VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
A tu per tu

...con Perinetti

"Diciannove anni alla Roma, impossibile dimenticare. Contro la Juve partita di tradizione. Quel match con il primo sponsor... Destro-Milan ok. Io vicino al Parma di Taci, situazione tragica. Pronto a ripartire, contano i risultati..."
02.03.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 19100 volte
© foto di Vincenzo Blandino

"Ho passato diciannove anni nella Roma: un periodo così lungo non si dimentica". Così a TuttoMercatoWeb in vista della partita di stasera tra Roma e Juventus, il dirigente doppio ex, Giorgio Perinetti che si concede per una panoramica sul posticipo di serie A, con un retroscena sulla situazione professionale: è stato vicino al Parma durante l'interregno Rezart Taci.

Roma-Juventus, una partita sempre entusiasmante.
"Una partita che ha una certa tradizione. Dai tempi di Viola e Boniperti ai più recenti. È l'antagonismo classico in serie A, poi comunque parliamo sempre della prima contro la seconda. La Juve superando questo ostacolo può mettersi tranquilla e pensare all'Europa. La Roma ha una certa rivalsa per la partita d'andata e vincendo riaprirebbe il discorso legato al campionato".

Quella che ricorda in maniera più positiva?
"Ne abbiamo giocate tantissimo. Ricordo che la Roma debuttò con la prima sponsorizzazione targata Puchin. Nel tunnel i giocatori della Juventus guardarono la maglia sarcasticamente. Ricordo Causio incuriosito, quasi a prendere in giro i nostri giocatori per la maglia. Ma vincemmo 1-0".

Intanto Sabatini è stato un po' autocritico sul suo operato durante il mercato.
"Sabatini sorprende un po' sempre nelle sue conferenze. Probabilmente la Roma aveva bisogno di giocatori che andassero a migliorare le cose. Un conto è prenderli a inizio gennaio e un altro a fine gennaio. È stato onesto".

Il Milan invece ha puntato su Mattia Destro, che con lei ha mosso i primi passi a Siena.
"Ha fatto bene ad andare al Milan. A Roma la situazione ambientale non gli era favorevole. È un giocatore importante. Il calcio sta ricoprendo il ruolo del fantastista, sembrava che dovesse scomparire. Mi auguro che non sparisca il centravanti con la storia del falso nueve. Sacrifichiamo tutto sull'ordine della tattica, quando bisognerebbe essere meno tattici e più propositivi. La tattica spesso viene confusa con la negazione del gioco altrui".

Indietro di qualche mese: davvero stava per andare al Parma?
"Mi era stata chiesta la disponibilità per un'eventuale collaborazione, poi le cose sono andate in maniera diversa. Taci mi aveva chiesto la disponibilità. Ma visto come è finita, nessun rimpianto. La situazione del Parma è tragica, il sistema calcio deve difendersi da questo tipo di situazioni. Bisogna mettere regole ferree che sistemino le cose. Parliamo di una situazione tragica che non tiene conto dei dipendenti con famiglie in grandissima difficoltà, i calciatori non vengono pagati e ci si dimentica della gente: quando viene meno la passione tradisci qualcosa che fai fatica a recuperare".

In serie B faticano, parecchio, squadre come il Catania.
"La serie B è sempre particolare. Sono venute meno alcune favorite d'estate dichiarate come Bari e Catania, ma c'è tempo per recuperare con un finale di stagione importante. E poi sono venute fuori realtà come il Carpi, l'Avellino o il Vicenza che è la vera sorpresa grazie al grande lavoro di Marino".

E il Carpi riuscirà a mantenere la prima posizione?
"Non è facile. Deve augurarsi di recuperare in fretta Mbakogu".

Direttore, pronto a ripartire?
"Sempre pronto. È stata un'annata particolare per me a livello personale, tra le promesse e le premesse non immaginavo di lasciare Palermo. Guardiamo avanti, spero di poter fare ancora qualcosa nel calcio per quanto riguarda i club. Diversamente valuterò formule alternative che mi facciano partecipare al mondo calcistico".

Come per esempio un fondo di investimento.
"Sì, ma la mia vita è sempre stata legata ai club. Si dice che per lavorare contano i risultati. Io penso di aver fatto solo risultati, non so cosa manchi...".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Gasparin 25.06 - Gigio Donnarumma e il Milan, trattativa in corso per il rinnovo. "Sono dalla parte del Milan, anche se ci sono delle situazioni delicate e difficili. Il potere contrattuale del calciatore è molto forte, poi c'è Mino Raiola che è un ostacolo di quelli difficili da scalare. Gigio Donnarumma...
Telegram

A tu per tu

...con Salvatori 24.06 - "Sarà un mercato in cui si metteranno tutte in competizione per contrastare la corazzata Juventus, Roma e Napoli saranno competitive. Chi ha più da lavorare sono le milanesi". Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo Fabrizio Salvatori, ex tra le altre di Trapani, Bologna e Torino....

A tu per tu

...con Tami 23.06 - Un'eredità pesante - quella di Tramezzani - e il mercato che si accende. Il Lugano riparte da Pier Tami. "La squadra ha smesso da poco, la pausa è stata breve. Stiamo lavorando per completare la rosa, il tempo stringe e quindi dobbiamo fare in fretta", dice il nuovo allenatore della...

A tu per tu

...con Sannino 22.06 - "Donnarumma e il mancato rinnovo con il Milan?Un ragazzo cresciuto nel Milan, di diciotto anni, non doveva neanche pensarci. Doveva restare e basta. Ma nessuno crede più al cuore e alla maglia, avendo un agente importante come Raiola è normale che lo stesso procuratore faccia gli...

A tu per tu

...con Novellino 21.06 - "La società si sta muovendo bene, ma siamo ancora sulle verifiche. Sicuramente c'è la volontà di fare bene". Così a TuttoMercatoWeb l'allenatore dell'Avellino, Walter Novellino. Obiettivi per il prossimo anno? "Vogliamo soffrire meno dell'anno scorso. Poi strada facendo...

A tu per tu

...con Capozucca 20.06 - "Fin qui è stato protagonista il Milan, in maniera inaspettata. Mirabelli si è ben districato. Il problema Donnarumma fa passare in secondo piano tutto quello che è stato fatto, ma se valutiamo tutto il Milan ha fatto un ottimo mercato". Così a TuttoMercatoWeb l'ex ds del Cagliari,...

A tu per tu

...con Colomba 19.06 - "Donnarumma e il caso scoppiato al Milan? Secondo me l'errore è stato commesso in passato: quando si ha un legno grezzo non bisogna arrivare all'ultimo. Si sa benissimo come vanno le cose al giorno d'oggi, le bandiere non esistono più. La festa di Totti è la prova che la gente ha...

A tu per tu

...con Antonini 18.06 - Tiene banco il caso Donnarumma. "Io avrei firmato in bianco, il mio approccio è diverso. Il mio procuratore avrebbe potuto dirmi qualunque cosa, ma io avrei firmato. Stiamo parlando del Milan", dice a TuttoMercatoWeb l'ex difensore rossonero Luca Antonini. Critiche e tanto...

A tu per tu

...con Marino 17.06 - Caso Donnarumma al Milan. Nessuna voglia di rinnovare, un futuro tutto da scrivere. "Me l'aspettavo, il proprietario del cartellino è Donnarumma mica il Milan: quando arrivi ad un anno della scadenza, che poi sono sei mesi perché a gennaio puoi firmare per un'altra squadra, sei praticamente...

A tu per tu

...con Di Carlo 16.06 - "È stata un'esperienza positiva, centonove punti in un anno e mezzo non sono bastati per arrivare al sogno serie A. Ma il lavoro svolto è stato positivo". Così a TuttoMercatoWeb Domenico Di Carlo sulla sua esperienza allo Spezia che si è da poco conclusa ufficialmente. Rimane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.