VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Silvestre

"Samp, ripagherò la fiducia. Inter annata particolare, ora penso al presente. Mi voleva il Palermo, Sampdoria scelta giusta. E per il futuro priorità ai blucerchiati"
07.10.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 18274 volte
© foto di Federico De Luca

Ritrovato. Leader. Pilastro. Matias Silvestre è tornato ai suoi livelli. Sorride la Sampdoria. Sorride Silvestre. "Per me è un'annata importante, voglio fare bene e ho iniziato col piede giusto", dice a TuttoMercatoWeb il difensore argentino.

Ha davvero iniziato col piede giusto: con lei in campo la Sampdoria non ha preso neanche un gol.
"Ci tengo, come difensore il mio primo obiettivo è non far prendere gol alla squadra. Sono orgoglioso e fiero di questa cosa. Ma i complimenti vanno fatti alla squadra e all'allenatore che prepara bene le partite. Sono molto contento, davvero. Ora mi manca di fare gol, ma mi va bene anche non fare segnare gli avversari".

Insomma, Silvestre è tornato...
"Voglio ripagare la fiducia della Sampdoria. Volevo rimettermi in gioco e dimostrare che posso fare ancora bene. Ho sempre creduto nelle mie potenzialità. Sto dimostrando che sono sempre io: quello di Catania e Palermo".

Se ripensa all'anno scorso?
"Rispondo che è stato un anno strano. Al Milan però quando sono stato chiamato in causa ho fatto bene e dato il mio contributo. Ma sono stato fermato da diversi problemi fisici e ho perso un po di terreno nelle gerarchie. Ora però sono contento perché mi alleno con continuità e ho ritrovato la fiducia, i risultati sono positivi".

Inter: cosa le viene in mente?
"Ho vissuto un'annata particolare. Avevo iniziato bene, poi ho commesso qualche errore, è cambiato il modulo e la squadra ha fatto bene senza di me in campo. Mi è mancata fiducia, giocavo ogni tanto. Era difficile giocare ai miei livelli, non avevo fiducia e continuità. Ora la Samp, la scelta giusta. Davvero, sono contento".

Alla Samp è in prestito e ha il contratto con l'Inter in scadenza: in futuro si vede ancora blucerchiato?
"La priorità è il campionato che è appena iniziato. Volevo rimettermi in gioco e voglio ripagare la fiducia. Per il futuro la priorità l'avrà la Sampdoria che è stata brava a prendermi e a darmi questa possibilità di giocare con continuità. Ma poi nel calcio non si sa mai, sono tranquillo e faccio vedere che sto bene sul campo. Poi piano piano vediamo".

Obiettivo per il futuro tornare in una big dalla porta principale?
"Per ora sono tranquillo e soddisfatto di quello che sto facendo. Per prolungare il mio contratto do la priorità alla Sampdoria. Normale che il fascino della big ci sia sempre, cercherò di continuare così. Ma alla Samp sono felice, davvero. E questa squadra e questa società hanno la priorità"

Visto da vicino, com'è il Presidente Ferrero?
"Uno molto vicino alla squadra. Ci viene a trovare sempre, ha portato entusiasmo, è una persona molto positiva che ci carica molto. Ci dà fiducia e tanta carica ogni giorno".

L'arma in più della Samp: Sinisa Mihajlovic?
"Lo conosco bene. Siamo stati insieme a Catania e per me è stato determinante nella mia scelta. È bravo e preparato, lo ha dimostrato. Sa ottenere il massimo dai suoi giocatori, sono contento di essere un suo calciatore. Darò sempre il massimo, mi voleva anche alla Fiorentina. Ha sempre creduto in me".

Credeva in lei anche il Palermo, che avrebbe voluto riportarla in Sicilia.
"C'era stato qualche contatto. Avevo valutato positivamente l'idea di tornare perché a Palermo sono stato bene. Poi non si è fatto nulla. La Samp è stata la scelta giusta".

Palermo ancora in A e Catania promosso: possibile?
"Mi auguro che il Palermo si salvi e che il Catania torni in serie A. La Sicilia ha bisogno del derby, la gente ci tiene molto. Ho lasciato bei ricordi e ho ancora tanti amici, seguo sempre le due squadre e ci tengo che facciano bene".

Mg Genova 28/09/2014 - campionato di calcio serie A / Genoa-Sampdoria nella foto: gol Manolo Gabbiadini
 
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Corsi 24.11 - Sfida d’alta quota. Scontro diretto. Empoli-Frosinone è l’anticipo della giornata di serie B. “Cerchiamo di prepararla come una bella partita.... siamo giovani e abbiamo prospettive e ambizioni che andranno verificate quando il campionato entrerà nel vivo”, dice a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Rubinho 23.11 - “Vedo un campionato molto bello, divertente. Tante squadre in pochi punti e che stanno giocando bene. Lazio, Roma, Napoli... tutte squadre che rappresentano, in un modo o nell’altro, delle sorprese”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex portiere della Juventus, Fernando Rubinho. La Juve...

A tu per tu

...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.