VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Lazaar

"Newcastle un sogno realizzato, qui per andare oltre i limiti. Fiorentina? Sì, ma ho scelto l'Inghilterra. Palermo, troppi cambi e tanta confusione: pagano i giocatori. Promozione e campionato di A, i miei ricordi in rosanero. E il futuro..."
14.09.2016 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 22479 volte

"Giocare in Inghilterra è sempre stato il mio sogno nel cassetto, è il campionato giusto per me". Parole firmate Achraf Lazaar in esclusiva a TuttoMercatoWeb. Gavetta importante a Varese, poi il Palermo dove Lazaar è diventato grande. In Sicilia troppi cambi, tante situazioni. E così la chiamata di Benitez, il Newcastle. Un'occasione irrinunciabile. "Avevamo delle offerte importanti, ma ricevere la chiamata di un allenatore importante come Benitez che mi ha parlato in maniera davvero umile è stato qualcosa di inaspettato e importante. Ha vinto tanto, è uno dei più forti al mondo. Non potevo che dire «sì, mister. Io ci sono»", continua Lazaar.

L'Inghilterra un altro mondo rispetto all'Italia.
"Ho visto le strutture, l'ambiente: è tutto diverso dall'Italia. C'è un'organizzazione incredibile, uno stadio bellissimo, i tifosi fantastici. Qui in serie B ci sono cinquantaduemila abbonati, una realtà fantastica. Mi hanno trattato benissimo fin dal primo giorno, qui ti senti giocatore al cento per cento. Qui si può crescere, se hai voglia cresci e arrivi dove neanche puoi immaginare. Niente limiti".

Poteva andare alla Fiorentina.
"Dovevo scegliere tra Fiorentina e Newcastle. La Fiorentina è un grande club, ma la mia testa e la mia famiglia mi hanno detto «Vai al Newcastle». L'Inghilterra è sempre stato il mio sogno, poi il Newcastle andrà in Premier League e ha tutto per diventare grande".

Palermo la sua palestra per diventare grande.
"La piazza è importante, il Palermo mi ha dato tanto e anche tolto. Mi ha dato grandissimi tifosi, persone straordinarie. Mi sono sentito davvero a casa, mi hanno amato e fatto crescere come giocatore. Però nell'ultimo periodo non mi sono sentito più Lazaar...".

In che senso scusi?
"C'era troppa confusione, tanti cambi di allenatore non fanno mai bene. Quando cambi tanti allenatori e tanti moduli ci rimettono i giocatori che poi devono ricominciare da capo e magari sono spaesati. L'anno scorso abbiamo dovuto assimilare nove idee differenti, non è stato facile. I tifosi erano delusi, noi che abbiamo vinto la B ci sentivamo male. A parte Dybala la squadra era sempre la stessa, non riuscivamo a darci una spiegazione su cosa stava succedendo. L'anno scorso la salvezza è stata un vero miracolo e di questo sono felice per la piazza. Palermo come piazza merita di stare tra le prime sette".

Quest'anno per la sua ex squadra si preannuncia un campionato di sofferenza.
"Mi auguro che non sia un campionato di sofferenza. Non voglio dire niente, anche per non portare sfortuna. Seguirò il campionato del Palermo, ho lasciato tanti amici come Morganella, Andelkovic, Aleesami con cui abbiamo parlato, poi Bouy che ho convinto ad andare a Palermo e gli altri ragazzi".

Il momento più bello in rosanero?
"La promozione in serie A, ma anche il campionato dopo la promozione perché l'anno del ritorno in A ho avvertito tanto entusiasmo e sono stato amato: ho fatto gol, un grande campionato".

Ok, si è innamorato dell'Inghilterra. Ma non la rivedremo più in Italia?
"Costruisco il mio futuro pensando al presente, non si sa cosa può succedere. Magari finirò la carriera al Newcastle o da un'altra parte. Oggi voglio dare tutto me stesso per il Newcastle, che ha creduto in me e me lo sta dimostrando, con i fatti e non con le parole".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....

A tu per tu

...con Colantuono 12.11 - “La sorpresa? La Lazio, ma non più di tanto. Sulla scia di quanto fatto l’anno scorso comunque mi aspettavo una squadra del genere. Chi costruisce la squadra - Tare e Lotito - difficilmente sbaglia. Guardate cosa hanno fatto i biancocelesti l’anno scorso...”. Parla così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Quaison 11.11 - Un’avventura positiva, tutta da continuare a vivere. Robin Quaison a gennaio dell’anno scorso ha sfiorato la Juventus. “Ma a queste cose non penso, se ne occupa il mio agente”, dice l’ex Palermo - oggi al Mainz - a TuttoMercatoWeb. Come procede al Mainz? “Sto imparando la lingua...

A tu per tu

...con Dahlin 10.11 - “Italia-Svezia? Una partita difficile, entrambe le squadre hanno possibilità di fare bene”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Martin Dahlin, ex attaccante della Roma, in vista della partita di questa sera. Chi parte con i favori del pronostico? “Beh. L’Italia ha grandi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.