HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Mantovani

"Grandi soddisfazioni e sogno il Milan"
16.12.2009 00:00 di Andrea Lolli   articolo letto 6384 volte
Fonte: Intervista realizzata da Raffaella Bon
© foto di Federico De Luca

Andrea Mantovani è uno dei pilastri di questo Chievo. A cercarlo sono diverse squadre, ma qui il difensore ci parla della sua vita a Verona e dei suoi sogni per il futuro.

Vi aspettavate di poter battere la Fiorentina?
"Storicamente non avevamo mai battuto la Fiorentina e comunque erano stati tutti risultati negativi tranne la prima partita di serie A del Chievo nel lontano 2002. E' stata una partita dove abbiamo fatto veramente bene e ci siamo tolti una grande soddisfazione oltre ad aver preso punti che ci allontana sempre di più dalla zona pericolosa".

Il giorno prima il Bari aveva battuto la Juventus, un'altra piccola favola come la vostra?
"Penso che Bari e Chievo stiano soprendendo tutti così come sta facendo il Parma, altra rivelazione dell'anno. Tutti sono risultati molto importanti, sia il Bari che ha battutto la Juve, ma anche la nostra vittoria. Abbiamo giocato una partita perfetta, sopratutto nel primo tempo abbiamo tenuto ritmi altissimi e grande qualità. Abbiamo messo sotto la Fiorentina che, nonostante sia passata in vantaggio, poi è stata schiacciata. Nel secondo tempo sono venuti fuori, hanno fatto emeregere la loro qualità, ma noi siamo stati bravi".

Pellissier ha detto che hai fatto una partita perfetta, tra l'altro contro una squadra che ti sta cercando
"Sì, per me era una partita importante, ma il mio obiettivo è fare bene con il Chievo. Sono osservato da dirigenti e società importanti, ma devo fare bene per noi e per la nostra classifca".

La classifica fa sognare?
"Noi siamo con i piedi per terra, il nostro obiettivo principale rimane la salvezza poi, conquistati 40 punti, è giusto guardare ad altro".

Questi sogni quindi ci sono?
"Fino a quando non raggiungiamo la quota 40 punti penseremo esclusivamente alla salvezza, anche perchè ci sono squadre che hanno fatto l'andata benissimo e alla fine si sono trovate a lottare per la salvezza. Una volta ottenuta la matematica penseremo ad altro".

Bari, Parma e Chievo sono agevolate dall'ambiente?
"Penso che a Bari ci siano pressioni, è una società con tanti tifosi, mentre penso che Chievo e Parma siano realtà diverse, con meno pressioni e si lavora con più serenità".

Come ti sei avvicinato al calcio?
"Ho iniziato a 5 anni con il Torino e ho fatto tutta la trafila fino all'esordio a 18 anni. La mia prima stagione fra i professionisti è stata qui, con otto presenze".

Tu hai vissuto anche il fallimento
"Io ho fatto la promozione con il Toro dalla B alla A, poi c'è stato il fallimento ed in estate, a quel punto, ero svincolato. Mi hanno preso a metà Chievo e Juventus e sono andato al Chievo l'anno dopo. Con calciopoli la Juventus è andata in B ed il Chievo ha comprato l'altra mia metà".

Che effetto fa essere della Juventus, anche solo sulla carta, essendo nato calcisticamente nel Torino?
"Ero giovane, avevo 20 anni, e per me era na grande occasione. Normale che si ambisca a grandi palcoscenici, ma poi dalla Juventus non sono neanche passato e sono finito al Chievo, una società importante che mi ha fatto crescere. Sono qui da cinque anni e mi ha regalato grandi soddisfazioni".

Ai tuoi tempi il settore giovanile del Torino era veramente importante
"Ai tempi in cui ero io ha sfornato signori giocatori come Marchetti, Quagliarella ed Acquafresca, poi con il fallimento sono andati persi a parametro zero. Una grande perdita per un settore giovanile importante come quello del Toro".

Il primo gol l'hai messo a segno con la maglia della Triestina
"Sì, l'ho fatto a Trieste ed è stata una grande emozione, un ricordo indimenticabile. Poi ne ho fatti tanti altri in questi anni, circa dodici tra campionato e coppa italia. E' un vizio che porta bene e anche quest'anno sono a quota due e speriamo di migliorare rispetto alla scorsa stagione".

Fra gli allenatori che hai avuto, chi ti ha dato di più e chi meno?
"Di più dico Di Carlo non perché ora è il mio allenatore, ma perché mi ha fatto crescere tanto in un ruolo che comunque avevo intrapreso solo da un anno con iachini e ho ancora tanti margini di miglioramento. Lui è il primo a dirlo. Chi mi ha dato meno può essere Pillon perché al primo anno al Chievo ho fatto solo quattro presenze. Di quell'annata ricordo solo la qualificazione alla Coppa Uefa".

Per quanto riguarda Pillon, ti aspettavi il gesto che ha fatto con la Reggina?
"Sicuramente è stato un gesto molto importante e di esempio, purtroppo gli è costato la sconfitta, ma credo che il fair play vada al di là del risultato sportivo".

Di fair play, proprio contro la Fiorentina, ne sapevate qualcosa anche voi
"Diciamo che quell'episodio ce lo siamo portati anche in campo domenica ed è stato un ulteriore motivazione a fare bene. In ogni caso sono attimi e quando si gioca è difficile prendere certe decisioni anche in pochi secondi".

Come sei dentro e fuori dal campo?
"Sono sposato con mia moglie da crica sei mesi ed abbiamo un bimbo bellisismo di un anno. Loro sono tutta la mia vita a 360 gradi. In campo è una situazione partciolare, una situazione paicevole, e si cerca di dare tutto ed uscire senza rimpianti. Cerco di dare tutto anche durante la settimana per raccoglierne i frutti anche la domenica".

Il tuo sogno è il Milan?
"Il Milan è sempre stata la squadra del mio cuore fin da piccolo, quindi normale che per me sarebbe un sogno, ma anche squadre come Inter e Juventus che sono l'elite del calcio".

La Nazionale?
"Ho fatto tutta la trafila, quindi è normale che anche questa sia nei miei sogni".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Ravanelli 11.12 - “Il Napoli dovrà cercare di fare la partita e non farsi sovrastare dal Liverpool. Servirà essere impeccabili, credo che sia nelle corde del Napoli sbancare Anfield. Gli azzurri potranno fare un brutto scherzetto al Liverpool”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex attaccante di - tra le altre...

A tu per tu

...con A.Canovi 10.12 - “Ibrahimovic al Milan, sarebbe un’operazione simile a quella che la società rossonera ha già fatto con Beckham. Malgrado le complicazioni delle ultime ore, non sarebbe male la coppia Ibra-Higuain”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Alessandro Canovi. Nome altisonante,...

A tu per tu

...con Novellino 09.12 - “Milan-Torino? Sono legato, ovviamente, ai granata. Ma io tifo Gattuso”. Così a TuttoMercatoWeb il doppio ex di Milan-Torino, Walter Novellino. “Ho grande affetto per il Toro. Però - continua Novellino - sono contento per Gattuso, il Milan sta dimostrando tutto il suo valore”. I...

A tu per tu

...con Materazzi 08.12 - “Quando tuona alla fine piove...”. Così a TuttoMercatoWeb l’agente del portiere del Genoa Federico Marchetti, Matteo Materazzi a proposito del cambio di allenatore in casa rossoblu. Il Genoa è ripartito da Prandelli. Come lo vede? “Non lo so, perché non è facile. Nessuno mette...

A tu per tu

...con Moggi 07.12 - “Oggi si gioca la partita tra le migliori squadre del campionato insieme al Napoli. È una partita interessante, difficile perché l’Inter cercherà di adottare una strategia difensiva. Il risultato, per la Juve, non è scontato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex direttore generale della Juventus,...

A tu per tu

...con Fares 06.12 - “Non dimentichiamo che siamo partiti con un -8. Possiamo dare di più, l’inizio dell’anno non è stato positivo per le note vicende, ma siamo convinti poter fare bene”. Così a TuttoMercatoWeb il presidente del Foggia, Lucio Fares. Mercato: che farete? “Valuteremo con calma, non...

A tu per tu

...con Caravello 05.12 - “A gennaio assisteremo ad un mercato dove farà qualcosa il Milan perché ha avuto infortuni e per rimanere competitivo dovrà intervenire. Si muoverà anche la Roma”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Danilo Caravello. Il Milan punta a riabbracciare Ibra. “Se ne parla....

A tu per tu

...con Antonelli 04.12 - “A gennaio mi aspetto interventi dalla Roma e poco dalla Juve. L’Inter invece non penso possa fare un colpo a sorpresa, mentre potrebbe fare due-tre cose in entrata il Milan”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Stefano Antonelli. Il campionato della Roma è assai altalenante. “La...

A tu per tu

...con Angeloni 03.12 - “Da quando è arrivato Zenga il bilancio è positivo, ha portato una mentalità che la squadra ha recepito. Il mister, come ha detto anche Calori in una recente intervista, è un allenatore prestato alla serie B”. Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Venezia, Valentino Angeloni....

A tu per tu

...con Moriero 02.12 - “Roma e Inter? Entrambe vengono da due sconfitte in Coppa. L’Inter è avvantaggiata, la Roma ha tanti infortunati. Di Francesco ha una serie di difficoltà, si sapeva che per la Roma potessero esserci dei momenti poco felici... si mette in discussione l’allenatore ma mi sembra esagerato”....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->