VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
A tu per tu

...con Pasqualin

"Mercato importante, ma prezzi troppo alti. Complimenti a Raiola. Wanda Nara agente, non è colpa sua... Milan e Inter ai cinesi, ma quale entusiasmo! Cascio e il Palermo, se c'è una faccia ok..."
17.08.2016 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 18526 volte
© foto di Federico De Luca

"È stato fin qui un mercato importante, con prezzi che hanno acceso la fantasia e in realtà forse sono esorbitanti per il valore intrinseco dei calciatori". Così a TuttoMercatoWeb l'avvocato Claudio Pasqualin sulla finestra di mercato che si chiuderà il 31 agosto.

Si spieghi meglio avvocato...
"Difficile considerare che Pogba valga cento milioni o giù di lì. Questo è l'effetto trascinante verso l'alto per le trattative successive".

In tutto questo ci ha guadagnato Mino Raiola.
"Complimenti a lui, un professionista molto attento, esperto e abile che altro non ha fatto che ottimizzare una situazione creata da lui stesso. Lo ha portato alla Juve, ha previsto la percentuale sulla futura vendita e lo ha rivenduto al Manchester United. Cosa gli si può dire? Se tutto è fatto nel rispetto delle regole, chapeau".

Un po' meno professionale Wanda Nara con il caso Icardi?
"L'ultima colpevole di questa situazione è lei. Wanda Nara s'inserisce in un vuoto assoluto normativo suggerito dalla follia dei nostri dirigenti. L'idea madre è partita da Blatter, ma poi i vari dirigenti ci hanno messo del loro per peggiorare ancora di più le cose. Non s'è trattato di una liberalizzazione aprendo le porte a tutti, ma di una clamorosa dequalificazione che è il trionfo della competenza autocertificata su modulo prestampato. Adesso basta dire che sei bravo e fai il procuratore, non conta il titolo di studio e più nulla. S'è dequalificata una professione senza tenere conto delle particolari esigenze del mondo del calcio. Non penso che ai dirigenti stia bene parlare con persone che vengono da altre esperienze fuori dal calcio, ma è consentito...".

Intanto in Italia arrivano gli investitori stranieri. Dai cinesi al Milan e all'Inter, a Frank Cascio che vuole il Palermo.
"Mi preoccupano le motivazioni".

In che senso?
"Se il calcio interessa unicamente per il business, come nel caso di Inter e Milan, sono preoccupato. Vedere il Diavolo che si trasforma in dragone magari di carta pesta mi angoscia. Si sa come sta andando il mondo, ci sono compagnie che investono per affermare il proprio nome, al di là delle vittorie e le sconfitte. A loro interessa che circoli il nome, il marchio della Nazione. Ma bisogna vedere quanto queste esigenze coincidono con quelle dei tifosi. Per me il tifo è la difesa dei valori domestici, dell'appartenenza della propria comunità. Ora che a capo della comunità del Milan e dell'Inter ci sono due con gli occhi a mandorla con tante cose da chiarire, non so quanto sia bello. L'unico orientale che abbiamo conosciuto è Thohir, che scappa col bottino perché ha fatto il colpo. Perplessità e scetticismo permangono, non c'è entusiasmo nel vedere che il Milan e l'Inter sono in mano ai cinesi. Poi per quanto riguarda il Palermo, ogni storia è propria: gli imprenditori con una faccia ben chiara ben vengano. Per esempio a Bologna è arrivato Saputo, che ha patrimonio e potenza per mantenere una società di calcio. Ecco, se c'è un faccia e un nome ben venga l'investimento straniero: almeno sai con chi prendertela".

Nessun entusiasmo quindi per gli investimenti stranieri...
"No, perché sono il segno del fallimento e del decadimento del nostro calcio".

Mercato: chi sarà ancora protagonista?
"Ormai si avvia verso la chiusura. Ma credo a qualche botto del Napoli e penso che anche l'Inter farà qualcosa. Non mi aspetto molto invece dal Milan, almeno non ai livelli che i tifosi si augurano".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Marchetti 20.10 - Una partita da dimenticare. Anche se “brucia ancora”, ammette a TuttoMercatoWeb il ds del Cittadella a proposito della sconfitta contro la Cremonese. E stasera il Bari... “Noi andiamo a Bari consapevoli di affrontare una squadra tra le più forti del campionato, ma abbiamo tanta...
Telegram

A tu per tu

...con Salerno 19.10 - Il Cagliari riabbraccia Diego Lopez. Capitano e anima della squadra per anni, poi allenatore. E ora Diego torna a casa. “Conosce l’ambiente, è stato capitano e allenatore del Cagliari. Può fare bene”, dice a TuttoMercatoWeb il ds che in Sardegna ha conquistato risultati importanti...

A tu per tu

...con Bojinov 18.10 - Obiettivo dimenticare la Lazio. La Juve all’esame Sporting Lisbona. “Ho giocato da entrambe le parti, il cuore mi dice di tifare per il pareggio”, dice il doppio ex Valeri Bojinov a TuttoMercatoWeb. Diplomazia a parte, per chi tifa? “Non posso sputare nel piatto dove ho mangiato,...

A tu per tu

...con Ursino 17.10 - Momento felice per il Crotone di Davide Nicola, costruito in maniera attenta e lungimirante dal ds Giuseppe Ursino. “Il merito è di tutti, della squadra e dell’allenatore. Quando la squadra ha acquisito la stessa mentalità del girone di ritorno dello scorso anno ha cominciato a girare....

A tu per tu

...con Martorelli 16.10 - Verona-Benevento, chi perde può cambiare allenatore. “Mi auguro sempre che le società mantengano ciò che avevano prefissato. Non sono per i cambi dopo poche partite però mi rendo conto guardando la realtà che se vengono a mancare certi risultati magari qualcosa diventa necessario...

A tu per tu

...con Sforza 15.10 - La settimana delle panchine bollenti. E del derby di Milano. “Io di derby non ne ho perso neanche uno”, ricorda a TuttoMercatoWeb orgoglioso l’ex centrocampista dell’Inter - che oggi fa l’allenatore - Ciriaco Sforza. E stasera come la vede? “Il derby è derby, nessuno vuole perderlo....

A tu per tu

...con Perinetti 14.10 - Una nuova sfida professionale per Giorgio Perinetti. Il Direttore dopo aver fatto grande il Venezia riparte dal Genoa a stagione in corso. E parla a TuttoMercatoWeb. Perinetti, come è nata la trattativa? “Attraverso una telefonata di Preziosi, mi ha chiesto la disponibilità e...

A tu per tu

...con Acquafresca 13.10 - “È una buona esperienza, ero partito bene poi un infortunio mi ha frenato un po’. Ma sono in via di ripresa”. A TuttoMercatoWeb parole firmate Robert Acquafresca, ex attaccante di - tra le altre - Cagliari e Bologna, oggi al Sion. Perché la Svizzera? “Avevo voglia di riprovare...

A tu per tu

...con Rinaudo 12.10 - Il Venezia coltiva i suoi talenti. L'ultimo in ordine di tempo è Leandro Rinaudo. Un periodo di apprendistato all'ombra di Giorgio Perinetti, ora che il maestroè tornato in serie A, al Genoa, per l'allievouna grande occasione: la poltrona del Venezia. Sarà infatti Rinaudo ad occuparsi...

A tu per tu

...con Vigorito 11.10 - "Abbiamo recuperato gran parte della rosa e sulle ali della buona prestazione contro l'Inter siamo convinti che la nostra scalata comincerà contro il Verona". Parla cosi a TuttoMercatoWeb il presidente del Benevento, Oreste Vigorito, che carica l'ambiente in vista della prossima partita...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.