas intanto raccoglie soddisfazioni su soddisfazioni. Gol e un’altra convocazione in Nazionale.
“Puscas è un veterano della categoria ma lo considero giovane, siamo una squadra navigata. E sono contento che stia facendo bene. Deve continuare così”.

La partita del Palermo capita in contemporanea con Milan-Juve. Si aspetta affluenza allo stadio?
“Me l’aspetto ma penso sia un sogno. Vedo che c’è molta distanza rispetto a quello che vorrei. Stasera giochiamo una partita importantissima, ma non vedo quanto vissuto negli anni passati. C’è una contestazione strana che da direttore del Palermo e palermitano acquisito non condivido. Se penso che ci sono squadre fallite e retrocesse che fanno m dodicimila persone allo stadio e noi ci giochiamo il primato con poche persone, davvero, è una cosa che non concepisco. Vorrei tutti i palermitani allo stadio, per trascinare la squadra. Come i vecchi tempi. Per tornare grandi, insieme”.

Da Jajalo a Struna, passando per Rispoli e Aleesami. Come procedono le trattative per i rinnovi?
“Si lavora senza fare troppa pubblicità. Non voglio fare ricatti o processi, i contratti fanno parte del calcio. Ci sono tanti campioni a scadenza e non se ne parla così tanto. Qui c’è un gruppo serio, tutti lottano per una maglia da titolare. La volontà di continuare insieme ci deve essere se si trovano gli accordi. Un professionista serio lavoro sia a scadenza che con il contratto. Le cose vanno gestite con grande professionalità e io ho a che fare con un gruppo di professionisti”.

Stasera, dicevamo, c’è anche Milan-Juve. Gattuso lotta sempre col fantasma di un altro allenatore. La Juve deve cancellare la sconfitta in Champions.
“Gattuso sta lottando per avere un certo tipo di credibilità. Sembra che sia sempre sulla graticola, fare bene sarebbe un segnale per dare continuità. Ha passione, grinta, ama il suo lavoro. Alla lunga verrà premiato. La Juve ha dimostrato di essere competitiva a tutti i livelli. Le partite sono tutte diverse. La sconfitta in Champions è stata... un colpo di culo di Mourinho, non è una tragedia. Moralmente la Juventus avrebbe meritato di piu”.

A proposito di Mourinho: vista la risposta alle provocazioni dei tifosi della Juve?
“È sempre scusato per il carattere, ma non era quella la serata per fare un’uscita del genere. Sono sceneggiate che si poteva risparmiare perché la partita l’ha vinta a cinque minuti della fine e con fortuna. Se avesse vinto in modo diverso allora si, lo sfogo sarebbe stato accettabile. Ma vincendo a pochi minuti dalla fine, in quel modo, avrebbe potuto evitare quei gesti. È stato ridicolo”.

Cavani e il ritorno a Napoli, ci crede?
“Poco, davvero. Perché metto insieme tante cose. Ha un costo pesante, lo sarebbe anche per la Juve. Non so fino a che punto tornerebbe a Napoli.... non la vedo una cosa facile. Se mi dicessero Cavani alla Juve o all’Inter magari ci crederei di più, ma a Napoli no. È andato via da campione, difficile che torni”.

Direttore, ma davvero Zamparini ci ha provato per Marotta? Avete già lavorato insieme...
“Zamparini con quelli bravi ci prova sempre. Io e Marotta abbiamo già lavorato a Ravenna, siamo amici di infanzia. Il primo corso da manager lo abbiamo fatto insieme, eravamo compagni di banco ed era più bravo di me. Si vedeva già che era di un’altra categoria”.

Il tentativo per Marotta è un segnale di ambizioni importanti.
“Tra Marotta e Zamparini c’è un rapporto bellissimo da tanto tempo. Il tentativo di portarlo al Palermo è la prova concreta che Zamparini non vuol dare in mano la società a chiunque. Se Zamparini cerca Marotta vuol dire che intende dare continuità e non cede la società alla prima persona che capita. Io se fossi un palermitano sarei felice di sapere che Zamparini ha provato a portare Marotta al Palermo”.

Il futuro di Marotta, però, forse, sarà all’Inter.
“Per l’Inter sarebbe un grande colpo. Significherebbe fare un grandissimo colpo di mercato. Ci sentiamo sempre, siamo amici. Non mi ha detto se andrà all’Inter. Per me i nerazzurri, se lo prendessero, farebbero un affare importantissimo”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Iachini 20.11 - Sinonimo di garanzia e concretezza. L’Empoli poco tempo fa ha deciso di affidarsi a Beppe Iachini per centrare la salvezza. Pronti-via, vittoria contro l’Udinese. “I ragazzi hanno dato grande disponibilità nel lavoro, dobbiamo insistere a lavorare perché il campionato di Serie A è...

A tu per tu

...con Galli 19.11 - “Mi hanno sorpreso le parole di Pellissier, che è un ragazzo equilibrato. Ventura aveva tanta voglia di rientrare, poi ha capito che magari non riusciva a trasmettere determinate cose. La realtà però è sempre diversa dall’immaginazione”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato...

A tu per tu

...con Salerno 18.11 - “Gennaio sarà un mercato dove qualche squadra cercherà di rinforzarsi, l’Inter per esempio sta individuando tanti profili giovani di grande valore”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex direttore sportivo di - tra le altre - Cagliari e Palermo, Nicola Salerno. In campionato la storia sembra...

A tu per tu

...con Di Carlo 17.11 - Carico e con tanta voglia di fare un’impresa. Il Chievo e Mimmo Di Carlo hanno in comune la voglia di riscatto. “Torno a casa mia, al Chievo sono stato quattro anni e abbiamo fatto insieme un percorso di crescita umano e professionale importante”, dice a TuttoMercatoWeb il nuovo allenatore...

A tu per tu

...con Angella 16.11 - “Ho avuto un infortunio ma ora è passato, sono carico è motivato per fare bene da qui alla fine. La prima impressione è positiva, il calcio belga a livello di qualità e intensità mi ha dato buone indicazioni. È un po’ all’inglese”. Così a TuttoMercatoWeb il difensore di proprietà...

A tu per tu

...con Bjelica 15.11 - “Sono contento, davvero. Stiamo giocando bene in Europa e siamo primi in campionato con otto punti di vantaggio. Non potrebbe andare meglio”. Così a TuttoMercatoWeb l’allenatore della Dinamo Zagabria, Nenad Bjelica. Insomma, il momento è positivo. “Tutto procede nel migliore...

A tu per tu

...con Accardi 14.11 - “Se Ventura davvero ha preso la buonuscita siamo alla follia, mi auguro che ciò non sia avvenuto davvero. È un allenatore che non fa più parte di una logica di calcio come quella del Chievo, eppure mi sembrava il tecnico ideale”. Così a TuttoMercatoWeb Beppe Accardi a proposito dell’addio...

A tu per tu

...con Corini 13.11 - Bel gioco e risultati. Per il Brescia di Eugenio Corini è una settimana felice dopo il 4-2 all’Hellas Verona. “Era una prova importante contro una delle favorite per la vittoria del campionato. Aver vinto è stato un bel segnale, la squadra è stata costruita con dei valori e con i...

A tu per tu

...con Caliendo 12.11 - “CR7 è servito ad accendere quell’attenzione che si era spenta nei confronti del calcio italiano. Un’iniezione di grandissimo impatto mediatico, che ci ha riportato ai livelli del calcio mondiale”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Antonio Caliendo. Il calcio italiano,...

A tu per tu

...con Foschi 11.11 - Scontro al vertice in Serie B. Palermo-Pescara per la testa della classifica. “Siamo arrivati all’undicesima di campionato con una media punti incedibile. Ci piacerebbe continuare questa corsa nell’alta classifica. È una partita difficilissima, uno scontro diretto ma riferito a questo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy