HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Serse Cosmi

Intervista realizzata da Raffaella Bon
10.09.2009 00:00 di Andrea Lolli   articolo letto 14697 volte
© foto di Federico de Luca

Serse Cosmi è uno degli allenatori italiani più famosi e preparati, ma è anche vero che è costretto ad attendere una chiamata da qualche squadra poichè reduce dall'esonero di Brescia. In questa intervista ci parla della situazione degli allenatori in Italia e di alcuni suoi ex giocatori.

Le dispiace essere ancora fuori?
"Chiaro che mi dispiace, è il mio lavoro, ma al di là di questo è anche quello che mi piace fare. Sinceramente le uniche offerte le ho avute dall'estero, ma sento di poter ancora far qualcosa in Italia e non ho accettato. Se la situazione, però, dovesse rimanere così fino alla fine dell'anno prenderò in considerazione anche l'ipotesi di andare all'estero, ma per il momento vorrei allenare in Italia".

Cosa ne pensa del fatto che quest'anno ci siano tanti allenatori emergenti e tanti allenatori esperti, come lei Cagni e Mazzarri, sono a casa?
"Il ricambio c'è sempre stato ed è anche naturale e giusto. La sensazione è che quest'anno si sia esagerato. E' normale cambiare e dare possibilità a giovani di esprimersi, ma vedere così tanti emergenti in A e B fa pensare non a una moda, ma ad una scelta drastica dei club. Credo che ci saranno giovani che faranno bene, ma per altri questa scelta sarà controproducente perché non si possono esprimere ad alti livelli senza la necessaria gavetta".

Ad esempio Leonardo al Milan?
"Non è questione di Leonardo, Milan, ma anche Juve, sono tra le massime espressioni del calcio italiano e comunque hanno in panchina gente di sport, che viene dai campi. La sensazione è che tutti vogliano andare dietro a quanto fatto dal Barcellona con Guardiola. Là, però, è una situazione diversa: lui allenava già da due anni ed esprime valori a prescindere dal ruolo di allenatore".

Che campionato si aspetta?
"Mi aspetto un campionato più avvincente, in questi ultimi anni c'è stato il predominio dell'Inter, ora invece credo che la Juventus possa essere la giusta antagonista. Credo che la Juve di quest'anno si sia rafforzata molto bene ed abbia accorciato la differenza con l'Inter. A questo punto ci sarà suspence fino alla fine".

Si aspettava le dimissioni di Spalletti?
"Difficile commentare da fuori, si corre il rischio di dire stupidaggini. Per me rimane il fatto che ha lavorato benissimo a Roma, ha dato sostanza lottando per lo Scudetto ed ha ottenuto risultati tramite il gioco. Non è facile farlo in una grande squadra, ma forse si è concluso un ciclo e noi italiani siamo buoni, anche in questo caso, di rovinare rapporti straordinari".

Savio alla Fiorentina come potrà fare?
"Non lo so, è un ragazzo con enormi qualità, ma deve avere la possibilità e deve essere bravo lui a poterle esprimere. Al West Ham c'era la sensazione che potesse diventare protagonista, poi ha avuto difficoltà. Ha vent'anni, è capitato nella società ideale che crede nei giovani ed un allenatore che valorizza i giovani e molto dipenderà da lui. ".

Viviano al Bologna?
"Viviano ha meritato in ritardo quello che doveva avere qualche anno fa. C'è una ricerca spasmodica di portieri dall'estero e lui è superiore a tanti. E' arrivato in ritardo, ma è ancora giovane e nei prossimi anni sarà protagonista assoluto".

Zambrella se l'aspettava senza squadra?
"No perché è un ragazzo giovane, che andava a fine contratto, ma queste sono le cose del calcio. Non bisogna sorprendersi più di niente. E' chiaro che può aver fatto meno di quanto ci si aspettasse, ma ha 23 anni ed ha tutte le qualità. Pensavo che una volta lontano da Brescia, dove poteva aver chiuso un ciclo, avrebbe avuto modo di esprimersi, ma questa è una cosa strana perché quando c'ero io lo volevano in tanti e ora che si è liberato a parametro zero nessuno lo prende".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Ravanelli 11.12 - “Il Napoli dovrà cercare di fare la partita e non farsi sovrastare dal Liverpool. Servirà essere impeccabili, credo che sia nelle corde del Napoli sbancare Anfield. Gli azzurri potranno fare un brutto scherzetto al Liverpool”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex attaccante di - tra le altre...

A tu per tu

...con A.Canovi 10.12 - “Ibrahimovic al Milan, sarebbe un’operazione simile a quella che la società rossonera ha già fatto con Beckham. Malgrado le complicazioni delle ultime ore, non sarebbe male la coppia Ibra-Higuain”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Alessandro Canovi. Nome altisonante,...

A tu per tu

...con Novellino 09.12 - “Milan-Torino? Sono legato, ovviamente, ai granata. Ma io tifo Gattuso”. Così a TuttoMercatoWeb il doppio ex di Milan-Torino, Walter Novellino. “Ho grande affetto per il Toro. Però - continua Novellino - sono contento per Gattuso, il Milan sta dimostrando tutto il suo valore”. I...

A tu per tu

...con Materazzi 08.12 - “Quando tuona alla fine piove...”. Così a TuttoMercatoWeb l’agente del portiere del Genoa Federico Marchetti, Matteo Materazzi a proposito del cambio di allenatore in casa rossoblu. Il Genoa è ripartito da Prandelli. Come lo vede? “Non lo so, perché non è facile. Nessuno mette...

A tu per tu

...con Moggi 07.12 - “Oggi si gioca la partita tra le migliori squadre del campionato insieme al Napoli. È una partita interessante, difficile perché l’Inter cercherà di adottare una strategia difensiva. Il risultato, per la Juve, non è scontato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex direttore generale della Juventus,...

A tu per tu

...con Fares 06.12 - “Non dimentichiamo che siamo partiti con un -8. Possiamo dare di più, l’inizio dell’anno non è stato positivo per le note vicende, ma siamo convinti poter fare bene”. Così a TuttoMercatoWeb il presidente del Foggia, Lucio Fares. Mercato: che farete? “Valuteremo con calma, non...

A tu per tu

...con Caravello 05.12 - “A gennaio assisteremo ad un mercato dove farà qualcosa il Milan perché ha avuto infortuni e per rimanere competitivo dovrà intervenire. Si muoverà anche la Roma”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Danilo Caravello. Il Milan punta a riabbracciare Ibra. “Se ne parla....

A tu per tu

...con Antonelli 04.12 - “A gennaio mi aspetto interventi dalla Roma e poco dalla Juve. L’Inter invece non penso possa fare un colpo a sorpresa, mentre potrebbe fare due-tre cose in entrata il Milan”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Stefano Antonelli. Il campionato della Roma è assai altalenante. “La...

A tu per tu

...con Angeloni 03.12 - “Da quando è arrivato Zenga il bilancio è positivo, ha portato una mentalità che la squadra ha recepito. Il mister, come ha detto anche Calori in una recente intervista, è un allenatore prestato alla serie B”. Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Venezia, Valentino Angeloni....

A tu per tu

...con Moriero 02.12 - “Roma e Inter? Entrambe vengono da due sconfitte in Coppa. L’Inter è avvantaggiata, la Roma ha tanti infortunati. Di Francesco ha una serie di difficoltà, si sapeva che per la Roma potessero esserci dei momenti poco felici... si mette in discussione l’allenatore ma mi sembra esagerato”....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->