VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
A tu per tu

...con Giannini

"Io, il primo allenatore di Simeone: vi racconto Diego. Cholo, stasera senza paura: sul campo hai più esperienza di Mourinho. In finale vorrei il derby di Madrid"
30.04.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 11987 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Correva l'anno 1990, il Pisa giocava a buoni livelli e in quella stagione, in Toscana, militava Diego Pablo Simeone. Un giovane di belle speranze e grandi prospettive per il futuro. Una valigia carica di sogni e ambizioni per il futuro. E tanta voglia di imporsi nel calcio che conta. Il 9 settembre l'esordio in serie A, contro il Bologna. Le stagioni a Pisa però, per Simeone, nonostante le cinquantacinque presenze condite da sei gol, non sono molto positive. Così lascia l'Italia, va al Siviglia. E lì dimostra tutto il suo potenziale, lo nota l'Atletico Madrid che decide di acquistarlo. E nel 1997 il ritorno in Italia, c'è la chiamata dell'Inter. Un'occasione da sfruttare. Inter e Atletico Madrid, le due squadre - insieme alla Lazio - che il Cholo ha ancora nel cuore. Lui che adesso fa l'allenatore in Spagna, proprio all'Atletico, dove sta vivendo un sogno. Un sogno che si chiama finale di Champions League, questa sera a Stamford Bridge la partita di semifinale di ritorno contro il Chelsea. Si riparte dallo 0-0 dell'andata. Luca Giannini è stato il primo allenatore di Simeone in Italia, al Pisa. Nel 1990. Colui che lo ha fatto esordire, oggi lo racconta a TuttoMercatoWeb. E questa sera davanti alla tv ci sarà anche lui, con un pizzico di emozione. Ripensando a quel Diego Simeone. E a quello di adesso, che ha fatto strada e non vuole svegliarsi dal sogno europeo, che parla anche un po' italiano, come il direttore sportivo internazionale dei Colchoneros, Andrea Berta. E come Simeone che l'Italia non l'ha mai dimenticata. E in futuro chissà.

Giannini, quel giovane che nel 1990 giocava per la prima volta in serie A oggi si gioca l'accesso alla finale di Champions.
"Sono contento, Diego merita i successi che sta avendo. Perché è una grande persona. Me lo ricordo come uno che non ci stava mai a perdere, un professionista esemplare. Uno che arrivava all'allenamento mezz'ora-quaranta minuti prima e andava via quando già tutti se n'erano andati".

Che effetto le fa vederlo oggi a giocarsi la finale?
"Una cosa o si fa bene o è meglio non farla, lui sta facendo benissimo. Dà sempre il massimo, del resto visto il personaggio non potrebbe essere altrimenti. Sono felice, gli auguro le migliori fortune".

Stasera però è una missione quasi impossibile, contro il Chelsea. A Stamford Bridge.
"Beh, Davide contro Golia. Quando giochi contro un avversario più forte di te non vuoi mai essere da meno. E poi cosa manca all'Atletico Madrid per essere forte? Nulla. Se la giocherà ad armi pari. L'Atletico ha tecnica, qualità, furore agonistico. E poi ha il Cholo...".

Dall'altra parte c'è Mourinho.
"Sì, ok. Ma Diego ha più esperienza di campo, ha giocato ad alti livelli. Mourinho no. E questo per il Cholo può essere un vantaggio".

All'andata il Chelsea costruì le barricate. Si aspetta lo stesso atteggiamento dall'Atletico?
"No. Diego non aspetterà l'avversario in quel modo plateale. Anche se il calcio è fatto anche di ripartenze, contropiede, strategie. Sarà una bella partita. E l'Atletico Madrid non è inferiore".

Cosa direbbe oggi a Simeone?
"Che il calcio lo ha portato avanti nella vita, lui ci ha messo grande impegno e professionalità. Vorrei chiamarlo, ma evito perché non voglio disturbare. Non ha bisogno di consigli, sa quello che deve fare. E l'importante è impegnarsi, anche se sbagli devi essere consapevole di dare il massimo. Sempre. Mi auguro che l'Atletico arrivi in finale. Quella di Diego è e sarà sempre una squadra senza paura".

Che finale immagina?
"La mia speranza è che a giocarsela siano l'Atletico e il Real Madrid. Un pezzo d'Italia per parte. E poi, buona partita a tutti. A Diego auguro buona fortuna, ma sa quello che fa. Sempre".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Gasparin 25.06 - Gigio Donnarumma e il Milan, trattativa in corso per il rinnovo. "Sono dalla parte del Milan, anche se ci sono delle situazioni delicate e difficili. Il potere contrattuale del calciatore è molto forte, poi c'è Mino Raiola che è un ostacolo di quelli difficili da scalare. Gigio Donnarumma...
Telegram

A tu per tu

...con Salvatori 24.06 - "Sarà un mercato in cui si metteranno tutte in competizione per contrastare la corazzata Juventus, Roma e Napoli saranno competitive. Chi ha più da lavorare sono le milanesi". Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo Fabrizio Salvatori, ex tra le altre di Trapani, Bologna e Torino....

A tu per tu

...con Tami 23.06 - Un'eredità pesante - quella di Tramezzani - e il mercato che si accende. Il Lugano riparte da Pier Tami. "La squadra ha smesso da poco, la pausa è stata breve. Stiamo lavorando per completare la rosa, il tempo stringe e quindi dobbiamo fare in fretta", dice il nuovo allenatore della...

A tu per tu

...con Sannino 22.06 - "Donnarumma e il mancato rinnovo con il Milan?Un ragazzo cresciuto nel Milan, di diciotto anni, non doveva neanche pensarci. Doveva restare e basta. Ma nessuno crede più al cuore e alla maglia, avendo un agente importante come Raiola è normale che lo stesso procuratore faccia gli...

A tu per tu

...con Novellino 21.06 - "La società si sta muovendo bene, ma siamo ancora sulle verifiche. Sicuramente c'è la volontà di fare bene". Così a TuttoMercatoWeb l'allenatore dell'Avellino, Walter Novellino. Obiettivi per il prossimo anno? "Vogliamo soffrire meno dell'anno scorso. Poi strada facendo...

A tu per tu

...con Capozucca 20.06 - "Fin qui è stato protagonista il Milan, in maniera inaspettata. Mirabelli si è ben districato. Il problema Donnarumma fa passare in secondo piano tutto quello che è stato fatto, ma se valutiamo tutto il Milan ha fatto un ottimo mercato". Così a TuttoMercatoWeb l'ex ds del Cagliari,...

A tu per tu

...con Colomba 19.06 - "Donnarumma e il caso scoppiato al Milan? Secondo me l'errore è stato commesso in passato: quando si ha un legno grezzo non bisogna arrivare all'ultimo. Si sa benissimo come vanno le cose al giorno d'oggi, le bandiere non esistono più. La festa di Totti è la prova che la gente ha...

A tu per tu

...con Antonini 18.06 - Tiene banco il caso Donnarumma. "Io avrei firmato in bianco, il mio approccio è diverso. Il mio procuratore avrebbe potuto dirmi qualunque cosa, ma io avrei firmato. Stiamo parlando del Milan", dice a TuttoMercatoWeb l'ex difensore rossonero Luca Antonini. Critiche e tanto...

A tu per tu

...con Marino 17.06 - Caso Donnarumma al Milan. Nessuna voglia di rinnovare, un futuro tutto da scrivere. "Me l'aspettavo, il proprietario del cartellino è Donnarumma mica il Milan: quando arrivi ad un anno della scadenza, che poi sono sei mesi perché a gennaio puoi firmare per un'altra squadra, sei praticamente...

A tu per tu

...con Di Carlo 16.06 - "È stata un'esperienza positiva, centonove punti in un anno e mezzo non sono bastati per arrivare al sogno serie A. Ma il lavoro svolto è stato positivo". Così a TuttoMercatoWeb Domenico Di Carlo sulla sua esperienza allo Spezia che si è da poco conclusa ufficialmente. Rimane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.