VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Imborgia

"Donadoni uno da Milan, se i rossoneri lo prendono non sbagliano. Parma, non mi pento dell'addio. Palermo in A, Iachini non dorme mai... Ceravolo? Non al posto di Perinetti.
08.05.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 16330 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo Parma pronto a ripartire, in attesa del progetto giusto. Ma senza la frenesia di dover trovare squadra a tutti i costi. Antonio Imborgia, ex responsabile del mercato gialloblù, preferisce stare alla finestra e aspettare. L'occasione arriverà. Intanto Imborgia parla a TuttoMercatoWeb, dalla Juventus che fatica in Europa e domina in Italia, al Parma, macchina perfetta costruita da lui e Leonardi.

Juventus grande protagonista in Italia, in ombra in Europa. Che succede al calcio italiano, che non ha neppure una squadra nelle competizioni europee?
"L'anno scorso la Juventus è arrivata ai quarti di Champions, quest'anno alla semifinale di Europa League. La squadra bianconera non vale le corazzate come Bayern Monaco, Real Madrid o Barcellona. Ma è anche vero che l'Atletico Madrid è in finale con pieno merito e non è migliore della Juventus. Non penso neppure che il campionato italiano non sia allenante in chiave europea. Il calcio in alcuni momenti è fatto di situazioni che non sono favorevoli, è stato il caso della Juventus nelle ultime due manifestazioni europee. Non si può certo dire che il Benfica sia stato superiore. Se invece facciamo un discorso generale, che esula dalla Juventus, gli altri movimenti in Europa stanno dimostrando di lavorare meglio, di avere più coraggio, di provare a fare delle cose che sono più logiche".

Intanto il suo ex Parma ha sorpreso tutti.
"No, il Parma non è una sorpresa. Le sorprese sono Torino e Verona. Il Parma negli ultimi tre anni ha lavorato in funzione di una classifica importante: basta guardare i numeri di questa stagione. Più che di sorpresa parlerei di un lavoro fatto per arrivare a ridosso delle posizioni di vertice. Il Parma lavora da tre anni con lo staff, con lo stesso allenatore. Leonardi inizia il sesto anno insieme a Preiti, c'è una continuità che si può trovare solo in poche squadre. Continuità che c'è stata anche a Torino con Petrachi: questa è la dimostrazione che se hai calma, pazienza e ti dai il tempo necessario per raggiungere gli obiettivi puoi centrarli".

Donadoni è finito nel mirino del Milan. È pronto?
"Donadoni ha ancora un anno di contratto con il Parma, non mi addentro nella questione per rispetto della mia ex società. Però se mi chiede se Donadoni è da Milan rispondo di sì: è un profilo da Milan. Lo ha dimostrato con il lavoro che ha fatto, con la gestione di un gruppo di giocatori e restituendo al nostro campionato il Cassano più tirato a lucido degli ultimi anni. E poi Schelotto a Sassuolo non ha giocato e a Parma è diventato protagonista. Penso a Molinaro che è tornato in Italia dallo Stoccarda e trova subito una soluzione ideale, Paletta è una certezza, Lucarelli sta disputando un ottimo campionato. E non bisogna dimenticare la crescita di Mirante: bisogna dare grandi meriti a Bucci. Donadoni nei tre anni a Parma ha completato la sua crescita e la conoscenza dei suoi pregi. Poi ha anche un grande staff, uno staff di prima importanzza. Se il Milan prende Donadoni sicuramente non sbaglia".

Serie B: il Palermo torna in A, era scritto...
"Di cose scritte nel calcio non ce ne sono. Bisogna dare i meriti che è giusto dare: Iachini ha vinto il quarto campionato di serie B. Alla Sampdoria aveva fatto un lavoro ancora più importante di quello di quest'anno al Palermo, perché quella squadra era inferiore rispetto ai rosanero. Quando facevo il procuratore ero anche l'agente di Iachini, è uno che non dorme mai quando deve preparare una partita. Poche volte gli è stata data la possibilità di lavorare con continuità, era già pronto per la serie A quando ha vinto il campionato con la Sampdoria: oggi maturando tante esperienze positive e anche negative, ha raggiunto un equilibrio tale da consentirgli di essere ancora più pronto".

Per il prossimo anno Zamparini punta Ceravolo, intanto il lavoro di Perinetti è stato positivo.
"Perinetti ha fatto un lavoro importante, non è la prima volta che vince il campionato di serie B. Non posso pensare che l'eventuale arrivo di Ceravolo escluda la direzione di Perinetti. Con tutto il bene che voglio a Ceravolo, parliamo di due figure completamente diverse... Perinetti ormai fa parte della storia del Palermo, per tanti anni ha lavorato per i rosanero, conosce le dinamiche, le situazioni. E ha lavorato con Zamparini. Non penso che il presidente cambierebbe Perinetti per Ceravolo. Perinetti è un validissimo dirigente, un vincente. Ceravolo ha lavorato per anni con Moggi. Magari l'uno non escluderebbe l'altro".

E lei, pronto a ripartire?
"Sono sempre pronto. Quando ho lasciato il Parma ho fatto una scelta secondo me giusta, ma non perché pensavo di trovare il Bayern Monaco o il Real Madrid di turno. Ho fatto una scelta perché ho deciso che la cosa più giusta per me fosse quella di interrompere e rimettermi in gioco. Non sono mai stato ruffiano e non mi sono mai proposto: spero che qualcuno abbia bisogno di un dirigente".

Cosa vuole trovare nella sua prossima squadra?
"Quello che mi interessa è lavorare in maniera intelligente, qualitativa, razionale. E decidere insieme alla proprietà le strategie in base a quella che è la mia idea di calcio. In questo momento non ho parlato con nessuno, non dico che ho delle opportunità giusto per dirlo, ma in questo periodo è giusto che sia così: a parte chi ha vinto il campionato di Lega Pro c'è un playout lungo da giocare, in serie B a parte il Palermo e la Juve Stabia si giocano ancora tante cose. E in A non si sa ancora chi retrocederà. Mi sto guardando intorno, ci sono dei posti dove mi piacerebbe andare e penso che per caratteristiche potrei fare meglio rispetto ad un'altra parte. Ma sono sereno. Nel calcio c'è un malcostume: i dirigenti fanno contratti lunghi per poi proporsi in altre piazze. A cosa serve? Non ha logica. Quando sono andato via da Parma non avevo alternative e non mi pento della scelta".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.