HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Pomini

“Palermo, dagli inglesi in poi il declino: Arkus come loro, zero garanzie. Ero pronto al peggio. Spezia e Venezia? In rosanero sono rinato, pronto per altre sfide. Brignoli e Alastra due certezze”
09.07.2019 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 12233 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Alberto Pomini uomo spogliatoio, portiere di sicuro affidamento e punto di riferimento per i compagni di squadra nella delicata situazione che ha vissuto il Palermo. Palermo che viaggia verso il baratro delle categorie inferiori. Questione di qualche giorno e poi sarà ufficiale. Il portiere, svincolato dopo la scadenza del contratto con i rosanero, in attesa di ripartire (ci pensa il Venezia e lo Spezia studia la situazione) a TuttoMercatoWeb racconta i giorni da incubo vissuti in rosanero.

Pomini, che è successo al Palermo?
“Non lo so, davvero... non so darmi una spiegazione. Non ho idea di cosa si sia messo in moto. Che la nuova proprietà non desse garanzie era la sensazione di tanti. Però dopo tutto il caos del ricorso un minimo di illusione, qualche certezza in più, c’era. Ero convinto che almeno l’iscrizione sarebbe avvenuta. Anche se immagino che anche se ci fossimo iscritti durante l’anno ci sarebbe stato da soffrire”.

Prima di Arkus Network gli inglesi a cui Foschi aveva strappato la società dalle mani cercando di farla tornare a galla. Le sue impressioni?
“Beh, sugli inglesi la mia impressione era praticamente uguale a quella su Arkus... Foschi invece ci ha messo l’anima, così come Mirri che ha messo i soldi per davvero al contrario di altri. A febbraio e marzo ci hanno pagato ma già li c’era qualche sentore. La parabola discendente è partita proprio con gli inglesi. Da dentro puoi avere la sensazione se l’interlocutore è credibile o no. Vivevamo da novembre nell’incertezza. Gli interlocutori ci dicevano cose che non corrispondevano ai fatti. A stagione in corso però per non condizionare l’andamento dovevi dire che tutto andava bene, anche se magari immaginavi”.

In due anni ne ha viste davvero tante...
“Non ci è mancato nulla, davvero. Con Rispoli qualche settimana prima che accadesse quello che è accaduto abbiamo fatto una battuta del tipo ‘dopo tutto sto casino vedi se non ci iscriviamo’. E alla fine, sembra incredibile, non ci siamo iscritti per davvero”.

Lei a Palermo è stato apprezzato anche fuori dal campo.
”Palermo mi ha fatto rinascere, essere apprezzato fuori dal campo fa piacere. Vuol dire che al di là del rettangolo di gioco qualcosa lasci. Sono contento”.

Il Palermo non vi ha ancora pagato gli stipendi. Lucchesi in qualità di direttore generale che garanzie vi aveva dato?
“Nessuna. Perché nei giorni attorno al 21-22-23 giugno quando vedevamo che non c’erano garanzie ho cercato di insistere per avere le contabili dei bonifici ma a parte qualche parola a vanvera non ci hanno dato prove. Il 24 le contabili non si vedevano, il 25 neppure... e quindi la situazione era palese”.

E pensare che stava per rinnovare il contratto...
“Ero anche abbastanza avanti. Avevo praticamente fatto. Avrei voluto continuare con il Palermo...”.

Lei per i compagni, in qualità di rappresentante dell’AIC era anche un riferimento. Come ha provato a spiegare la vicenda ai più giovani e agli stranieri?
“Non era semplice neanche per me da capire... l’unica cosa è che ti preparavi al peggio. Essere preparati al peggio, che poi è avvenuto, ci ha fatto trovare più pronti”.

Gli altri due portieri del Palermo: Brignoli andrà all’Empoli, il 97 Alastra può essere l’investimento per il futuro.
“Per la Serie B Brignoli è una garanzia, chi vuole vincere il campionato sa che può contare su di lui. Fabrizio ha grandi potenzialità, spero trovi in fretta anche lui e che possa dimostrare tutte le sue qualità: è forte, si farà valere e mi auguro possa esplodere perché ha sempre lavorato al massimo e ha qualità importanti. Brignoli è una garanzia per il presente, Alastra per il futuro”.

E lei, Spezia o Venezia nel futuro?
“Finché non firmi nel calcio non c’è niente di concreto. Spero di trovare squadra il prima possibile. Il campo è la cosa che può togliere tutte le amarezze. Che sia Spezia o Venezia accetterò con entusiasmo. Non vedo l’ora di ricominciare”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Liverani 20.10 - “Non possiamo sapere quale sarà l’idea del Milan con il nuovo allenatore, probabilmente cambierà lo spirito e i rossoneri avranno voglia di partire forte. Dovremo essere bravi”. Così a TuttoMercatoWeb l’allenatore del Lecce, Fabio Liverani, in vista della partita di stasera dei giallorossi...

A tu per tu

...con Petkovic 19.10 - “Quest’anno la Serie A è più entusiasmante, occhio all’Inter: si è inserita nella corsa con Juve e Napoli, può fare bene”. A TuttoMercatoWeb parole firmate Vladimir Petkovic, commissario tecnico della Nazionale Svizzera. Juve sempre favorita? “Vincere aiuta a vincere. La Juve...

A tu per tu

...con Lazaar 18.10 - “Nella vita bisogna fare delle scelte, quelle giuste”. Idee chiare, tanta voglia di far bene e tornare alla ribalta. Achraf Lazaar sa quello che vuole e ha scelto Cosenza per rimettersi in discussione. L’esterno marocchino si racconta a TuttoMercatoWeb. Lazaar, dal campionato inglese...

A tu per tu

...con Acquafresca 17.10 - “Ho avuto una possibilità importante in Arabia Saudita poi per via delle tempistiche e della complessità dei visti non se n’è fatto più nulla, ho preferito rimanere in Italia”. A TuttoMercatoWeb parla Robert Acquafresca. L’ex attaccante del Cagliari, fresco di addio al Sion, scalpita...

A tu per tu

...con Accardi 16.10 - “Cristiano Ronaldo e i 700 gol? Un bel traguardo, ma i numeri dicono che in Italia non rende come ha reso in Inghilterra e in Spagna”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Beppe Accardi. Cristiano Ronaldo segna. Ma lei non cambia idea... “No. Mica ha fatto più di trentasei...

A tu per tu

...con Joao Santos 15.10 - “Da quella partita contro la Svezia che non ha permesso all’Italia di andare al Mondiale ad oggi, Jorginho si è calato nella realtà della Nazionale e con Mancini c’è un grande feeling”. Così a TuttoMercatoWeb l’agente del centrocampista del Chelsea e della Nazionale Italiana Jorginho,...

A tu per tu

...con Marchetti 14.10 - “Dovevamo assorbire il trauma dell’anno scorso. Quella finale contro il Verona ci ha fatto soffrire, non era facile smaltire l’essere arrivati a venti minuti dalla Serie A. In più giocare due partite con il mercato aperto non è stato positivo. Ma ora il Cittadella ha ritrovato i suoi...

A tu per tu

...con Giaretta 13.10 - “L’allenatore ha dato le dimissioni, noi non lo avremmo cambiato. Andiamo avanti con il suo assistente, in futuro potrà essere un buonissimo allenatore. È la soluzione ideale”. Così a TuttoMercatoWeb il ds del Cska Sofia, Cristiano Giaretta. Aveva contattato Cosmi? “No. Mai chiamato...

A tu per tu

...con Dellas 12.10 - “L’allenatore ha deciso di stravolgere la squadra, non si sa come si presenterà. Non ci sono più speranze di andare avanti nella competizione e quindi il Ct vorrà provare delle novità”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex difensore della Roma, Traïanos Dellas sulla nazionale greca, che questa...

A tu per tu

...con Stellone 11.10 - “I cambi in panchina? Ormai siamo abituati, in Italia dopo sei partite se non arrivano i risultati vieni messo sulla graticola. Non è giusto, ma è così. Bisognerebbe dare tempo, soprattutto quando c’è un allenatore nuovo”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone. Il Milan ha esonerato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510