Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / alessandria / Editoriale
Prendere o lasciare. Essere o non essere. GrigiOnLine ci sarà sempre!TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 24 giugno 2022, 08:30Editoriale
di Fabrizio Pozzi
per Grigionline.com

Prendere o lasciare. Essere o non essere. GrigiOnLine ci sarà sempre!

Allora… proviamo a fare un riepilogo della situazione in casa Alessandria Calcio dopo la conferenza stampa tenuta ieri dal presidente Luca Di Masi (leggi anche Luca Di Masi: “Società in vendita e giocatori liberi di trovare altre squadre”). L’incontro con i mass-media non ha offerto particolari novità rispetto a quanto già proposto nella conferenza stampa di inizio giugno. L’indicazione di fondo, certamente ancora più esplicita, è la conferma della volontà di Di Masi di liberarsi di quello che ormai viene considerato un fardello, pur dopo averlo iscritto al prossimo campionato di serie C con esborsi e garanzie fornite non trascurabili.

Questo aspetto, che in molti avevano dato dato per scontato, tale non era. Ovviamente non siamo convinti del fatto che l’iscrizione sia da ritenere un atto dovuto nei confronti della piazza o di chiunque altro. Semplicemente è da considerare un passaggio necessario per mantenere in vita un asset che, altrimenti, sarebbe stato disperso con un ulteriore e definitivo danno economico da fronteggiare proprio per il presidente Di Masi.

In sostanza siamo di fronte ad uno scenario che prevede solo un paio di soluzioni alternative tra di loro. 

L’ipotesi più romantica – e proprio per questo più remota – è l’arrivo di un cavaliere bianco che si faccia carico del fardello (di cui sopra) e rilanci le ambizioni. Sinceramente ci pare quantomeno utopistico pensare che un qualunque serio imprenditore possa davvero manifestare interesse per i grigi. Del resto Alessandria, intesa come città, ad oggi non pare essere in grado di proporre attrattive di qualsivoglia natura. Prova ne sia il fatto che nessuna realtà economico-finanziaria locale abbia finora manifestato il suo interesse per il sodalizio grigio…

Il rovescio della medaglia è il mantenimento dello status quo, con la premessa di un club comunque in vendita a potenziali (?) acquirenti che dovrebbero fornire non meglio specificate garanzie – ed a questo proposito potrebbe aprirsi un discorso senza fine – per assicurare all’Alessandria ed ai suoi tifosi un futuro radioso.

Molto più concretamente, nel caso le trattative di cessione non si realizzassero, si tratterebbe di provare a vivacchiare in serie C – con tutti i rischi che questo comporta – con Luca Di Masi ancora presidente ed un budget prossimo allo zero. Qualcosa di molto più complicato rispetto al ben noto progetto-giovani che abbiamo conosciuto nella stagione 2018/19.

In questo preciso momento, ed in questo contesto, fa quasi sorridere pensare che l’Alessandria si presenti con 17 (!) giocatori sotto contratto ma liberi di accasarsi altrove. 

Ad occuparsi di quello che si annuncia essere un complicatissimo mercato in uscita  dovrebbe essere il diesse Fabio Artico, forte di ancora due anni di legame con l’Alessandria. Abbiamo usato il condizionale anche se non pare ci siano allettanti alternative per l’uomo-mercato dei grigi, il quale dovrà dunque dedicarsi, senza neanche poter contare su incentivi all’esodo, a fare piazza pulita. Posizione tutt’altro che invidiabile…

Con tutte le panchine delle categorie superiori, a partite dalla serie B, praticamente già occupate mister Moreno Longo (che ha ancora un anno di contratto con l’Alessandria…) sarà costretto a scegliere se fare buon viso a cattivo gioco ed accettare di condurre un manipolo di ragazzini oppure puntare ad una rescissione in attesa di eventuali avvicendamenti, per l’appunto, nelle categorie superiori per subentrare in corsa su panchine di altra levatura.

Non ci resta che rimanere alla finestra ed attendere il susseguirsi degli eventi.

Siamo impazienti, vorremo già sapere come andrà a finire, ma approfittiamo di questa occasione per affermare, e confermare qualora ce ne fosse bisogno, che il nostro portale GrigiOnLine.com continuerà a seguire l’Alessandria informando la tifoseria grigia come ha sempre fatto da quando è nato.

E lo farà qualunque cosa succeda...