HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Morganella

“Palermo, momenti indimenticabili: dal gol alla prima volta di mio figlio al Barbera. Tedino? Pensavo restasse Stellone. Futuro, vorrei Inghilterra o Germania. Mondiale, la Francia ha meritato. Fuori le altre big? Gruppo fondamentale”
28.07.2018 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 21242 volte
© foto di Federico De Luca

Quasi dieci anni al Palermo. Tanti, troppi per essere dimenticati in fretta. Michel Morganella ha lasciato i rosanero dopo la scadenza del contratto. E ora è pronto a ripartire. “Ho fatto tre settimane di preparazione con il medico del Palermo, il Dottor Puleo, con cui c’è un grande rapporto di amicizia. Poi lui è dovuto andare in ritiro con il Palermo. Mi sono fatto dare dei programmi specifici, tutti i giorni faccio qualcosa per tenermi in forma”, dice Morganella a TuttoMercatoWeb.

Ha lasciato il Palermo per la scadenza del contratto. Che peccato quell’infortunio...
“Si. Un peccato aver lasciato il Palermo nel modo in cui l’ho fatto io. Mi sarebbe piaciuto andare almeno in panchina all’ultima di campionato. Ma fa parte del calcio. Peccato per la mancata promozione, davvero. In casa contro il Frosinone avevamo vinto, poi fuori casa sono successe un po’ di cose che non c’entrano niente con il calcio”.

C’è stato un momento in cui avrebbe potuto rinnovare?
“Prima dall’infortunio si parlava di rinnovo. Poi la società non mi ha più detto nulla. Evidentemente non hanno voluto rinnovare. Mi sono goduto le ultime settimane a Palermo, la mia seconda casa. Ma fa parte del calcio”.

Il suo momento più bello in rosanero?
“Tanti. Davvero. Dalla promozione con Iachini al gol, passando per i tempi in cui c’erano Cavani, Miccoli, Ilicic. Ci sarebbe da scrivere un libro. Ricordo come se fosse ieri il derby contro il Catania quando abbiamo vinto e ho fatto l’assist a Miccoli. Un altro ricordo bellissimo è la prima volta di mio figlio allo stadio. Momenti indelebili”.

Ha visto passare tanti allenatori...
“Sicuramente un cambio non rende le cose facili. Per ogni allenatore che arriva c’è un nuovo stile di gioco. Però fa parte della vita di un calciatore. Non ho avuto problemi con nessuno. Magari qualcuno mi vedeva e qualcun altro no”.

Che Palermo vede il prossimo anno?
“Da quello che leggo i più anziani andranno via. Penso che il Palermo voglia fare una squadra giovane. Ma ha le qualità per tornare in serie A. Però è fondamentale essere un gruppo”.

Ora si riparte da Tedino...
“Pensavo rimanesse Stellone. Perché è stato poco e abbiamo fatto bene. Sono due allenatori diversi, ma ho grande stima di entrambi. Spero che il Palermo torni in Serie A”.

Un messaggio per i suoi ex tifosi?
“Solo grazie. Perché mi hanno fatto diventare importante. Non tanto da calciatore, ma come uomo. Quelli che mi conoscono sanno come sono fatto. A Palermo ho vissuto momenti importanti”.

Attualmente è svincolato. Dove si vede la prossima stagione?
“Vorrei fare un’esperienza in Inghilterra o in Germania. In Italia sono stato benissimo, ma mi piacerebbe cambiare per vedere un po’ gli altri paesi. L’Italia però mi piace tantissimo. Vedremo...”

Anche per riconquistare la Nazionale...
“Oggi la mia priorità è tornare a giocare. Poi se farò bene ci sarà la possibilità di tornare in Nazionale”?

Ha visto il Mondiale?
“Ho visto alcune partite. Speravo in una finale Belgio-Francia. Il Belgio è un’ottima squadra. Comunque giusto che abbia vinto la Francia. La differenza in una competizione del genere non la fa il singolo, ma il gruppo. E probabilmente le grandi squadre che sono state eliminate non avevano un vero e proprio gruppo”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Meluso 23.03 - “Per avanzare bisogna vincere o pareggiare, che non è semplice. L’Ascoli viene da una serie positiva di risultati. Da qui alla fine le partite sono tutte importanti. Ci servono pazienza e forza interiore perché ora i punti pesano di più”. Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo...

A tu per tu

...con De Biasi 22.03 - “La Juve gioca un campionato a parte, mentre il Napoli si sta confermando per il secondo posto anche se ha fatto meno punti rispetto allo scorso anno. Ma è normale”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex allenatore della Nazionale Albanese, Gianni De Biasi. A mercato chiuso il Napoli ha...

A tu per tu

...con Ferrari 21.03 - “Con il vantaggio cronico della Juventus la Serie A ha perso interesse. L’unica cosa divertente è la lotta per terzo e quarto posto, tra quelle in lizza non c’è una squadra con regolarità. E diventa interessante anche la lotta salvezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’agente Fabrizio Ferrari. A...

A tu per tu

...con Nappi 20.03 - “Per il Napoli è ancora una stagione molto positiva dopo quelle con Sarri , consolidare la qualificazione in Champion’s ancora fortifica l’azienda e le strategie danno risultati . Sarebbe il massimo vincere l’Europa League”. Così a TuttoMercatoWeb Diego Nappi, agente - tra gli altri...

A tu per tu

...con Sorrentino 19.03 - “Quando parti con l’idea di ricevere una penalizzazione di quindici punti e poi passi comunque a -3 non è facile. Abbiamo cambiato tre allenatori in pochi mesi, il Chievo solitamente li cambia in cinque anni... però finché c’è, la speranza è l’ultima a morire”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Moriero 18.03 - “Sulla Roma il discorso parte da lontano, Di Francesco ha avuto una squadra molto giovane: ha valorizzato Zaniolo, ci sono stati alti e bassi. Ranieri però porta serenità e tranquillità, conosce l’ambiente”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex centrocampista giallorosso, Francesco Moriero. Da...

A tu per tu

...con Antonini 17.03 - “Il Milan arriva in una condizione psicologica migliore perché se guardiamo i risultati ottenuti nelle ultime partite il trend è positivo. Mentre l’Inter sta vivendo un brutto momento. Ma il derby è una partita a se e non c’entra niente la parte psicologica o altre situazioni”. Così...

A tu per tu

...con Berti 16.03 - “I portieri migliori? Fin qui Donnarumma mi è piaciuto molto, è cresciuto tanto. Oltre lui ci sono tanti altri profili come Sirigu, Audero e Cragno”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex portiere di - tra le altre - Fiorentina e Palermo, Gianluca Berti. A proposito di Sirigu. Stasera c’è...

A tu per tu

...con Lupo 15.03 - Continua il caso Icardi all’Inter. “Come in tutte le situazioni in cui c’è una rottura è evidente che non si possa imputare la responsabilità a una sola delle parti. Ora però è il momento di ripartire per trovare la via del dialogo: l’Inter ha bisogno di Icardi e lo dimostrano i numeri...

A tu per tu

...con Zavaglia 14.03 - “La Roma? Bisogna capire se questa società vuole italianizzarsi o no. Con l’esonero di Di Francesco non si vanno a risolvere tutti i problemi, sono stati fatti degli errori in estate spendendo qualche milione di troppo”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Franco Zavaglia. Monchi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510