HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Accadde Oggi...

12 ottobre 2010, caos dei tifosi serbi: la partita con l'Italia non si gioca

12.10.2017 04:00 di Lorenzo Marucci   articolo letto 9755 volte
© foto di Alberto Fornasari

Il 12 ottobre 2010 in occasione di Italia-Serbia a Genova (gara valida per le qualificazioni ad Euro2012) gli ultras serbi si scatenano provocando la sospensione definitiva del match. Numerose le tensioni con la Polizia e i lanci di petardi in campo: già nel pomeriggio si erano verificati in città scontri con le forze dell'ordine, poi al Ferraris la situazione si è fatta insostenibile. Allo stadio i tifosi serbi avevano anche tagliato la rete di protezione del settore in cui erano stati sistemati. Una volta sospesa temporaneamente la partita, i giocatori della Serbia hanno cercato di calmare gli animi della tifoseria andando sotto la curva a parlare con loro. Dopo mezz'ora di stop l'arbitro ha fatto riprendere il gioco ma l'ennesimo lancio di fumogeni in campo ha costretto il direttore di gara a sospendere definitivamente la partita. A capo della tifoseria serba c'era Ivan Bogdanov, leader degli ultrà della Stella Rossa e già ben noto alla polizia serba. Per la cronaca l'Uefa decise poi per il 3-0 a tavolino a favore dell'Italia.

polizia e ultrà della serbia genova - stadio luigi ferraris 12/10/2010 calcio qualificazioni euro 2012 italia-serbia
 
© foto di Alberto Fornasari

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Juve, oggi in Lega contatto con Preziosi per Perin Galeotta fu la Lega. E' atteso per oggi presso gli uffici della Lega di Serie A un nuovo contatto fra l'ad della Juventus Giuseppe Marotta e il presidente del Genoa Enrico Preziosi per fare il punto sul futuro di Mattia Perin, portiere e capitano del Grifone nel mirino dei bianconeri....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy