VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/2018 al via: chi vince il campionato?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Milan
  Inter
  Lazio
  Altro

TMW Mob
A tu per tu

...con Imborgia

"Milan, non basta il mercato: a San Siro pulsazioni a sessanta o fai fatica. Bonucci? Se lo avesse chiesto l'Inter la Juve non lo avrebbe ceduto. Fiorentina, sei tornata a fare...la Fiorentina. Palermo, tempo a Tedino"
23.07.2017 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 12829 volte

"Fin qui è stato un bellissimo mercato". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di calciomercato Antonio Imborgia.

Milan al centro del mercato.
"Il Milan è quella che aveva più bisogno di intervenire rispetto alle altre, negli anni aveva perso tutti i calciatori più importanti quindi era normale che facesse un mercato importante e si muovesse più delle concorrenti. L'obiettivo del Milan è vincere subito, ma quando si fanno interventi così profondi non è facile".

Si spieghi meglio.
"Beh, bisogna stare attenti a parlare di Champions o altro, perché per giocare a San Siro devi avere le pulsazioni a sessanta e fino a quando i calciatori non si saranno adattati a quella maglia e a quello stadio serve andarci piano... La campagna acquisti porterà al miglioramento qualitativo della squadra, ma da qui a dire che il Milan migliorerà in maniera importantissima aspetterei".

Cosa manca al Milan per essere ai livelli della Juventus?
"Per essere ai livelli della Juve manca ancora moltissimo. Andrè Silva non è Dybala, Kalinic non potrà essere Higuain e il Milan non ha Mandzukic. Il club rossonero sta costruendo un collettivo importante, ma la Juventus ha alcuni giocatori che sono fuori parametro per tante squadre italiane. Che arrivi Kalinic o Belotti, il gap tra Milan e Juve è ancora tanto. Fassone e Mirabelli hanno capacità, sono bravi, ma ci vuole tempo".

E il Napoli?
"Sta facendo un mercato molto statico. Recupera Milik ed è già un acquisto. Non vedo soluzioni immediate per migliorare l'organico. Ci sono Hamsik, Callejon, Mertens, Diawara, Koulibaly, Jorginho e quindi tanta qualità. Gli azzurri hanno lavorato bene e nel tempo. Puoi lavorare benissimo, ma il tempo è determinante".

Chi sta facendo tante uscite è la Fiorentina.
"È tornata a fare... la Fiorentina. Ha avuto organici a livello tecnico talmente qualitativi che non entrare nei preliminari di Champions League è stato un fallimento. Qualitativamente per almeno due-tre anni la Fiorentina ha avuto un gruppo importantissimo. Ricordo con il Parma una partita giocata contro la Fiorentina di Montella: i viola avevano una qualità incredibile. La Fiorentina sta prendendo diversi giovani interessanti pagandoli anche bene, la campagna acquisti è incentrata verso una rifondazione: un fatto abbastanza naturale, ricostruiranno con i giovani e daranno più spazio alla qualità del lavoro di Corvino e del suo staff. Non vedo negatività, ma un ciclo che è finito. Del resto, se un calciatore vuole andare, va via. Non ci sono anomalie. Borja Valero era in viola da tanti anni, Bernardeschi e Kalinic hanno deciso di andare. Non vedo grandi sorprese, è tutto normale".

Aspettando i colpi dell'Inter...
"Sta andando sui giovani, ma aveva mano da fare rispetto ad altri. Il telaio è abbastanza delineato. Se l'Inter fa gli interventi giusti, con Spalletti è un'altra squadra che per tante ragioni e mille motivi è davanti al Milan. Se i nerazzurri avessero chiesto Bonucci credo che la Juve non lo avrebbe dato. I bianconeri riconoscono qualità al mercato del Milan, ma sanno che gli serve tempo. Mentre se metti Bonucci all'Inter, dove sono arrivati Borja Valero e Vecino e ci sono tanti giocatori bravi, è un rischio più importante per gli avversari".

Imborgia, e il suo Palermo tornerà in serie A?
"La squadra è buona. Tedino avrà bisogno di tempo, ma il rischio è che non gli venga dato. Un percorso di lavoro è fatto di vittorie e sconfitte, vincere non è facile e Zamparini dovrebbe capirlo. Ho avuto tante squadre e poche società, ai miei giocatori dicevo sempre che la sconfitta è l'unico evento utile per costruire la vittoria. Quando vinci dura dodici ore, quando perdi te lo ricordi per tre giorni e così impari e ti migliori. Il dolore della sconfitta è molto più incisivo del piacere della vittoria. Se a Tedino verrà dato tempo e magari arriverà qualche altro calciatore, il Palermo potrà lavorare. E poi più ti abbassi di categoria e più conta l'effetto stadio. Per una squadra piccola giocare al Barbera dove ci sono quindicimila persone, che magari per Palermo sono poche, ma sono sempre quindicimila, fa un certo effetto. La maglia e la storia, se sei il Palermo in serie B, qualche punto te lo danno. Se Zamparini avrà la voglia e la pazienza di dare un po' di tempo alle persone che lavorano, il Palermo potrà giocarsi l'obiettivo. Sennó dopo quattro partite cambia l'allenatore, magari tornerà il buon Davide Ballardini che conosce bene l'ambiente e la situazione e quindi si ricomincerà da capo".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Colantuono 19.08 - "Al di là della perdita di Bonucci la Juventus rimane la più accreditata per vincere il campionato. Poi dietro ci sono Roma e Napoli. E mi incuriosisce l'Inter che sono convinto farà un bel campionato". Così a TuttoMercatoWeb Stefano Colantuono fa le carte al campionato di serie A...
Telegram

A tu per tu

...con Vrenna 18.08 - L'anno scorso un miracolo sportivo. Quest'anno tanta voglia di riprovarci. Il Crotone parte subito forte, il primo esame della stagione si chiama Milan. "Affrontiamo una squadra importante, sarà difficile fare punti. Stiamo ristrutturando lo stadio, ma dovremmo giocare in casa", dice...

A tu per tu

...con Jankovic 17.08 - "Avevo delle proposte ma in posti lontani, le ho rifiutate per stare vicino alla mia famiglia a Zurigo. Difficile che vada in Paesi lontani". Così a TuttoMercatoWeb l'ex centrocampista Bosko Jankovic. Serie A: come la vede? "Si è alzato il livello. Sono arrivati giocatori...

A tu per tu

...con Boghossian 16.08 - "Il Napoli contro il Nizza? Una bella partita, tra due squadre a cui piace giocare la palla. Il Nizza non ha iniziato bene il campionato, ma durante la stagione Sneijder e Balotelli faranno la differenza". Così a TuttoMercatoWeb l'ex centrocampista del Napoli e oggi allenatore, Alain...

A tu per tu

...con Zavaglia 15.08 - "Il pesante ko della Roma? È la fase di preparazione, bisogna aspettare... è una sconfitta che lascia il tempo che trova. Non mi preoccuperei più di tanto". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Franco Zavaglia. Mercato: che faranno i giallorossi? "La Roma cercherà...

A tu per tu

...con D.Canovi 14.08 - "L'Inter si sta muovendo, mentre il Milan ha quasi completato la campagna acquisti. La Lazio dovrà prendere una decisione su Keita... fino al 16-17 agosto ci sarà una fase di pausa". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Dario Canovi. L'Inter intanto si avvicina a Schick... "Non...

A tu per tu

...con Cornacini 13.08 - "Ci saranno ancora tante cose... mi aspetto che la Juventus si muova concretamente per rinforzarsi". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato di Elenko, Leonardo Cornacini. Kalinic sempre più verso il Milan. "Un grande giocatore, già adattato al calcio italiano". Dunque...

A tu per tu

...con L.Pasqualin 12.08 - "Per differenza mi aspetto movimenti obbligatori da parte della Roma dopo le cessioni eccellenti e dall'Inter che dopo aver indovinato le mosse in difesa è chiamata a rinforzarsi unitamente alla permanenza di Perisic che è un giocatore che sposta gli equilibri". Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Maccarone 11.08 - Una nuova esperienza, tutta da vivere. Merito di... un caffè. "Ero con Grella, ci siamo ritrovati a bere un caffè e così è nata questa opportunità", dice a TuttoMercatoWeb Massimo Maccarone, che dopo l'addio burrascoso con l'Empoli ha scelto l'Australia. Torniamo indietro di...

A tu per tu

...con Berti 10.08 - "Si è scatenato il Milan, ha fatto il bello e cattivo tempo. Il resto del mercato si infiammerà più avanti, dopo ferragosto". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Gianluca Berti, ex portiere di - tra le altre - Fiorentina e Palermo e oggi direttore della Carrarese. Chi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.