VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
A tu per tu

...con Giannini

"Io, il primo allenatore di Simeone: vi racconto Diego. Cholo, stasera senza paura: sul campo hai più esperienza di Mourinho. In finale vorrei il derby di Madrid"
30.04.2014 00.00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 11987 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Correva l'anno 1990, il Pisa giocava a buoni livelli e in quella stagione, in Toscana, militava Diego Pablo Simeone. Un giovane di belle speranze e grandi prospettive per il futuro. Una valigia carica di sogni e ambizioni per il futuro. E tanta voglia di imporsi nel calcio che conta. Il 9 settembre l'esordio in serie A, contro il Bologna. Le stagioni a Pisa però, per Simeone, nonostante le cinquantacinque presenze condite da sei gol, non sono molto positive. Così lascia l'Italia, va al Siviglia. E lì dimostra tutto il suo potenziale, lo nota l'Atletico Madrid che decide di acquistarlo. E nel 1997 il ritorno in Italia, c'è la chiamata dell'Inter. Un'occasione da sfruttare. Inter e Atletico Madrid, le due squadre - insieme alla Lazio - che il Cholo ha ancora nel cuore. Lui che adesso fa l'allenatore in Spagna, proprio all'Atletico, dove sta vivendo un sogno. Un sogno che si chiama finale di Champions League, questa sera a Stamford Bridge la partita di semifinale di ritorno contro il Chelsea. Si riparte dallo 0-0 dell'andata. Luca Giannini è stato il primo allenatore di Simeone in Italia, al Pisa. Nel 1990. Colui che lo ha fatto esordire, oggi lo racconta a TuttoMercatoWeb. E questa sera davanti alla tv ci sarà anche lui, con un pizzico di emozione. Ripensando a quel Diego Simeone. E a quello di adesso, che ha fatto strada e non vuole svegliarsi dal sogno europeo, che parla anche un po' italiano, come il direttore sportivo internazionale dei Colchoneros, Andrea Berta. E come Simeone che l'Italia non l'ha mai dimenticata. E in futuro chissà.

Giannini, quel giovane che nel 1990 giocava per la prima volta in serie A oggi si gioca l'accesso alla finale di Champions.
"Sono contento, Diego merita i successi che sta avendo. Perché è una grande persona. Me lo ricordo come uno che non ci stava mai a perdere, un professionista esemplare. Uno che arrivava all'allenamento mezz'ora-quaranta minuti prima e andava via quando già tutti se n'erano andati".

Che effetto le fa vederlo oggi a giocarsi la finale?
"Una cosa o si fa bene o è meglio non farla, lui sta facendo benissimo. Dà sempre il massimo, del resto visto il personaggio non potrebbe essere altrimenti. Sono felice, gli auguro le migliori fortune".

Stasera però è una missione quasi impossibile, contro il Chelsea. A Stamford Bridge.
"Beh, Davide contro Golia. Quando giochi contro un avversario più forte di te non vuoi mai essere da meno. E poi cosa manca all'Atletico Madrid per essere forte? Nulla. Se la giocherà ad armi pari. L'Atletico ha tecnica, qualità, furore agonistico. E poi ha il Cholo...".

Dall'altra parte c'è Mourinho.
"Sì, ok. Ma Diego ha più esperienza di campo, ha giocato ad alti livelli. Mourinho no. E questo per il Cholo può essere un vantaggio".

All'andata il Chelsea costruì le barricate. Si aspetta lo stesso atteggiamento dall'Atletico?
"No. Diego non aspetterà l'avversario in quel modo plateale. Anche se il calcio è fatto anche di ripartenze, contropiede, strategie. Sarà una bella partita. E l'Atletico Madrid non è inferiore".

Cosa direbbe oggi a Simeone?
"Che il calcio lo ha portato avanti nella vita, lui ci ha messo grande impegno e professionalità. Vorrei chiamarlo, ma evito perché non voglio disturbare. Non ha bisogno di consigli, sa quello che deve fare. E l'importante è impegnarsi, anche se sbagli devi essere consapevole di dare il massimo. Sempre. Mi auguro che l'Atletico arrivi in finale. Quella di Diego è e sarà sempre una squadra senza paura".

Che finale immagina?
"La mia speranza è che a giocarsela siano l'Atletico e il Real Madrid. Un pezzo d'Italia per parte. E poi, buona partita a tutti. A Diego auguro buona fortuna, ma sa quello che fa. Sempre".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Martorelli 26.04 - Un nuovo corso per la Roma. Da Walter Sabatini, con l'Interregno Massara, a Monchi. "Non conosco le direttive di Monchi, è la prima volta che viene a lavorare in Italia. La Roma però, con tutto il rispetto, non è il Siviglia", dice a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Giocondo...
Telegram

A tu per tu

...con Pagni 25.04 - Rinati, a caccia dell'impresa. La Ternana ci crede e ha voglia di rincorrere la salvezza. "Positività al massimo, entusiasmo ma anche consapevolezza dei nostri mezzi. Silenzio e avanti tutta...", dice a TuttoMercatoWeb il ds delle Fere, Danilo Pagni. Liverani il segreto della...

A tu per tu

...con Leone 24.04 - "Vogliamo giocarci tutte le nostre possibilità fino in fondo. Le vittorie dell'Empoli hanno guastato tutti i piani, però finché la matematica non ci condanna è giusto provarci". Il Pescara prova a cullare ancora qualche speranza per la salvezza. Difficile, ma finché i numeri lo consentono...

A tu per tu

...con Antonini 23.04 - "Sorteggio fortunato per la Juventus? Io mi preoccuperei del Monaco, l'ho visto nelle ultime partite e ci sono ragazzi giovani che vogliono emergere. Sia Atletico che Real erano da evitare, è stato un sorteggio fortunato ma che nasconde tante insidie". Così a TuttoMercatoWeb Luca...

A tu per tu

...con Frey 22.04 - La partita delle emozioni. Da una parte il primo amore, dall'altra un amore sbocciato piano piano. Inter-Fiorentina, la partita di Sebastien Frey. "Quando giocavo nella Fiorentina era sempre considerata una grande partita, a livello di qualità l'Inter era superiore. Tutte le volte...

A tu per tu

...con Di Somma 21.04 - Un ritiro per riordinare le idee. E per tornare a sorridere. "Siamo tranquilli, l'aria è serena. Qualche risultato sta venendo meno, ma siamo stati penalizzati dai risultati perché le prestazioni sono buone. Poi anche alcune decisioni arbitrali non ci hanno aiutato", dice il dg del...

A tu per tu

...con Joao Santos 20.04 - "Se in Milan e Inter sono entrati grandi capitali allora è giusto aspettarsi un grande mercato, molto caldo. Pensando però che Juve e Napoli hanno già una struttura pronta e non dovranno spendere chissà quanto". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Joao Santos in vista della...

A tu per tu

...con Sannino 19.04 - "La Juve ha dimostrato di non avere rivali in campionato, mentre per quanto riguarda la Champions il 3-0 è un bel bottino ma il Barça in casa è pericoloso". Così a TuttoMercatoWeb Giuseppe Sannino fa le carte alla sfida di Champions League in scena stasera. Passerà la Juve? "Io...

A tu per tu

...con Canovi 18.04 - "Il Milan? Finisce un'era". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Dario Canovi a proposito del passaggio di consegne avvenuto in casa Milan. Da Silvio Berlusconi a Yanghong Li. "Il ricordo personale con il Milan di Berlusconi risale a quando abbiamo firmato il contratto per...

A tu per tu

...con Di Carlo 17.04 - "Sia noi che il Cesena veniamo da una vittoria importante, siamo in salute e sicuramente sarà una bella partita. Il Cesena in casa gioca a ritmi alti, andrà affrontato senza arretrare troppo". Domenico Di Carlo analizza così a TuttoMercatoWeb la partita che andrà in scena questa sera...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.