HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Accadde Oggi...

20 aprile 1986, harakiri Roma: perde col Lecce e dà il titolo alla Juve

20.04.2019 04:00 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 4170 volte

Il campionato del 1985/86 è stato uno dei più appassionanti della storia del calcio italiano. Le due rivali che hanno monopolizzato la scena nei primi anni ’80 sono Juventus e Roma. Si trovano appaiate in testa alla classifica a due giornate dal termine. La Juventus è partita meglio ma nella seconda parte della stagione rallenta e si fa raggiungere dai giallorossi. Sembra inevitabile uno spareggio e c’è chi pensa anche che la Roma sia la favorita: arriva a giocarsi le ultime giornate con il vento in poppa e l’ultima domenica e penultima la mettono di fronte a Lecce e Como, la seconda naviga tranquillamente a metà classifica e il Lecce è già condannato in Serie B. Diverso per la Juventus, che nella penultima giornata deve ospitare il Milan, in lotta per un posto in Uefa, eppure all’Olimpico alla Roma, il 20 aprile del 1986 capita il più classico dei testacoda: un risultato clamoroso. Passata in vantaggio dopo pochi minuti e pronta a vivere una domenica tranquilla, aspettando il risultato di Torino, i giallorossi vengono raggiunti e poi superati fino al risultato di 1-3 dal Lecce. A Torino increduli si guarda il tabellone dello stadio ad indicare il risultato di Roma, la Juventus ne approfitta e con Laudrup segna la rete della vittoria contro il Milan. La Roma riesce ad accorciare ancora le distanze, ma la gara finirà 2-3 per i pugliesi. La settimana successiva i bianconeri diventano i campioni d’Italia proprio a Lecce.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

Torino, fine del sogno ma il progetto continua Cinquemila anime granita al Castellani per tributare il giusto applauso ai protagonisti di una stagione da standing ovation. Finisce sostanzialmente qui il campionato del Torino, con una proiezione totale a ciò che accadrà in estate come preludio ad un progetto che Cairo vuole continuare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510