VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
A tu per tu

...con Imborgia

"Milan, non basta il mercato: a San Siro pulsazioni a sessanta o fai fatica. Bonucci? Se lo avesse chiesto l'Inter la Juve non lo avrebbe ceduto. Fiorentina, sei tornata a fare...la Fiorentina. Palermo, tempo a Tedino"
23.07.2017 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 13031 volte

"Fin qui è stato un bellissimo mercato". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di calciomercato Antonio Imborgia.

Milan al centro del mercato.
"Il Milan è quella che aveva più bisogno di intervenire rispetto alle altre, negli anni aveva perso tutti i calciatori più importanti quindi era normale che facesse un mercato importante e si muovesse più delle concorrenti. L'obiettivo del Milan è vincere subito, ma quando si fanno interventi così profondi non è facile".

Si spieghi meglio.
"Beh, bisogna stare attenti a parlare di Champions o altro, perché per giocare a San Siro devi avere le pulsazioni a sessanta e fino a quando i calciatori non si saranno adattati a quella maglia e a quello stadio serve andarci piano... La campagna acquisti porterà al miglioramento qualitativo della squadra, ma da qui a dire che il Milan migliorerà in maniera importantissima aspetterei".

Cosa manca al Milan per essere ai livelli della Juventus?
"Per essere ai livelli della Juve manca ancora moltissimo. Andrè Silva non è Dybala, Kalinic non potrà essere Higuain e il Milan non ha Mandzukic. Il club rossonero sta costruendo un collettivo importante, ma la Juventus ha alcuni giocatori che sono fuori parametro per tante squadre italiane. Che arrivi Kalinic o Belotti, il gap tra Milan e Juve è ancora tanto. Fassone e Mirabelli hanno capacità, sono bravi, ma ci vuole tempo".

E il Napoli?
"Sta facendo un mercato molto statico. Recupera Milik ed è già un acquisto. Non vedo soluzioni immediate per migliorare l'organico. Ci sono Hamsik, Callejon, Mertens, Diawara, Koulibaly, Jorginho e quindi tanta qualità. Gli azzurri hanno lavorato bene e nel tempo. Puoi lavorare benissimo, ma il tempo è determinante".

Chi sta facendo tante uscite è la Fiorentina.
"È tornata a fare... la Fiorentina. Ha avuto organici a livello tecnico talmente qualitativi che non entrare nei preliminari di Champions League è stato un fallimento. Qualitativamente per almeno due-tre anni la Fiorentina ha avuto un gruppo importantissimo. Ricordo con il Parma una partita giocata contro la Fiorentina di Montella: i viola avevano una qualità incredibile. La Fiorentina sta prendendo diversi giovani interessanti pagandoli anche bene, la campagna acquisti è incentrata verso una rifondazione: un fatto abbastanza naturale, ricostruiranno con i giovani e daranno più spazio alla qualità del lavoro di Corvino e del suo staff. Non vedo negatività, ma un ciclo che è finito. Del resto, se un calciatore vuole andare, va via. Non ci sono anomalie. Borja Valero era in viola da tanti anni, Bernardeschi e Kalinic hanno deciso di andare. Non vedo grandi sorprese, è tutto normale".

Aspettando i colpi dell'Inter...
"Sta andando sui giovani, ma aveva mano da fare rispetto ad altri. Il telaio è abbastanza delineato. Se l'Inter fa gli interventi giusti, con Spalletti è un'altra squadra che per tante ragioni e mille motivi è davanti al Milan. Se i nerazzurri avessero chiesto Bonucci credo che la Juve non lo avrebbe dato. I bianconeri riconoscono qualità al mercato del Milan, ma sanno che gli serve tempo. Mentre se metti Bonucci all'Inter, dove sono arrivati Borja Valero e Vecino e ci sono tanti giocatori bravi, è un rischio più importante per gli avversari".

Imborgia, e il suo Palermo tornerà in serie A?
"La squadra è buona. Tedino avrà bisogno di tempo, ma il rischio è che non gli venga dato. Un percorso di lavoro è fatto di vittorie e sconfitte, vincere non è facile e Zamparini dovrebbe capirlo. Ho avuto tante squadre e poche società, ai miei giocatori dicevo sempre che la sconfitta è l'unico evento utile per costruire la vittoria. Quando vinci dura dodici ore, quando perdi te lo ricordi per tre giorni e così impari e ti migliori. Il dolore della sconfitta è molto più incisivo del piacere della vittoria. Se a Tedino verrà dato tempo e magari arriverà qualche altro calciatore, il Palermo potrà lavorare. E poi più ti abbassi di categoria e più conta l'effetto stadio. Per una squadra piccola giocare al Barbera dove ci sono quindicimila persone, che magari per Palermo sono poche, ma sono sempre quindicimila, fa un certo effetto. La maglia e la storia, se sei il Palermo in serie B, qualche punto te lo danno. Se Zamparini avrà la voglia e la pazienza di dare un po' di tempo alle persone che lavorano, il Palermo potrà giocarsi l'obiettivo. Sennó dopo quattro partite cambia l'allenatore, magari tornerà il buon Davide Ballardini che conosce bene l'ambiente e la situazione e quindi si ricomincerà da capo".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Lovisa 12.12 - Il sogno del Pordenone passa da San Siro. Un momento storico, importante. Al di là di come andrà a finire. “È qualcosa di bello, ovviamente. Speriamo che in futuro ci capiti più spesso, ma oggi fa sicuramente un bell’effetto”, dice a TuttoMercatoWeb il giovane dirigente e uomo mercato...

A tu per tu

...con Bergodi 11.12 - “La Lazio mi sembra una squadra quadrata, che gioca un buon calcio. Ma deve sfruttare la partita di oggi per continuare il cammino”. Così a TuttoMercatoWeb Cristiano Bergodi fa le carte alla partita di questa sera tra Lazio e Torino. Per la Lazio una grande chance. “Deve sfruttare...

A tu per tu

...con Salerno 10.12 - Nicola Salerno torna in pista. Dopo l’esperienza turbolenta di Palermo, il dirigente di Matera riparte da Brescia. Il curriculum degli ultimi anni racconta di Serie A e Inghilterra. Ma quando arriva la chiamata di Cellino è impossibile dire di no. “Con il presidente c’eravamo già...

A tu per tu

...con Bergomi 09.12 - “L’Inter è una squadra consapevole, non dovesse perdere darebbe un segnale importante. Anche perché nel girone di ritorno le partite contro le altre squadre importanti saranno tutte a Milano. A Torino l’Inter se la gioca”. Così a TuttoMercatoWeb Giuseppe Bergomi fa le carte alla partita...

A tu per tu

...con Carli 08.12 - “Il Napoli? Hanno tenuto in vita un sogno, ma quando hanno capito che dall’altra parte stavano 2-0 la testa non ce l’ha fatta. Era un’impresa, purtroppo la sconfitta in Ucraina ha pesato. Ma il Napoli è stato sfortunato anche con il sorteggio”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex dg dell’Empoli,...

A tu per tu

...con Budan 07.12 - “Il Milan con Gattuso, che conosco dai tempi di Palermo, avrà voglia di fare la prima vittoria. Che sia campionato o coppa, dopo il pareggio particolare di domenica scorsa, il Milan deve vincere. Il nuovo Milan ha bisogno di un grande lavorare da parte del suo allenatore e qualsiasi...

A tu per tu

...con Malesani 06.12 - “Il Napoli contro il Feyenoord? Formalità è una parola che per la Champions non va mai bene. Ma se il Napoli è concentrato e gioca ai suoi livelli può farcela”. Così a TuttoMercatoWeb Alberto Malesani fa le carte alla partita di questa sera tra il Napoli e il Feyenoord. Il Feyenoord...

A tu per tu

...con Modesto 05.12 - “Niente da chiedere? Si, ma la prepariamo come tutte le partite di Champions, siamo fuori da tutto ma dobbiamo onorare la maglia. E giocare contro la Juventus è sempre un grande stimolo”. A TuttoMercatoWeb parole firmate Francois Modesto, vecchia conoscenza del calcio italiano e oggi...

A tu per tu

...con Perinetti 04.12 - “Ci stiamo ritrovando, stiamo dando continuità. E anche il risultato in Coppa Italia dimostra che tutto il gruppo segue il mister”. Così a TuttoMercatoWeb il direttore generale del Genoa, Giorgio Perinetti in vista della partita di questa sera contro l’Hellas Verona. Stasera la...

A tu per tu

...con Canovi 03.12 - “La Lazio ultimamente m’è sembrata un po’ appannata, non che la Samp sia reduce da un risultato brillante ma in casa è favorita. Qualche settimana fa avrei visto favorita la Lazio...”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Dario Canovi. E la Samp? “In casa è temibile,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.