Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / alessandria / Serie C
Teramo, Iachini: "Indice di liquidità? La norma deve valere per tutti i club professionistici"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
lunedì 27 giugno 2022, 16:19Serie C
di Claudia Marrone

Teramo, Iachini: "Indice di liquidità? La norma deve valere per tutti i club professionistici"

Come riporta ekuonews.it, nella giornata di ieri, sulle frequenze di Radio Sportiva, è intervenuto l'ex patron del Teramo Franco Iachini, che ha appunto parlato della precaria situazione del club, che è comunque riuscito a presentare domanda di iscrizione al prossimo campionato di Serie C, seppur con il problema dell'indice di liquidità non rispettato: "E’ una situazione scomoda la nostra, a seguito di un vulnus operativo del Tribunale di Roma che ha coinvolto l’attuale proprietà, per problematiche lontane dal mondo del calcio. Di fatto il club non è più stato nella condizione di potersi esprimere compiutamente nella classica continuità aziendale, per quelle che sono le attività da dover espletare. Il Consiglio Federale del giorno 8 luglio non potrà non considerare che il problema dell’indice di liquidità sia stato sconfessato dal TAR Lazio, anche se per la sola Serie A. Non può non essere esteso a tutti i club professionistici, anche perché tale norma è arrivata a campionato in corso. L’aspetto più grave e che contesto al Tribunale è che non ha mai dissequestrato le quote fino all’ultimo giorno, dopo aver atteso che sia il socio di minoranza facesse il proprio garantendo la fideiussione sia il territorio intervenisse economicamente. E’ venuto meno, invece, proprio il loro intervento, necessario per sanare ogni situazione“.

Conclude: “E’ una situazione della quale il Consiglio Federale non può non tener conto: il “terzo”, esterno alla società, non ha fatto quel che avrebbe dovuto. Avessero liberato prima le quote del Teramo Calcio, e martedì prossimo vedremo come andrà, Giuseppe Spinelli, intenzionato ad acquistare il club, avrebbe portato a termine l’iter. Mi rivolgo agli organi competenti; meritiamo un trattamento che tenga conto di questo intervento a gamba tesa del Tribunale, magari fatto in buona fede, ma avrebbero dovuto permetterci di passare la mano a chi aveva e ha interessi per l’acquisizione del club. Questo avrebbe fatto sì che non ci sarebbero stati problemi di alcuna natura".