VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Giampaolo

"Empoli grande opportunità, via perché questa stagione va conservata. Milan? Lusingato, ma non mi propongo. Se sono andato in Lega Pro posso fare tutto. Tonelli da Napoli, in bocca al lupo. Io come Cosmi? Serse allenatore genuino. Playoff B incerti
18.05.2016 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 20579 volte
© foto di Federico De Luca

Quando fai bene e lasci il segno è meglio abbandonare, per non rovinare ciò che hai fatto. Soprattutto se sai di non poterti ripetere nello stesso contesto. Marco Giampaolo lascia l'Empoli dopo una stagione, l'occasione per il rilancio personale. Il tecnico, oggi accostato al Milan, parla TuttoMercatoWeb.

Giampaolo, per l'Empoli un campionato a fasi alterne: grande andata, ritorno un po' meno brillante.
"Nel girone di ritorno abbiamo avuto diversi problemi, questo unito a delle squalifiche ci ha messo nelle condizioni di rivoluzionare il reparto difensivo. Le prestazioni sono sempre state positive, forse abbiamo fatto tanti punti nel girone d'andata. Il ritorno alla fine siamo riusciti a raddrizzarlo, ma abbiamo avuto troppi problemi. Troppe assenze in un solo reparto e ogni volta dovevamo cominciare da capo, questo ha tolto più di compattezza".

Empoli l'occasione del suo rilancio. Qualcuno si era dimenticato di lei.
"Fortunatamente qualcuno s'è anche ricordato (sorride, ndr). L'Empoli mi ha dato una grandissima opportunità, mi ha permesso di tornare ad allenare in serie A e credo di aver ripagato la fiducia".

E ora?
"Aspettiamo, vediamo. Senza patemi d'animo. Se sono andato in Lega Pro posso fare tutto".

Se le dico Milan?
"Parlarne mi lusinga, ma al momento non c'è altro".

Sarebbe pronto?
"Rispondere di sì sarebbe come proporsi. Io non mi propongo. Essere accostato alla panchina del Milan sicuramente è motivo di orgoglio, chiaramente mi fa piacere. Però c'è un problema: dovrei saperlo io prima dei giornali (sorride,ndr). E io non ne so niente".

Dopo il mancato approdo alla Juve sarebbe un treno che ripassa.
"Di treni ne sono passati tanti. Però o perché magari il treno era in anticipo o ero in ritardo io, non siamo riusciti ad incontrarci. Queste esperienze le ho già vissute, le vivo con grande serenità. E devo pensare a fare bene il mio lavoro".

Non essere andato alla Juventus il suo rimpianto più grande?
"No. Non ho rimpianti. Nessun rimpianto. Ho sempre fatto le cose che sentivo di fare".

Le migliori squadre della stagione?
"Sassuolo, Fiorentina, l'ultima Roma e il Napoli".

Dall'Empoli ad una big: Sarri, a Napoli. Ora lei può fare lo stesso percorso.
"L'Empoli ha idee, sa programmare, è capace a valorizzare i giovani e a pianificare. Sul piano lavorativo è una delle migliori società con cui lavorare".

Ma se si lavora così bene perché è andato via?
"Perché questo tipo di stagione va preservato. Ho avuto un rapporto straordinario con il club, i miei calciatori e la città. Deve rimanere tutto così com'è e bisogna avere il coraggio di mettere da parte i sentimenti - che sono tanti, grandi - e lasciare tutto in maniera inalterata. Questo idillio non va rovinato".

Intanto Tonelli va al Napoli.
"È un giocatore forte che ha conoscenze. Sarri si ritrova in casa un giocatore che ha già allenato, non deve neppure perdere tempo a fargli capire le cose. Tra l'altro è stato convocato anche in Nazionale. Tonelli è forte, ha personalità, sa difendere e giocare. Gli faccio un grande in bocca al lupo, se lo merita. È un leader".

Qualche stagione sfortunata, poi il rilancio. Come lei Serse Cosmi al Trapani che giocherà i playoff e l'ambiente vive un sogno...
"Cosmi è un allenatore genuino, sa integrarsi molto bene con l'ambiente che trova. Non è un allenatore scontato. Mi fa piacere che possa togliersi delle soddisfazioni, lo merita. Il Trapani è quarto. Poi c'è il Pescara, che ha un organico forte e un allenatore preparato. Anche il Bari è forte, ha grande tradizione. Questi playoff non sono scontati. Il miglior piazzamento darà una mano, arrivare terzi può significare qualcosa in più".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Rubinho 23.11 - “Vedo un campionato molto bello, divertente. Tante squadre in pochi punti e che stanno giocando bene. Lazio, Roma, Napoli... tutte squadre che rappresentano, in un modo o nell’altro, delle sorprese”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex portiere della Juventus, Fernando Rubinho. La Juve...

A tu per tu

...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.